Treni internazionali interoperabilità in atto



Treni internazionali interoperabilità in atto

Messaggioda FNM600 » 7 mag 2015, 6:23

Approfittando della bella stagione ed imminente periodo di vacanze menziono questo sito gentilmente menzionato dal nostro compagno Dario Romani anche sui treni internazionali Europei.
Foto d'epoca da persone che hanno viaggiato all'epoca più informazione sui treni con le varie carrozze dirette.
Il sito non è comprensivo ma una selezione tipica.

Si parla molto dell'Unione Europea riguardo interoperabilità ma all'epoca prima dell'Unione Europea e anche con l'Europa divisa dalla Cortina di Ferro c'era molta più interoperabilità nei fatti e non solo nelle chiacchere! Tutto cortesia della UIC e le convenzioni precedenti che ci dettero la Sagoma di Berna per esempio.

Ecco il link:
http://www.maltoni.co.uk/zb03.html
http://www.maltoni.co.uk/zb01.html

Commenti e memorie benvenute!
Anche ispirazione per oggiggiorno!
FNM600

Avatar utente
 
Messaggi: 663
Iscritto il: 17 set 2014, 2:19
Località: Como Nord Camerlata

Re: Treni internazionali interoperabilità in atto

Messaggioda Dario Romani » 7 mag 2015, 9:42

Ho trovato un altro sito interessante:
http://www.trains-worldexpresses.com
Clic destro e apri nuova scheda per non uscire dal forum.
+ Ciao da Dario Romani
Dario Romani

Avatar utente
 
Messaggi: 1775
Iscritto il: 25 feb 2011, 15:52
Località: Roma - Pigneto

Re: Treni internazionali interoperabilità in atto

Messaggioda FNM600 » 12 mag 2015, 0:20

Poi vediamo se è popolare.

Io trovo Milano Centrale oggi un po' povera e poco cosmopolitana in confronto ad una volta da ragazzo anni 60 e 70.
Solo l'occasionale convoglio Svizzero rimasto di non Italiano.
Anche il TGV Francese è relegato a Milano Porta Garibaldi!
Solo Freccie e Trenord ma esagero.

Come ho menzionato nell'argomento su composizioni di treni del circolo Palermitano, in ogni caso lo scopo del mio argomento risultato di memorie ravvivate dall'argomento è non di perdersi in polemichette ma su che tipo di ferrovia vogliamo noi Europei e forestieri?

Solo per i ricchi ma anche per la gente comune oggi forzata sulla gomma e aerei low-cost.
Sono convinto che anche una ferrovia per i poveri si può gestirla a profitto in modo sostenibile anche se non così d'immagine.

Francamente trovo da quel poco che sò che le ferrovie Indiane non rinomate per imagine servono il paese meglio di quelle Cinesi con i TAV che deragliano e sono fuori della portata della gente locale comune!
Vediano su You Tube per esempio!

Per esempio il famoso corridoio 5 Kiev-Oporto che passa in Italia da Trieste a Modane via VE VR BS MI NO VC TO osteggiato dai no TAV sarebbe ideale per le badanti Ucraine (ce ne sono tanto oggi!) ma purtroppo non sarebbe alla loro portata finanziaria optando per gomma o aereo low-cost!

Invece sarei per il più modesto tunnel del Monte Bianco tra Pre-San Didier e Chamonix per accorciare la via tra Milano, Geneve e Paris come fanno i Pulmann Eurolines.

Poi pensiamo ai millioni di Polacchi in Gran Bretagna e di Rumeni in Italia. Non entro nella politica di averli o no, ma la loro presenza non dovrebbero continuare la presenza di treni internazionali ben riempiti ed effetuati con profitto?

Certamente non più treni di lusso tipo CIWL tranne storici, ma ordinarie carrozze e cuccette per il popolo o popoli e turisti.

Milano-Paris è solo 800km

Invece carrozze Russe ossia CCCP che ci visitavano in molte città d'Europa oggi non ci sono più malgrado che è possibile andare in molti paesi ex-comunisti solo con carta d'identità.
FNM600

Avatar utente
 
Messaggi: 663
Iscritto il: 17 set 2014, 2:19
Località: Como Nord Camerlata

Re: Treni internazionali interoperabilità in atto

Messaggioda Dario Romani » 19 mag 2015, 15:27

Ho trovato un altro sito interessante:
http://retours.eu/
Clic destro e apri nuova scheda per non uscire dal forum.
+ Ciao da Dario Romani
Dario Romani

Avatar utente
 
Messaggi: 1775
Iscritto il: 25 feb 2011, 15:52
Località: Roma - Pigneto

Re: Treni internazionali interoperabilità in atto

Messaggioda FNM600 » 22 mag 2015, 4:57

Caro Dario,

Il sito
http://retours.eu/
è veramente interessante ed una miniera d'info su treni a lungo percorso in Europa soprattutto negli anni subito prima e dopo la guerra.

Grazie !
-4-
FNM600

Avatar utente
 
Messaggi: 663
Iscritto il: 17 set 2014, 2:19
Località: Como Nord Camerlata


Torna a convogli internazionali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite