Carrelli motori RR



Regole del forum
Rivarossi-Memory.it
"E' il link del bellissimo sito dedicato alla storia della vecchia Rivarossi.
Già da tempo in contatto con loro, abbiamo insieme deciso di creare una sezione del forum dedicata al loro sito.
Naturalmente per prima cosa, per chi non l'avesse ancora fatto, vi consiglio di andare a visitare il sito http://www.rivarossi-memory.it e di studiarlo per bene visto che contiene buona parte della storia del fermodellismo Italiano per poi venire qui e parlarne con noi e con loro!
Vi aspettiamo numerosi!!!
Lo staff di ferramatori.it e di rivarossi-memory.it"

Re: Carrelli motori RR

Messaggioda andrea_fs » 11 ago 2020, 8:17

Ciao 3-nino, per riparella intendi il fermo a u, filo d'acciaio da me realizzato utilizzando una corda di chitarra opportunamente sagomata, che di fatto vincola il carrello al motore, poi sostituito dalla forcella nella versione successiva?
andrea_fs

Avatar utente
 
Messaggi: 284
Iscritto il: 16 ott 2019, 13:19

Re: Carrelli motori RR

Messaggioda 3-nino » 11 ago 2020, 12:33

Andrea, mi scuso, ma la mia toscanità riprende il sopravvento. In fiorentino riparella sta per " rondella ". In questo caso è un rasamento ( una sottilissima corona circolare di acciaio dallo spessore di 0'1, 0,2 mm) che infilato nel collare che abbraccia l'albero motore fino a paggiare sul fondo del motore ( castello in ottone brunito) offre al colletto del carrello una superficie di scorrimento perfettamente levigata e dall'usura modesta, trattandosi di acciaio temperato. Aggiungo qualche prezzo a memoria per dare un idea della guerra del 60/61/62: 685 felischmann 9500 lire, RR 11000, la 3048 di Mk 13000 lire , la 691 022 14500, etc. L'uscita pressochè contemporanea cui è stata costretta RR di 685 e di 691, in condizioni meno aggressive, dal punto di vista commerciale, sarebbe una grande stupidaggine. Sono macchine pressochè sovrapponibili per aspetto, caratteristiche tecniche adottate, con tre assi motore. La 685 ha avuto evoluzioni nell'aspetto, a partire dalla proveniza - la 680-. Volendo spendere tre lire sullo stampo anche la 685 ha avuto una diversa fisionomia con il duomo avvolto dalla sabbiera, e l'infelice livrea aerodinamica. La 691 rappresenta un esemplare di 33 macchine rimaneggiamento delle 690. Una sola stravaganza: l'aerodinamica. Questa macchina, bella quanto si vuole, modelisticamente resta un unicum. I tedeschi di pacific da riprodurre ne hanno a bizzeffe. RR una sola degna di questo di questo nome prersentabile anche su mercati internazionali. Le belle macchine dello studio d'arte di torino non avevano storia nè conservavano memoria. Fatto stà che questi due modelli si danno fastidio in casa e l'uno ruba mercato all'altro. I tedeschi, vendendo poco , sono comunque riusciti a rovinare la festa. Che si sia fatto di tutto per mettere in secondo piano la 685, lo dimostra il fatto che mentre la 691 appena uscita viene esibita al traino di un bellissimo treno di lusso con binari modello da 120 cm di dimetro. la 685 prima di vedersi affidata un treno dovrà aspettare il 1980 con le bellissime carrozze della CIWL. Eppure la 685 ha svolto con intensità impareggiabile il servizio passeggeri in lungo e largo per tutto il paese, trainando treni di assoluto prestigio,nazionale e internazionale, compreso l'orient express. Arrivati alle soglie del 64 credo che RR abbia gettato tutte le sue capacità progettuali, commerciali, produttivi sul mercato americano. Trix presidiava per quanto possibile, il mercato italiano dai prodotti nord europei con un occhio alla svizzera, pocher rinfrescava i cataloghi RR con bellissimi oggetti di rilievo internazionale . RR dopo il diluvio di cose belle ,talvolta bellissime, compresi gli edifici ed il sofisticato sistema di binari scambi e segnali, degli anni 55/65, tutte italiane con americano, lascia illanguidire questo colossale investimento, investendo su altro. Gli oggetti invecchiano, di semplificazione in semplificazione, si impoveriscono. Occorrerà aspettare un bel pò per I vetri a filo carrozzeria e la trasmissione cardanica con motore centrale sui propri locomotori, Max non preoccuparti, sapessi quante volte sono convinto di dirla giusta, per poi rendermi conto del contrario. Trattandosi di trenini ben vengano gli abbagli. Si prendono per passione, non certo per soldi. augurissimi. 3-nino
3-nino

 
Messaggi: 159
Iscritto il: 21 set 2018, 12:41

Re: Carrelli motori RR

Messaggioda andrea_fs » 11 ago 2020, 16:36

Ciao, sulla riparella non ho ancora le idee chiare, a meno che sia quella che mi sono autocostruito, a forma di u, s'infila nel collare e blocca il carrello. La 691 ce l'ho da quando me la portò babbo natale, da bambino. Penso sia la più bella locomotiva italiana mai realizzata da RR, il suo biellismo è fantastico, la linea è meravigliosa, ho anche la 685 (pure la FL), ma dal mio punto di vista non c'è partita, men che mai la 746, proprio non mi piace, (e infatti non l'ho mai comprata) de gustibus, of course. O.T. mi è appena arriva una B&O, direi del '53/54, bachelite, pagata (molto) poco, motore funzionante, trasmissione no (dalla descrizione spagniola). Beh, parrebbe che gli ingranaggi aderenti alle ruote siano in qualche modo svincolati. Una goccia d'attak e la facciamo correre come quando era un bimba, anche se in realtà, posto che il blocco motore/pignone/ingranaggi sia buono, andrà a sostituire quello del 626 serie verde, aprirò ovviamente un altro thread, buona serata. Andrea
Ultima modifica di andrea_fs il 12 ago 2020, 7:52, modificato 1 volta in totale.
andrea_fs

Avatar utente
 
Messaggi: 284
Iscritto il: 16 ott 2019, 13:19

Re: Carrelli motori RR

Messaggioda 3-nino » 11 ago 2020, 19:20

Ciao andrea, la molla che hai fatto utilizzando una corda da chitarra va benissimo. Ma non parlo di questa clipp. Parlo di un anello di acciaio sottilisimo che si infila,come un anello per l'appunto e fino a toccare la piastrina base del motore, in quel cilindretto sagomato da cui esce l'albero motore. Questo cilindretto poi va inserito fino a toccarre nel collare del carrello, e trattenuto dalla tua molletta. Se l'anellino che è piccolo ma utile non lo vedi può essere che negli armeggi se ne sia andato. La 691 grande macchina e grande modello. trattala bene. il 626 ancora di più. Se le ruote del 626 sono a posto sostituiscile a quelle della B&O e sostituisci il motore. Questo se non è possibile fare altrimenti. Anche la B&O a diritto ad una seconda vita!!! Saluti.
3-nino

 
Messaggi: 159
Iscritto il: 21 set 2018, 12:41

Re: Carrelli motori RR

Messaggioda Max 851 » 12 ago 2020, 9:58

Buongiorno, premessa la mia già confessata scarsa o meglio nulla conoscenza dei carrelli motori RR di quell'epoca, posso confermare che "riparella" non è un termine dialettale bensì un corretto termine tecnico che sta ad indicare una rondella.
Se poi mi è consentito un altro piccolo OT, premesso che ovviamente i gusti sono personali, al vero per me tra 746 e 691 non c'è confronto. La 691 era una trasformazione della 690, macchina nata per ragioni di prestigio ma assolutamente inadatta alla rete italiana dell'epoca, la 746 invece, purtroppo poco amata dalle stesse FS, sempre diffidenti nei confronti della doppia espansione, era una delle poche locomotive a vapore "moderne" che abbiamo avuto (1750 CV, 100 km/h, doppia espansione, caldaia a 16 bar).
Come diceva un grande studioso della trazione a vapore che ho avuto la fortuna di conoscere tanti anni fa, la 746 e la 480 erano forse le uniche locomotive a vapore FS a livello di grande trazione europea.
Massimiliano
Max 851

 
Messaggi: 840
Iscritto il: 6 gen 2013, 18:12

Re: Carrelli motori RR

Messaggioda Massimo Carloni » 12 ago 2020, 12:06

Concordo pienamente con Max, in tema di 746.
Massimo Carloni

 
Messaggi: 134
Iscritto il: 3 dic 2019, 13:33

Re: Carrelli motori RR

Messaggioda andrea_fs » 12 ago 2020, 12:38

Ciao, ma la 691, al di là degli aspetti tecnici, come eleganza, mi spiace, ma non c'è confronto. Per me è la Bugatti delle locomotive italiane, eleganza e velocità, la 746 ha qualcosa di "sbagliato", sempre ovviamente dal mio punto di vista, puramente estetico, le 4 grandi ruote e il biellismo appesantiscono l'insieme, la 691 è perfetta. Certo, essendo uno dei più bei regali di babbo natale, anzi, il più bello, ammetto di essere di parte... [09.gif]
Andrea
Ultima modifica di andrea_fs il 12 ago 2020, 12:50, modificato 1 volta in totale.
andrea_fs

Avatar utente
 
Messaggi: 284
Iscritto il: 16 ott 2019, 13:19

Re: Carrelli motori RR

Messaggioda andrea_fs » 12 ago 2020, 12:46

Comunque "riparella"... già il nome la dice lunga, su quanto sia "tecnico", da vagamente l'idea del suo impiego, ma è un termine dialettale, non so dire a quale zona geografica corrisponda, ma dalle mie parti non l'ho mai sentito. Se vado dal ferramenta a chiedere una riparella sto mezz'ora a spiegarne la forma e l'utilizzo. Vi faccio un esempio banale, andate su Amazon e digitate "riparella" oppure "rondella", dai risultati se ne deduce che non è esattamente un "termine tecnico". Tralasciando i sofismi linguistici, guardando sia il disegno del motore che l'eploso del 646 non trovo il particolare al quale ti riferisci, li allego entrambi.
http://www.rivarossi-memory.it/Tecnica/ ... allini.jpg
http://www.rivarossi-memory.it/Ricambi/ ... -1%20M.jpg
Andrea
Ultima modifica di andrea_fs il 12 ago 2020, 15:32, modificato 1 volta in totale.
andrea_fs

Avatar utente
 
Messaggi: 284
Iscritto il: 16 ott 2019, 13:19

Re: Carrelli motori RR

Messaggioda Max 851 » 12 ago 2020, 16:22

De gustibus non est disputandum. A me la 746, con i suoi grandi cilindri, dà un'impressione di maestosa potenza.
Comunque non volevo certo dire che la 691 sia brutta, anzi... Per quanto qualcuno abbia anche detto che la 690 era più bella e che la trasformazione in 691 avrebbe causato un certo squilibrio estetico.
Volevo solo dire che, al vero, la 746 era una macchina più moderna e di livello europeo, che si distingueva dalla stragrande maggioranza delle nostre locomotive che sono quasi sempre state più piccole, meno potenti, meno veloci, più leggere delle loro coetanee delle altre reti ferroviarie europee.
Massimiliano
Max 851

 
Messaggi: 840
Iscritto il: 6 gen 2013, 18:12

Re: Carrelli motori RR

Messaggioda andrea_fs » 12 ago 2020, 20:10

Concordo l'analisi tecnica, al di là delle preferenze estetiche, anche se il suo rodiggio penso che fosse abbastanza problematico sulle nostre linee di allora, (e anche su plastici dalle curve strette) rispetto alla 691, specialmente le versioni più recenti con bordini più realistici. Ho appena finito di sistemare la b&o serie verde, domani thread e foto, buona serata a tutti. Andrea
andrea_fs

Avatar utente
 
Messaggi: 284
Iscritto il: 16 ott 2019, 13:19

PrecedenteProssimo

Torna a Rivarossi - Memory

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti