Elaboro o no? Dubbio esistenziale...



Regole del forum
Potete utilizzare questa sezione per chiedere informazioni sul materiale fermodellistico, case che producono un particolare oggetto che vi serve e per condividere con tutti un particolare accessorio che avete trovato e che può venire utile a tutti coloro che hanno intrapreso una "avventura" modellistica.

Re: Elaboro o no? Dubbio esistenziale...

Messaggioda Marco Fornaciari » 4 apr 2012, 22:25

(46) Oliviero oggi hai suggerito un come fare esplodere una loco :roll: :mrgreen:

Se si mettono i condensatori elettrolitici in parallelo ai led è indispensabile mettere almeno un diodo prima di led e condensatore. Diversamente il condensatore elettrolitico, che è polarizzato, se alimentato all'inverso ... di solito esplode (x)
Saluti
Marco Fornaciari
____________________________________________________________
Meglio essere folli per proprio conto, che saggio con le idee degli altri.
F.W. Nietzshe
Marco Fornaciari

Avatar utente
 
Messaggi: 301
Iscritto il: 9 feb 2009, 21:06
Località: Sorbolo (PR)

Re: Elaboro o no? Dubbio esistenziale...

Messaggioda Pecetta » 4 apr 2012, 22:57

Oops, devo aver fatto confusione con i disegni, ricordo solo che c'era un cerchio più grande di altri e che lo avevo provato con una lampadina preda dal carro merci SNCF che ha le luci posteriori ed il tetto grigio.

Ma ora l'amico fornaciari mi sta confondendo oltre... :(

Bye
Cerco pezzi e parti di trenini Rivarossi 1:80 in PM!

Direttive Aliene:
Rivarossi 1:80 NON si modifica
Rivarossi 1:80 si restaura e lo si fa il più vicino possibile a come l'oggetto era in origine.
Costi quel che costi!
Pecetta

 
Messaggi: 424
Iscritto il: 18 feb 2012, 0:00
Località: Non sono sulla Terra

Re: Elaboro o no? Dubbio esistenziale...

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 4 apr 2012, 23:12

ECCO LO SCHEMA TEORICO 8-)

Inversione luci bianche rosse CONDENSATORI.jpg


Per i valori dei componenti preferisco il metodo sperimentale.....realizzerò un prototipo Yellow_Flash_Colorz_PDT_02

Buona Pasqua
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3447
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: Elaboro o no? Dubbio esistenziale...

Messaggioda Pecetta » 6 apr 2012, 19:07

Oliviero Lidonnici ha scritto:ECCO LO SCHEMA TEORICO 8-)

Inversione luci bianche rosse CONDENSATORI.jpg


Per i valori dei componenti preferisco il metodo sperimentale.....realizzerò un prototipo Yellow_Flash_Colorz_PDT_02

Buona Pasqua


Gulp!

Per me è troppo complicato...

Bye
Cerco pezzi e parti di trenini Rivarossi 1:80 in PM!

Direttive Aliene:
Rivarossi 1:80 NON si modifica
Rivarossi 1:80 si restaura e lo si fa il più vicino possibile a come l'oggetto era in origine.
Costi quel che costi!
Pecetta

 
Messaggi: 424
Iscritto il: 18 feb 2012, 0:00
Località: Non sono sulla Terra

Re: Elaboro o no? Dubbio esistenziale...

Messaggioda Tricx » 7 apr 2012, 11:46

Gulp, gasp e anche squerequeck !
Ma lo schema iniziale, senza condensatori elettrilitici, diodi ed altre amenità, potrebbe funzionare o no?
Comporta qualche effettivo o remoto problema di sicurezza o qualche pericoolo e di che tipo?

Grazie per le eventuali risposte e Buona Pasqua.
Tricx

Avatar utente
 
Messaggi: 1665
Iscritto il: 22 set 2011, 20:08
Località: L'epicentro del trifase

Re: Elaboro o no? Dubbio esistenziale...

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 7 apr 2012, 14:14

Tricx ha scritto:Ma lo schema iniziale, senza condensatori elettrolitici, diodi ed altre amenità, potrebbe funzionare o no?
Comporta qualche effettivo o remoto problema di sicurezza ?
............ Buona Pasqua.

Lo schema dovrebbe funzionare solo con le resistenze....però
Primo: girando su INTERNET sono molto discordanti sul valore delle resistenze: (per 12 volt massimi) chi scrive 470 ohm chi 1200. In effetti dipende da che diodo stiamo usando e da quanta luce vogliamo.
Per i LED bianchi di solito uso una resistenza da 1000 ohm: funziona ma se lo usi in modo diretto (cioè inserito nella carrozzeria al posto del faro modellistico) è bianco-azzurro accecante come un proiettore allo iodio e se montato sul modello di una vecchia vaporiera potrebbe essere lievemente anacronistico [ops.gif] (x) .
Secondo una volta mi si sono bruciati un paio di LED (x) quindi per sicurezza metto sempre anche un diodo raddrizzatore per evitare che il LED sopporti una tensione di polarità opposta. Il diodo posto in serie inoltre riduce la tensione (se ricordo bene) di 0,7 volt. Messo in parallelo non riduce la tensione del LED (bianco) ma ho il sospetto che finisca con l'accendere il LED (rosso) ......devo fare delle prove :? .....
Il condensatore elettrolitico serve solo per ridurre i lampeggiamenti del LED e deve essere posto dopo il diodo raddrizzatore.
Schemi elettr.per accendere LED.jpg
Con un LED solo appare tutto più facile

Negli schemi 1 e 3 il diodo raddrizzatore D1(es: 1N4004) difende il LED dalle tensioni inverse. Nello schema 2 l'elettrolitico evita lo scintillio (dei LED bianchi ad alta luminosità;ho notato che i LED rossi sono meno soggetti a questo fenomeno).
Sul valore delle resistenze per ora non mi sbilancio. Il condensatore elettrolitico deve avere tensione minima di 16 volt con capacità da un minimo di 4,5-10 microfarad fino a 470 microfarad......se avete lo spazio per metterlo :lol: .
Saluti da Oliviero
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3447
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: Elaboro o no? Dubbio esistenziale...

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 5 mag 2012, 20:40

Pecetta, non volendo, mi ha costretto a tornare su questo argomento (x) .
Scorrendo le pag. precedenti ho rivisto lo schema da lui fornito per illuminare una carrozza con 5 LED.
La polarità e la forme del ponte di diodi non sono corretti e quindi mi sono divertito a completarlo -1- :
Pecetta BIS.jpg
Lo schema proposto da Pecetta e modificato (graficamente) per la parte del raddrizzatore a ponte

Per rendere più chiara la funzione del raddrizzatore a ponte l'ho disegnato come un ponte di quattro diodi distinti. Effettivamente all'interno del raddrizzarore ci sono quattro diodi collegati come nel disegno.
Attenzione alla polarità che può lasciare interdetti!
Il polo positivo dell'alimentazione (+) va collegato all'anodo del diodo LED (-) ed il polo negativo (-) al catodo che solitamente è distinto col segno (+)
Questo circuito può essere utilizzato sia per alimentazione in corrente continua che in alternata ma occorre definire il valore delle resistenze.
La presenza del raddrizzatore a ponte comporta una caduta di tensione da 1,5 a 2 Volt. Le resistenze quindi dovranno avere un valore (in ohm) inferiore.
Si possono evitare tutte quelle resistenze disponendo i cinque LED in serie. Vedi schema seguente:
Illuminatore LED per carrozze_schema.jpg
Con i diodi LED disposti in serie, basta una sola resistenza

Per calcolare il valore della resistenza, occorre conoscere le caratteristiche del LED: il valore della caduta di tensione (in Volt) e il rapporto di corrente (assorbimento in mA).

Visitate questo sito in cui si spiega come fare:

http://ledcalculator.net/default.aspx?lang=it-IT
Attenzione: nel disegno del circuito c'è però un'imprecisione!(che ho corretto in rosso) [ops.gif]
LED calculator.jpg
C'è un errore: il segno (+) è riferito al LED l'alimentazione deve essere (-)

Ipotizzando di possedere dei LED con caduta di tensione di 1,5Volt ed in grado di sopportare una corrente di 10mA, se alimentiamo n.5 LED a 12 Volt, il calcolatore ci suggerisce una resistenza di 470 ohm.
Però la presenza del raddrizzatore a ponte comporta una caduta di tensione di almeno 1,5 Volt. Quindi riproviamo inserendo il valore 10,5 (=12-1,5)Volt come alimentazione e il calcolatore ci suggerisce un valore di 300 ohm. Dato che una resistenza da 300 ohm non esiste, sceglieremo il valore più vicino a 300: 270 ohm oppure 330 ohm. Altrimenti potremmo mettere in serie due resistenze da 150 ohm.
E' tutto chiaro?
Note su C1
Nello schema da me disegnato, ho inserito un condensatore elettrolitico.
Lo scopo del condensatore è quello di evitare i lampeggiamenti, dovuti alle brevissime interruzioni di alimentazione, causati da binari sporchi o da passaggio sugli scambi. Nel caso il treno fosse alimentato in corrente alternata (tipo Maerklin) il condensatore è necessario per rettificare la corrente raddrizzata dai diodi.
Inserendo un condensatore di buona capacità (tra 470 e 1000 microfarad e oltre) si ottiene anche un'altro effetto: Nel momento che il treno si ferma e cessa l'alimentazione, le luci della carrozza non si spengono subito ma si affievoliscono lentamente fino a spegnersi a causa del condensatore che scaricandosi, continua ad alimentare i LED. Se questo effetto non vi piace, limitate la capacità del condensatore a 220 mF o anche meno 100mf o 47mf. - Importante: il condensatore deve sopportare una tensione di almeno 15 o 16 Volt.
Per altri suggerimenti "elettrici" consultate anche il link di Alberto Rizzoli e gruppo del DLF di Bologna

http://www.fermodellisti.bo.it/E_index.htm

Saluti elettronici :mrgreen: da
Oliviero
Ultima modifica di Oliviero Lidonnici il 14 mag 2012, 22:49, modificato 1 volta in totale.
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3447
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: Elaboro o no? Dubbio esistenziale...

Messaggioda Pecetta » 13 mag 2012, 22:31

Oliviero Lidonnici ha scritto:Inoltre per evitare lo scintillio mettete dei condensatori elettrolitici in parallelo ad ogni LED.
Saluti da Oliviero :mrgreen:


Ok, ma il condensatore in questione ha un valore specifico?

Oliviero Lidonnici ha scritto:Pecetta, non volendo, mi ha costretto a tornare su questo argomento (x) .
Scorrendo le pag. precedenti ho rivisto lo schema da lui fornito per illuminare una carrozza con 5 LED.
La polarità e la forme del ponte di diodi non sono corretti e quindi mi sono divertito a completarlo -1- :
Pecetta BIS.jpg

Oliviero


Come non sono corretti, a me funzionano benissimo. :?

Bye
Cerco pezzi e parti di trenini Rivarossi 1:80 in PM!

Direttive Aliene:
Rivarossi 1:80 NON si modifica
Rivarossi 1:80 si restaura e lo si fa il più vicino possibile a come l'oggetto era in origine.
Costi quel che costi!
Pecetta

 
Messaggi: 424
Iscritto il: 18 feb 2012, 0:00
Località: Non sono sulla Terra

Re: Elaboro o no? Dubbio esistenziale...

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 14 mag 2012, 23:10

Pecetta ha scritto:
Ok, ma il condensatore in questione ha un valore specifico? (.1)

Oliviero Lidonnici ha scritto:La polarità e la forme del ponte di diodi non sono corretti e quindi mi sono divertito a completarlo [/attachment]
Oliviero


Come non sono corretti, a me funzionano benissimo. :? (.2)

Bye


(.1) Se rileggi attentamente gli ultimi due miei interventi prima del tuo, noterai che ho suggerito per due volte i possibili valori del condensatore.
(.2) Non ho visto il circuito da te costruito, ho visto lo schema che hai postato ed ho notato che in esso la polarità dell'alimentazione è invertita e il raddrizzatore a ponte non è disegnato correttamente. Quindi un alimentatore costruito seguendo lo schema elettrico da te fornito purtroppo non può funzionare.
Se ti restano ancora dubbi sulla polarità di alimentazione dei led ti raccomando, di nuovo e vivamente, di consultare questo sito:
http://www.fermodellisti.bo.it/E_led.htm
Evidentemente se, come dici, il tuo apparato funziona perfettamente significa che non corrisponde allo schema che hai postato.
Saluti da Oliviero
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3447
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Precedente

Torna a Scala H0: Discussioni varie, Rotabili e Anteprime.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti