ma che scambi sono?



Regole del forum
Rivarossi-Memory.it
"E' il link del bellissimo sito dedicato alla storia della vecchia Rivarossi.
Già da tempo in contatto con loro, abbiamo insieme deciso di creare una sezione del forum dedicata al loro sito.
Naturalmente per prima cosa, per chi non l'avesse ancora fatto, vi consiglio di andare a visitare il sito http://www.rivarossi-memory.it e di studiarlo per bene visto che contiene buona parte della storia del fermodellismo Italiano per poi venire qui e parlarne con noi e con loro!
Vi aspettiamo numerosi!!!
Lo staff di ferramatori.it e di rivarossi-memory.it"

ma che scambi sono?

Messaggioda Massimo » 23 giu 2018, 9:54

nella recente pubblicazione del catalogo 1969/70, in retrocopertina sono pubblicati scambi e rotaie, come una texture, per supportare il testo introduttivo.
Ma non riesco a capire di che armamento si tratta...
Scommettiamo che il trenino deraglia?... (x)
Ma che senso aveva pubblicare un fotomontaggio del genere quando esistevano già scambi e rotaie RR doc su cui lavorare?
Come potrete vedere anche nel c.g. 1970/71 la seconda di coperta e la prima romana ripeteranno ancora la stessa fotolito
Allegati
rotaie.jpg
Massimo

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 1596
Iscritto il: 17 mar 2009, 9:39

Re: ma che scambi sono?

Messaggioda thedoctor » 23 giu 2018, 15:13

Mah,dalla traversine assomigliano a quelli della serie RR (che poi ricordavano i Fleischmann coevi),con l'innesto a unghia). [lupe.gif]
thedoctor

 
Messaggi: 412
Iscritto il: 12 lug 2014, 12:35
Località: Castelcrati terme (Calabria settentrionale)

Re: ma che scambi sono?

Messaggioda Massimo » 23 giu 2018, 16:08

...o è solo un bel disegno?...
Massimo

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 1596
Iscritto il: 17 mar 2009, 9:39

Re: ma che scambi sono?

Messaggioda Tricx » 23 giu 2018, 16:49

Chiaramente è solo un disegno senza riferimento a specifico prodotto.
Saluti. Riccardo.
Tricx

Avatar utente
 
Messaggi: 1282
Iscritto il: 22 set 2011, 20:08
Località: L'epicentro del trifase

Re: ma che scambi sono?

Messaggioda Karolus » 23 giu 2018, 22:19

Sicuro che non siano futuribili (per l'epoca) scambi a cuore mobile?
E che ci fa quell'incisione ad angolo nel cuore?
E poi, certo che deraglia: il cuore mobile è disposto per il corretto tracciato e gli aghi per la deviata! (Questo si vede meglio nel catalogo 1970-71)

E va bè, abbiamo scherzato. Ma il disegno, l'ha fatto qualche tirocinante non ancora a conoscenza della struttura di uno scambio?
Karolus

 
Messaggi: 290
Iscritto il: 3 apr 2010, 13:42

Re: ma che scambi sono?

Messaggioda Talgo49 » 23 giu 2018, 23:47

Sono sorpreso dalla vostra ignoranza in fatto di fermodellismo esoterico! Si tratta degli scambi nella stazione di Londra che si dipartono del binario 9 e 3/4 per il treno di Harry Potter verso Hogwarts.

Talgo49
Through the Rockies, not around them
Talgo49

Moderatore Globale
 
Messaggi: 1534
Iscritto il: 11 apr 2009, 10:22
Località: Orobia

Re: ma che scambi sono?

Messaggioda Karolus » 24 giu 2018, 9:10

:-o :-o :-o :-o :-o :-o :-o :-o
Karolus

 
Messaggi: 290
Iscritto il: 3 apr 2010, 13:42

Re: ma che scambi sono?

Messaggioda Massimo » 24 giu 2018, 10:39

concordo sulla versione Harry Potter.
Ma da pubblicitario mi stupisco come una casa di fermodellismo decori la seconda di coperta illustrando scambi assolutamente irreali. Si otteneva lo stesso effetto riproducendo scambi e binari Rivarossi, magari opportunamente reinventati dalla fantasia grafica del disegnatore del momento.
Rivarossi era particolarmente affezionata alle soluzioni grafiche interpretative e si poteva risolvere la pagina, anche con la stessa soluzione grafica adottata (disegno in mezzatinta fotomontato), rispettando almeno le tipologie di Como o comunque riproducendo scambi almeno funzionanti.
Dopotutto si parlava ad un popolo di fermodellisti e nel catalogo generale di un'Azienda tra le più importanti nel settore!

Il catalogo è firmato "studio Dalla Costa"; Amleto Dalla Costa, nella nostra intervista, affermava che non capiva niente di treni e di trenini. Gli era stata affidata semplicemente la redazione e l'impaginazione del catalogo. Probabilmente il disegno dello scambio+rotaie incriminati gli era stato suggerito (o imposto) da qualche autorità del commerciale (che in ogni caso doveva aver approvato le bozze). E Dalla Costa, quando disegnava, non perdeva di vista la realtà: ricordate la bellezza artistica piena di realismo dei disegni a china sulle scatole e sull'editoria?

Come potrete vedere anche nel c.g. 1970/71 sarà ripetuta la stessa fotolito, ma addirittura due volte: seconda di coperta e prima romana
Massimo

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 1596
Iscritto il: 17 mar 2009, 9:39

Re: ma che scambi sono?

Messaggioda merlotrento » 26 giu 2018, 12:54

Tutto vero e rispettabile quel che dite.....ma -1- -1- -1- -1- [ops.gif]
tp 1948001.jpg

[09.gif] [09.gif] [09.gif] [09.gif] -4-
merlotrento

Avatar utente
 
Messaggi: 578
Iscritto il: 1 apr 2011, 21:05

Re: ma che scambi sono?

Messaggioda Talgo49 » 26 giu 2018, 14:16

Una interessante curiosità, certo che nel mondo ferroviario è proprio stato inventato di tutto. Comunque l'origine inglese di questi scambi supporta l'idea che gli scambi di Massimo siano di origine Potteriana, cosa che però i Babbani non possono comprendere.

Talgo49
Through the Rockies, not around them
Talgo49

Moderatore Globale
 
Messaggi: 1534
Iscritto il: 11 apr 2009, 10:22
Località: Orobia

Prossimo

Torna a Rivarossi - Memory

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot], Google [Bot] e 3 ospiti