SCARM e binari Fleischmann



SCARM e binari Fleischmann

Messaggioda Giuli » 7 feb 2016, 15:22

Salve gente,
premetto che sono un appassionato del modellismo ferroviario che ritorna ad interessarsi alla realizzazione di un tracciato dopo tanti anni...

Ho scaricato il software SCARM ed in negozio ho preso un catalogo Fleischmann.
Nel catalogo c'è il disegno di un tracciato che mostra le geometrie dei binari H0, ma se provo a disegnarlo con SCARM questi ultimi non si "collegano" come si deve.

Immagine

Infatti i due scambi in curva (6174 e 6175) hanno raggio interno 356.5 (R1 come i 6120 e 6122) e quello esterno 400 (e non 420 come R2 dei binari 6125 e 6127).
I due rettilinei del circuito non hanno lo stesso interbinario e non so come nel disegno i due deviatoi 6171 si possano collegare correttamente.
Dov'è l'inganno? O dove sto sbagliando?

Ringrazio anticipatamente chi mi saprà dare una risposta!
Grazie e alla prossima!
Ciao!
Giuli

 
Messaggi: 1
Iscritto il: 6 feb 2016, 23:38

Re: SCARM e binari Fleischmann

Messaggioda Dario Romani » 8 feb 2016, 23:00

(I) Prima dell' inganno vorremmo che ci dicesti qualcosa di te in Presentazione Nuovi Utenti. [09.gif]
+ Ciao da Dario Romani
Dario Romani

Avatar utente
 
Messaggi: 1775
Iscritto il: 25 feb 2011, 15:52
Località: Roma - Pigneto

Re: SCARM e binari Fleischmann

Messaggioda davscarna » 17 apr 2017, 21:59

La motivazione è molto semplice: tutte le marche tagliano le proprie rotaie approssimando per difetto o per eccesso i valori teorici. Facciamo un esempio semplice: se il valore teorico di lunghezza di un pezzo dovrebbe essere di 222,35 mm, quest'ultimo viene tagliato a 222 mm o, per le lavorazioni più precise, a 222,5. In entrambi i casi si ha un approssimazione che a lungo andare genera un errore di allineamento dei prodotti. Per questo motivo è normale che in sede di progettazione computerizzata, vi siano dei gap (parola anglosassone che indica una mancanza, un vuoto) ad almeno un estremo del circuito. Questo non accade laddove si va a compensare su ambo i lati del circuito l'errore. Cosa intendo dire? Intendo dire che per i circuiti molto semplici, come ad esempio il classico ovale, l'errore esiste ma è trasportato in maniera uniforme da ambo i lati del circuito. Questo non accade in presenza di deviatoi, incroci e deviatoi inglesi perchè sono degli elementi complessi che non permettono un facile bilanciamento degli errori.

Consiglio personale: non usare i Fleischmann! Sono troppo giocattoleschi anche per chi riparte dopo anni di pausa. Meglio dirigersi su prodotti Tillig e Peco. Anche i Roco Line li ritengo non ottimi per un plastico, per motivi di estetica dei singoli binari (la traversinatura presente alle estremità dei singoli binari non è conforme con quella presente nella restante parte del prodotto).

-4-
davscarna

 
Messaggi: 217
Iscritto il: 16 dic 2015, 14:34


Torna a Plastici, Diorami ed Impianti modulari

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite