MARKLIN DI MIO NONNO



Regole del forum
Potete utilizzare questa sezione per chiedere informazioni sul materiale fermodellistico, case che producono un particolare oggetto che vi serve e per condividere con tutti un particolare accessorio che avete trovato e che può venire utile a tutti coloro che hanno intrapreso una "avventura" modellistica.

MARKLIN DI MIO NONNO

Messaggioda berto75 » 13 nov 2020, 17:31

Salve in questi giorni di lockdown e con la scusa :mrgreen: di inaugurare la stazione di latta kibri ne ho approfittato per tirare fuori alcuni modelli marklin di mio nonno per farli sgranchire (gioco poco con i marklin ) ho allestito un semplice ovale di binari sul tavolo ottenuto con i binari presenti nella stessa confezione .
questa è la scatola 3103 una confezione basilare all'epoca penso molto comune che però non trovo riportata sul catalogo delle valutazioni kolls :roll: perchè ? :?
una curiosità ho notato che le cartine che avvolgono i vagoni [lupe.gif] hanno riportato timbrato in blu il codice dei medesimi.
anche i treni teutonici in lamierino hanno un loro fascino [wub.gif] marklinistici -4- berto75
Allegati
005 (2).JPG
001 (2).JPG
002 (4).JPG
CARTINE CON TIMBRI CODICE VAGONI MARKLIN.jpg
003 (2).JPG
SCATOLA NONNINO.jpg
VAGONE NONNINO.jpg
007 (2).JPG
marklin nonno.jpg
LOCO NONNINO.jpg
si noti la leva per l'inversione di marcia posta sul fianco della locomotiva
berto75

 
Messaggi: 2847
Iscritto il: 18 mar 2014, 20:37

Re: MARKLIN DI MIO NONNO

Messaggioda Max 851 » 13 nov 2020, 18:43

Bellissima! In effetti questa confezione è stata in catalogo per molti anni. La locomotiva è una Br 24, chiamata "cavallino della steppa", era la più piccola locomotiva unificata della DR e dopo la guerra ha fatto servizio fino agli anni 60 sia a Est (DR) che a Ovest (DB), e qualcuna anche sulle ferrovie polacche (PKP), un vero "cavallo di battaglia" della Maerklin, in catalogo dal 1956 come FM800 e fino a non molti anni fa come art. 3003, poi sostituita da una versione più moderna e naturalmente digitale. Le carrozze erano chiamate "Donnerbuechsen", ovvero "Scatoloni tonanti" per via della loro rumorosità, evidentemente in confronto alle carrozze più antiche con la cassa in legno. Sono modelli che ho tutti, però acquistati "sciolti" in tempi diversi, certo la confezione ha un fascino speciale.
Massimiliano
Max 851

 
Messaggi: 1017
Iscritto il: 6 gen 2013, 18:12

Re: MARKLIN DI MIO NONNO

Messaggioda berto75 » 13 nov 2020, 22:19

Grazie mille Massimiliano :smile: per le interessantissime informazioni!! -2- in effetti le confezioni complete di trenini ,indipendentemente dalla marca e dal loro contenuto ,sono generalmente molto più affascinanti dei vari pezzi reperiti singolarmente .
sferraglianti -4- berto75
berto75

 
Messaggi: 2847
Iscritto il: 18 mar 2014, 20:37

Re: MARKLIN DI MIO NONNO

Messaggioda GianCB » 14 nov 2020, 14:33

Bella la Steppenpferd BR24, e bella pure la scatole con il set Maerklin - complimenti. Pero' anche la stazione di latta e' carina, e va benissimo con questa confezione.
GianCB

 
Messaggi: 52
Iscritto il: 20 set 2020, 18:05

Re: MARKLIN DI MIO NONNO

Messaggioda Michelemassa » 14 nov 2020, 16:58

Ciao Berto
È bellissima la tua confezione complimenti applause1
Devo ammettere che i marklin mi hanno sempre affascinato ,ma non ho mai approfondito la cosa e tutte le volte che vedo in vendita sulla baya un set mi prudono le mani !
Chissà in un futuro ....
Saluti
Michele
Michelemassa

 
Messaggi: 450
Iscritto il: 3 dic 2019, 18:34

Re: MARKLIN DI MIO NONNO

Messaggioda berto75 » 14 nov 2020, 23:08

grazie amici per i vostri complimenti !! -2- :oops:
in effetti la stazione di latta (ho scoperto sul sito konrad antiquario che era la versione più piccola e economica tra le stazioni in latta kibri )si sposa molto bene con i carri in lamierino.
Quanto al prudere le mani caro Michele prudono sempre anche a me specie quando vedo scatole complete e ben tenute [wub.gif] di qualunque marca siano (x) .
Comunque questa non è una confezione rara ,(sono ben altre le confezioni di valore marklin ) ma secondo me è il suo perfetto stato di conservazione che la rende interessante .
sul kolls non ho trovato la potenziale valutazione di questa confezione (che comunque non venderei mai essendo un ricordo di mio nonno),ma su e bay ne vendono una a 190 euro ottimamente tenuta [lupe.gif] è in una bellissima scatola acquarellata credo successiva alla mia .
riporto foto del venditore a scopo puramente documentario curiosi -4- berto75
Allegati
s-l1600.jpg
3103_69_startset_detail1_zps3ccp1c4q.jpg
3103_69_startset_detail3_zpsa2isj1so (1).jpg
3103_69_startset_detail2_zpsx5qcvryw.jpg
berto75

 
Messaggi: 2847
Iscritto il: 18 mar 2014, 20:37

Re: MARKLIN DI MIO NONNO

Messaggioda berto75 » 19 nov 2020, 1:29

Questa invece ,sempre proveniente dalla raccolta di mio nonno , è una loco da manovra elettrica rossa tedesca contenuta in una bellissima scatola acquarellata art.3001.
da notare tutti i i mancorrenti che sono riportati [lupe.gif] .
-4- notturni berto75
Allegati
024 (2).JPG
marklin loco rossa el-.jpg
026 (4).JPG
027 (3).JPG
028 (3).JPG
029 (2).JPG
031 (4).JPG
berto75

 
Messaggi: 2847
Iscritto il: 18 mar 2014, 20:37

Re: MARKLIN DI MIO NONNO

Messaggioda Max 851 » 25 nov 2020, 9:54

Ciao Berto,
interessantissimi i Maerklin di tuo nonno, anche se non si tratta di modelli rari. Aggiungo per completare le informazioni che la carrozza a terrazzini veniva venduta anche in scatola di montaggio, infatti io ne ho tre di cui due provenienti da scatole di montaggio, una delle quali acquistata anni fa al solito mercatino ancora da montare, potevano poi essere munite di illuminazione interna con l'art. 7074 (se vuoi si trova facilmente su ebay.de). Il bagagliaio esisteva anche in versione con i fanalini rossi di coda, e questa versione è quella che possiedo, acquistato nuovo in negozio... ai tempi della I media!
Il locomotore E63 è un classico, uscito nel 1953 come CE 800 (verde) e CEB 800 (marrone), in seguito rispettivamente 3001 e 3002, poi solo 3001 rosso e infine venduto come Teilesatz, che erano delle "strane" scatole di montaggio messe in commercio dalla Maerklin con i "pezzi" di locomotive non più in produzione, che non apparvero mai in catalogo. Erano anonime scatole di cartone con i pezzi contenuti in sacchetti di plastica, all'interno non c'erano nemmeno le istruzioni di montaggio ma solo un foglietto con l'elenco dei pezzi, ma per me avevano un fascino speciale! L'E63 (verde), che avevo sognato da bambino, lo acquistai a Milano da Borella quando ero militare a Novara... qualche decennio fa!
Massimiliano
Max 851

 
Messaggi: 1017
Iscritto il: 6 gen 2013, 18:12

Re: MARKLIN DI MIO NONNO

Messaggioda berto75 » 26 nov 2020, 18:57

Grazie mille Max per le tue SEMPRE graditissime :-P informazioni e consigli ! Terrò senz'altro presente l'opportunità di acquistare il kit di illuminazione per le carrozze in lamierino! (13) Ma per curiosità i modelli di carrozze marklin da montare (l'equivalente dei trenhobby RR) erano identici in tutto e per tutto a quelle vendute già montate? o variava che so il numero di iscrizione o servizio delle medesime ?
Immagino sia bellissimo il tuo bagagliaio nella versione con luci di coda dato che ho una vecchia carrozza passeggeri di mio nonno con luci di coda rosse e mi piace molto!
Non sapevo cosa fossero le teilesatz cioè quelle scatole di montaggio locomotive contenute in scatole grezze di cui dici (non le ho mai viste )ma come faceva uno a montarle senza istruzioni ? :?
Posto sotto foto di una E 424 marklin e dato che in questi giorni sto giocando sul tavolo in sala,ne ho approfittato [lupe.gif] per confrontarla con la contemporanea E 424 RR per sistema a tre rotaie art.Le 424/3 1001 , la quale naturalmente è ben più grossa del modello marklin .
peccato mio nonno non abbia comprato a suo tempo le carrozze castano isabella del marklin .
curiosissimi -4- berto75
Allegati
006 (2).JPG
ISTRUZIONI E 424 MARKLIN da me acquistate a parte per completare la scatola (quelle originali si erano perse) però dovrebbero essere giuste nel senso che anche la e 424 mostrata dovrebbe essere del 1961 se non sbaglio
004 (2).jpg
E 424 MARKLIN.jpg
005 (2).JPG
008 (2).JPG
E 424 marklin art.3035
013 (2).JPG
a sinistra il fondino del modello marklin a destra quello RR
009 (2).JPG
014 (2).JPG
010 (2).JPG
011 (2).JPG
confronto diretto tra una e 424 marklin e una e 424 RR per sistema a 3 rotaie
berto75

 
Messaggi: 2847
Iscritto il: 18 mar 2014, 20:37

Re: MARKLIN DI MIO NONNO

Messaggioda Max 851 » 27 nov 2020, 9:43

Ciao Berto,
i carri merci, e l'unica carrozza che era poi quella a terrazzini, venduti in scatola di montaggio (Bausatz) erano "quasi" uguali a quelli già montati, tranne i respingenti che anziché essere di metallo ribattuti sul telaio erano di plastica e dovevano essere fissati al telaio fondendo la parte interna sporgente con un cacciavite riscaldato.
Inoltre i ganci anziché essere assemblati con un perno ribattuto dovevano essere montati dall'acquirente utilizzando una piccola coppiglia come i Rivarossi.
Qualche carro poi, come il frigo, aveva una verniciatura un po' semplificata, infatti era tutto bianco e le istruzioni consigliavano "se non fosse apparso abbastanza bello" di "sporcare" un po' il tetto con la mina di una matita e di ripassare con della china nera i simboli dell'impianto frenante che erano in rilievo sugli angoli della cassa.
Comunque esistevano anche varianti apparse solo come scatola di montaggio, come il carro cisterna BP e, appunto, il frigo che per un breve periodo verso il 1958-59 apparve come Bausatz con una bellissima iscrizione rossa su fondo giallo "Chocolat Tobler".
Quanto alle Teilesatz, per me sono state un po' un oggetto misterioso, evidentemente lo scopo era quello di liberare i magazzini dalle componenti di modelli non più in catalogo, ma credo che l'offerta fosse rivolta in primo luogo ai grandi negozi che avrebbero potuto provvedere anche al montaggio. Ricordo che verso la fine degli anni 70 Isacco a Torino offriva questi modelli sia da montare che già montati, ci andai una volta con un collega sempre ai tempi del servizio militare (1981) e acquistammo due E 44, lui prese l'ultimo modello da montare mentre io mi dovetti accontentare di uno già montato (che ovviamente costava un po' di più).
Anche senza istruzioni il montaggio non era molto difficile, per chi aveva una certa conoscenza dei modelli Maerklin, a condizione di saper usare il saldatore per realizzare i collegamenti elettrici. Personalmente, a parte l'E44 di cui sopra, ho montato una Br 44 e un Re 4/4 svizzero, oltre all'E 63 di cui abbiamo parlato.
Massimiliano
Max 851

 
Messaggi: 1017
Iscritto il: 6 gen 2013, 18:12

Prossimo

Torna a Scala H0: Discussioni varie, Rotabili e Anteprime.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite