plastico RR delle curve



Regole del forum
Rivarossi-Memory.it
"E' il link del bellissimo sito dedicato alla storia della vecchia Rivarossi.
Già da tempo in contatto con loro, abbiamo insieme deciso di creare una sezione del forum dedicata al loro sito.
Naturalmente per prima cosa, per chi non l'avesse ancora fatto, vi consiglio di andare a visitare il sito http://www.rivarossi-memory.it e di studiarlo per bene visto che contiene buona parte della storia del fermodellismo Italiano per poi venire qui e parlarne con noi e con loro!
Vi aspettiamo numerosi!!!
Lo staff di ferramatori.it e di rivarossi-memory.it"

plastico RR delle curve

Messaggioda jurghens » 11 lug 2018, 22:56

plast curve foto1.jpg
plast curve foto2.jpg
plast curve schema.jpg
salve a tutti ,e' un po' che sono assente sul forum, per lavoro, e mi assenterò' ancora, ma nei minuti liberi, sfogliando il MANUALE DEI TRACCIATI,a riguardo del plastico delle curve, mi sono accorto di un particolare, che non avevo mai notato in tutti questi anni......esattamente che il convoglio nella foto ,come lunghezza non può' starci nel raddoppio di binario, e che appunto ci sono discrepanze tra foto e disegno del tracciato, magari voi ve ne siete accorti......forse.....in tutti questi anni,io no.....ecco le foto (si capisce chiaramente che 6 vagoncini da 10cm circa caduno+ loco sembra una 625,intotale e' circa 80/85 cm, mentre nel disegno ci sono solo 70 cm massimo di binario disponibile), ovviamente si nota che i 2 scambi sono vicini, mentre nello schema sono divisi da una curva, sembra una RC120.ciao a tutti,Jurghens
jurghens

 
Messaggi: 44
Iscritto il: 16 nov 2012, 23:36

Re: plastico RR delle curve

Messaggioda Karolus » 12 lug 2018, 8:29

L'avevo notato da parecchi anni ... probabilmente nel passare dal progetto all'esecuzione si sono voluti allungare i binari della stazione superiore, tanto più che quel tratto in curva di cui parli alla fine del tuo post per l'esercizio ferroviario non dice nulla, è solo imposto da vincoli di tracciato.

Comunque credo possa essere interessante un'elaborazione che avevo fatto molto tempo fa, proprio per studiare le differenze tra tracciato in disegno e in foto. A proposito delle fotografie, il lavoro di individuazione, a partire da esse, degli elementi di binario usati non è facile poiché occorrerebbe mettere anche in conto le deformazioni prospettiche. E non parliamo del fatto che RR, nei suoi plastici, non credo si sia mai vietata l'uso qualche spezzone di binario "ritagliato" secondo bisogno!

Buona giornata a tutti.

curve2a.jpg
Karolus

 
Messaggi: 324
Iscritto il: 3 apr 2010, 13:42

Re: plastico RR delle curve

Messaggioda Karolus » 12 lug 2018, 8:34

Ora che riguardo quest'immagine, mi accorgo che le differenze sono notevoli, anche nei tratti in galleria! Evidente conseguenza della riprogettazione della stazione superiore.

Non so per quali motivi il tracciato in galleria più in alto appare "spezzato"; ma traslandolo verso il basso di poco va ad unirsi al rimanente con buona approssimazione.
Karolus

 
Messaggi: 324
Iscritto il: 3 apr 2010, 13:42

Re: plastico RR delle curve

Messaggioda jurghens » 12 lug 2018, 14:01

ottima osservazione....verissimo,complimenti!!!
jurghens

 
Messaggi: 44
Iscritto il: 16 nov 2012, 23:36

Re: plastico RR delle curve

Messaggioda Bruno » 9 gen 2019, 15:39

Buon giorno a tutti.

Anni fa avevo pensato di costruire il plastico delle curve ed avendo notato anch'io le differenze, con l'aiuto del software Railmodeller ho cercato di ricostruire il disegno reale.

Penso che al netto di qualche piccola modifica da me introdotta, quello che ho ottenuto corrisponda abbastanza al tracciato delle foto e che questo si possa chiudere solamente utilizzando dei binari diritti con misure realizzate ad hoc, visibili in alternativa ai codici binario RR nell'immagine che allego.
Allegati
Schermata 2019-01-04 alle 19.56.29.png
Bruno

 
Messaggi: 26
Iscritto il: 21 mar 2009, 17:19

Re: plastico RR delle curve

Messaggioda Karolus » 12 gen 2019, 10:58

Ottimo lavoro, Bruno!
Karolus

 
Messaggi: 324
Iscritto il: 3 apr 2010, 13:42

Re: plastico RR delle curve

Messaggioda Antonello Lato » 12 gen 2019, 14:14

Non avevo mai fatto caso al fatto che fra la foto del plastico in costruzione e quella del plastico finito c'e' stata la migrazione delle due stazioni con conseguente scambio di posizione. :D

Antonello
Antonello Lato

Avatar utente
 
Messaggi: 201
Iscritto il: 21 apr 2009, 11:45
Località: Pescara

Re: plastico RR delle curve

Messaggioda claudio_62 » 13 gen 2019, 3:00

Buona sera a Tutti

Innanzitutto complimenti a Bruno per il lavoro che hai fatto con il CAD.

Mi sono appassionato al discorso del tracciato del plastico “delle curve” e aggiungo un po’ di “note curiose”.

La diversità tra lo schema sulla carta ed il tracciato effettivo della stazione superiore l’avevo già notata… nel secolo scorso.
Il manuale dei tracciati ed. 3 me l’hanno regalato nel 1975 ed avevo attenzionato proprio quell’impianto quale spunto per crearmi un plastico.
Mi aveva colpito l’assenza della distinta dei materiali necessari alla realizzazione.
Studiando l’impianto notai che, nella foto dall’alto del plastico in costruzione, una sezione di binario della stazione superiore appariva palesemente più corta del dovuto.
E’ quella che è stata calcolata in 15,9 cm da Bruno con il CAD.

binario corto.jpg
Malgrado la prospettiva la differenza è evidente


Dalla fotografia è impossibile definirne la lunghezza esatta, ma i vincoli di incastro dei paletti della linea aerea lasciano capire una lunghezza sicuramente minore di 188 mm.
Al tempo sorrisi del fatto che, l’assenza della “lista della spesa”, appariva come un consiglio a… non realizzare quell’impianto, perché era necessario segare almeno un binario ed una catenaria.

Spulciando su RR Memory (e per questo ringrazio tantissimo la Redazione!) ho trovato elementi utili a tracciare la storia di questo plastico.
Nella sezione “I plastici Rivarossi” è presente l’opuscolo “20 Plastici Rivarossi” ed. Briano, anno 1965.
Il plastico “delle curve” è presentato come “plastico n° 10” alle pagine 22 e 23, questa volta corredato dall’elenco dei materiali, ovviamente relativo alla soluzione con la stazione superiore “corta”.
Inoltre, a pag. 21 è presente l’impianto n° 9, (presente su H0RR nn. 26 e 27 dell’estate 1958), del quale il “delle curve” è dichiarato come l’ampliamento con aggiunta della L.A.
Di questo documento “rilancio” le pagine citando la pubblicazione nelle note.
Spero di non violare le regole del forum, ma son costretto per meglio spiegare il tutto.
20 Plastici RR pag. 21.jpg
20 Plastici RR - Briano Editore - pagina 21

20 Plastici RR pag. 22.jpg
20 Plastici RR - Briano Editore - pagina 22

20 plastici RR pag. 23.jpg
20 Plastici RR - Briano Editore - pagina 23


Ulteriormente incuriosito, ho rimesso mano al manuale dei tracciati (ed 3) ed ho trovato una incongrenza, relativa alla stazione inferiore.
Lo schema di principio è diverso dallo schema con i collegamenti elettrici.
Nello schema di principio, oltre ad un errore tipografico (segnalato), la parte di destra del binario deviato è realizzata con una sezione curva r400 ed un tratto da 100 mm con sganciatore magnetico, mentre lo schema dei collegamenti elettrici, evidenzia una sezione e ½ entrambe r 585.
Il bello è che quest’ultima configurazione è quella dello schema proposto sull’opuscolo della Briano editore.

schema unifilare.jpg
Schema di principio

schema stazioni corretto.jpg
Schema stazioni corretto


In sostanza mi son fatto un’idea di cosa possa essere successo.
In ordine cronologico.

Estate 1958 – H0RR 26 e 27 – costruiamo un plastico.
Era stato realizzato il “curvino” (lo chiamo così per distinguerlo), semplice e di bellissimo aspetto, con due soli tronchini di scalo, entrambi a sinistra (teneteli a mente).
La forma base della stazione è la stessa della stazione inferiore del “delle curve”, con la sezione e ½ r 585 descritte in precedenza.

1959 – H0RR 40 e 41 (costruiamo un plastico, pubblicati autunno 1960)
Per la Fiera di Milano del 1959, traendo spunto dal “curvino” viene realizzato il “delle curve”.
Probabilmente dovettero allestirlo in fretta e, per questo, iniziarono… i guai.
La prima versione della stazione superiore (corta) non richiedeva binari artigianali, ma non consentiva di fare parata con una locomotiva ed almeno 3 vagoni.
L’allungamento generò la necessità del binario artigianale.
Non era finita qui.
L’installazione della rimessa delle locomotive richiese l’inserimento degli sganciatori magnetici sui binari di corsa della stazione inferiore.
sganciatori magnetici.jpg
Posizione sganciatori magnetici

Per il binario di corretto tracciato non era un problema, bastava cambiare una sezione rettilinea da 100 mm.
Viceversa, il binario deviato richiese la modifica della curva di destra, che passò da 1 sezione e ½ r 585 ad una sezione r 400 + rettilineo 100 mm con sganciatore.
Così si “sballò” anche la stazione inferiore.
La sezione da 11,8 cm individuata da Bruno poteva essere “parata” con una aggiuntiva da 1,2 cm ed una “tiratina di binario”, lasciando a 100 mm la lunghezza del tratto con il magnete di sgancio.
Per la catenaria, restando il vincolo dell’innesto dei paletti tra le traversine, avrebbero modificato quella dello scambio di sinistra, risaldando il ramo deviato più avanti di 12 mm.
Del resto, le “tirate di binario” c’erano per forza.
La fotografia del retro del plastico evidenzia il binario un po’ inclinato (sembra meno di 10 gradi), mentre sul fronte i due scambi in primo piano sono paralleli al bordo del tavolo ed il binario sullo sfondo è quasi parallelo alla fiancata.
binario inclinato.jpg
Il binario inclinato visibile sul retro

fronte.jpg
Gli scambi in primo piano sono paralleli al bordo tavolo

Purtroppo, lasciarono i tronchini di scalo a sinistra, e per questo il plastico necessita di una circolazione… alla tedesca, a destra, ma l’impianto elettrico è per una circolazione a sinistra.
In pratica, l’impianto era poco… giocabile, un treno merci raccoglitore non era gestibile.
L’unica accortezza, per poterci giocare per bene, sarebbe stata una realizzazione “specchiata”, con i tronchini a destra, rinunciando solamente a mettere in primo piano l’accesso laterale del deposito locomotive.

1966 - Pubblicazione del "delle curve" sui manuale dei tracciati

Il “delle curve” compare sul manuale dei tracciati.
Ma quale sia stato l’epilogo ve lo lascio immaginare.
In tutte le edizioni, l’articolo è lo stesso.
Il testo e le foto, con una diversa prefazione, sono quelli pubblicati su H0RR 40 e 41, ma manca clamorosamente un adeguamento del tracciato per renderlo realizzabile senza “segare”.
Con le più recenti rotaie (dritte 188 mm e curve r 515) ed una maggiore disponibilità di catenarie rettilinee particolari (94, 188 e 212 mm) avrebbero potuto anche provare a ri-studiarlo.
Invece, è stato consegnato alla memoria collettiva nella sua veste originale del 1959.

Scusate la lunghezza del testo.

Claudio

P.S. Mi scuso con la Redazione, ma ho dovuto cambiare gli allegati perché son pieno di sonno ed avevo inserito alcuni pdf anziché jpg.
claudio_62

Avatar utente
 
Messaggi: 16
Iscritto il: 21 lug 2017, 14:49
Località: Milano

Re: plastico RR delle curve

Messaggioda Karolus » 14 gen 2019, 19:05

Complimenti per il lungo e complesso lavoro di ricostruzione!
Soltanto una considerazione: la circolazione a sinistra in una stazione su una linea a semplice binario era una regola (che poteva quindi ammettere eccezioni) nel vecchio Regolamento per la Circolazione dei Treni del 1936 e solo in caso d’incrocio. Nel Regolamento del 1962, attualmente in vigore, questa regola non esiste più. Quindi la possibilità di gestire secondo i regolamenti un merci raccoglitore che “gira” in senso antiorario esiste. La vedo invece un po’ più difficile nel senso opposto, a meno di manovrare con l’ altro binario libero portando la locomotiva in coda al treno e usando staffe in scala 1:87 (o 1:80) per immobilizzare i carri rimasti sul binario di arrivo, sempre in notevole pendenza ... Oppure usando una loco di manovra.
Karolus

 
Messaggi: 324
Iscritto il: 3 apr 2010, 13:42


Torna a Rivarossi - Memory

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti