Motore Big Boy 4013 del 1979



Regole del forum
Rivarossi-Memory.it
"E' il link del bellissimo sito dedicato alla storia della vecchia Rivarossi.
Già da tempo in contatto con loro, abbiamo insieme deciso di creare una sezione del forum dedicata al loro sito.
Naturalmente per prima cosa, per chi non l'avesse ancora fatto, vi consiglio di andare a visitare il sito http://www.rivarossi-memory.it e di studiarlo per bene visto che contiene buona parte della storia del fermodellismo Italiano per poi venire qui e parlarne con noi e con loro!
Vi aspettiamo numerosi!!!
Lo staff di ferramatori.it e di rivarossi-memory.it"

Re: Motore Big Boy 4013 del 1979

Messaggioda berto75 » 11 nov 2019, 18:32

simone67 ha scritto:[Interessante. Il modello in livrea fotografica da dove proviene? Non ricordo RR ne abbia mai fatta una.
Ciao
S.

Ciao Simone ne avevamo parlato qui quando l'amico Jurghens ce l'aveva mostrata in effetti è un modello molto raro e originale RR.
VEDI qui : viewtopic.php?f=53&t=5460&p=39714&hilit=big+boy+grigia#p39713
documentaristici -4- berto75
berto75

 
Messaggi: 1854
Iscritto il: 18 mar 2014, 20:37

Re: Motore Big Boy 4013 del 1979

Messaggioda simone67 » 11 nov 2019, 19:05

Ricordo, in uno dei tanti libri/fotolibri di loco americane che sono rimasti a casa mia (io vivo, separato, altrove), di una foto di una loco a doppia trazione appositamente in colorazione (non LIVREA) grigia in quanto quando le presentavano le dipingevano appunto di grigio (oltre che mettere dietro dei pannelli monocolore scuri) al fine di poterne esaltare i dettagli in foto. Cosa che in nero non era possibile. Poi, per il servizio venivano colorate tipicamente di nero (di gigante, con la sola cassa vapore in grigio, in servizio la Yellowstone della Duluth - Missabe & Iron Range). Quella di cui parlavo inizialmente mi sembra fosse proprio una Big Boy.
Allegati
Screen Shot 2019-11-11 alle 18.09.01.jpg
<3 2-8-8-4 Yellowstone - H8 Allegheny - UP Big Boy - N&W Class A - N&W Y6B - UP Challenger
simone67

Avatar utente
 
Messaggi: 26
Iscritto il: 7 nov 2019, 18:55

Re: Motore Big Boy 4013 del 1979

Messaggioda simone67 » 11 nov 2019, 20:21

Scusate se sono pedante ma la cosa mi ha incuriosito e mi sono detto: se c'è una foto in un libro perché non ci deve essere sul web? E non l'ho trovata! Comunque a questo link potete vedere una Big Boy trascinata fuori dalla'assembly factory. Se si guarda attentamente, e non vado errando, mi sembra di vedere proprio la loco tutta grigia tranne cab e tender:
https://dailygazette.com/article/2014/01/25/1941-alco-big-boy-be-refurbished-wyoming
Simone
<3 2-8-8-4 Yellowstone - H8 Allegheny - UP Big Boy - N&W Class A - N&W Y6B - UP Challenger
simone67

Avatar utente
 
Messaggi: 26
Iscritto il: 7 nov 2019, 18:55

Re: Motore Big Boy 4013 del 1979

Messaggioda Talgo49 » 11 nov 2019, 23:30

Per Andrea. Conosco i modelli Bowser (io ho la T-1) e sarei curioso di sapere un paio di dettagli. Dai vari disegni mi pare di capire che il gruppo motore posteriore non è articolato come nel modello Rivarossi ma è solidale con la caldaia, eliminando i bordini hai risolto il problema. Ho visto bene? Se ricordo bene il modello Bowser aveva un tender con due carrelli a tre assi e non il tender tipo centipede, è vero?

Ciao
Talgo49
Through the Rockies, not around them
Talgo49

Moderatore Globale
 
Messaggi: 1793
Iscritto il: 11 apr 2009, 10:22
Località: Orobia

Re: Motore Big Boy 4013 del 1979

Messaggioda andrea_fs » 12 nov 2019, 11:50

Talgo49 ha scritto:Per Andrea. Conosco i modelli Bowser (io ho la T-1) e sarei curioso di sapere un paio di dettagli. Dai vari disegni mi pare di capire che il gruppo motore posteriore non è articolato come nel modello Rivarossi ma è solidale con la caldaia, eliminando i bordini hai risolto il problema. Ho visto bene? Se ricordo bene il modello Bowser aveva un tender con due carrelli a tre assi e non il tender tipo centipede, è vero?

Ciao
Talgo49


Esatto, il gruppo posteriore è solidale con il motore e la cassa, l'anteriore ha un minimo di gioco. In realtà la sola limatura dei due assi centrali di entrambi i gruppi non è stata sufficiente. Il gruppo carrello/motore è ancorato con due viti longitudinali, sotto la cabina, che ho leggermente allentato e da una che lo blocca anteriormente sotto la caldaia, che eliminato, lasciandogli il collegamento con quello anteriore, in modo da permettergli un minimo di movimento laterale. Il tender è un centipede, direi di provenienza Revell, per me è il punto debole del modello, nonostante la zavorra interna, tenendo peraltro conto che un polo arriva da lui, a differenza della Rivarossi, se non erro. Anche lì ho smanettato non poco per permettergli la possibilità di effettuare curve molto strette senza deragliare, principalmente sul gioco laterale del carrello anteriore e aumentando la distanza dalla locomotiva. Un giorno mi piacerebbe dargli un tender serio, e portare la luce al faro frontale, assente, ovvero il solito "diamante" come usava sulle auto 1/43 di quand'eravamo bambini (e che mio fratello mi levava sempre, grr....). Qui c'è un link dove si vede bene la locomotiva e il tender.
http://melvineperry.blogspot.com/2012/0 ... ibute.html
andrea_fs

 
Messaggi: 48
Iscritto il: 16 ott 2019, 13:19

Re: Motore Big Boy 4013 del 1979

Messaggioda Talgo49 » 12 nov 2019, 16:09

Grazie per la pronta risposta, ora tutto mi è chiaro. La locomotiva, come la mia 2-6-6-2 e come al vero, aveva il gruppo motore posteriore fisso; limando i bordini centrali e alcuni trucchetti accessori hanno risolto il problema.
Molto interessante la storia del tender. La mia domanda sul tender derivava dal fatto che Bowser proponeva per la sua Challenger un tender con due carrelli a tre assi vagamente similare al Centipede, pertanto mi chiedevo se lo stesso tender fosse stato usato per la Big Boy, come Rivarossi che ha usato i Centipede sia per Challenger che Big Boy. Il fatto che il tuo modello abbia un Centipede in plastica chiarisce il tutto. Monogram (non Revell, anche se a suo tempo Monogram fu assorbita da Revell) produsse dal 1984 al 1986 un modello della Big Boy in plastica; si trattava di un modello statico e non motorizzabile e fu disponibile non solo con decal Union Pacific ma anche con decal (di fantasia) DM & IR e B & O. Bowser creò un kit per dotare il Centipede Monogram di presa di corrente per la trasmissione verso la locomotiva, questo kit si vede in modo chiarissimo proprio sul sito che hai proposto dove si vede il lato inferiore del tender con tutte la parti in ottone del kit Bowser.
Insomma qui si chiude il cerchio.

Talgo49
Through the Rockies, not around them
Talgo49

Moderatore Globale
 
Messaggi: 1793
Iscritto il: 11 apr 2009, 10:22
Località: Orobia

Re: Motore Big Boy 4013 del 1979

Messaggioda andrea_fs » 12 nov 2019, 17:37

Talgo49 ha scritto:Grazie per la pronta risposta, ora tutto mi è chiaro. La locomotiva, come la mia 2-6-6-2 e come al vero, aveva il gruppo motore posteriore fisso; limando i bordini centrali e alcuni trucchetti accessori hanno risolto il problema.
Molto interessante la storia del tender. La mia domanda sul tender derivava dal fatto che Bowser proponeva per la sua Challenger un tender con due carrelli a tre assi vagamente similare al Centipede, pertanto mi chiedevo se lo stesso tender fosse stato usato per la Big Boy, come Rivarossi che ha usato i Centipede sia per Challenger che Big Boy. Il fatto che il tuo modello abbia un Centipede in plastica chiarisce il tutto. Monogram (non Revell, anche se a suo tempo Monogram fu assorbita da Revell) produsse dal 1984 al 1986 un modello della Big Boy in plastica; si trattava di un modello statico e non motorizzabile e fu disponibile non solo con decal Union Pacific ma anche con decal (di fantasia) DM & IR e B & O. Bowser creò un kit per dotare il Centipede Monogram di presa di corrente per la trasmissione verso la locomotiva, questo kit si vede in modo chiarissimo proprio sul sito che hai proposto dove si vede il lato inferiore del tender con tutte la parti in ottone del kit Bowser.
Insomma qui si chiude il cerchio.

Talgo49


Ciao, il kit Revell l'avevo acquistato a suo tempo, in cerca di decals e parti utili. Tieni conto che il carrello anteriore del tender non ha un'escursione laterale sufficiente, deragliava costantemente, per cui tramite un supporto l'ho collegato alla prima vite che tiene la piastra sulle ruote fisse. Ho aggiunto anche una linguetta prendicorrente e una molla che gli da la pressione necessaria, in modo tale da rendere anche le ruote del carrello elettricamente connesse. Se hai visto la foto del mio plastichetto, beh, far girare questo mostro su raggi così stretti è brutto da una parte, visivamente, ma dall'altra è una soddisfazione incredibile, perché per me il fermodellismo è questo, sporcarsi le mani, l'odore di grasso e motori caldi, imprecazioni notturne mentre cerco sul pavimento rondelle microscopiche, viti e mollette, oppure esultanze a là Tardelli sul 3-1 alla Germania, nel ritrovarle, oppure nel trovare la soluzione ad un problema, insomma qualcosa di epico e un po' buffo, che ovviamente ha il suo terreno migliore nella produzione Rivarossi (e non solo) di un tempo, quando i modelli li potevi maneggiare (già solo tirarli fuori dalla scatola) senza le precauzioni di uno sminatore dell'esercito, e li facevi girare per ore senza paura di perdere questo o quell'altro, di distruggere ingranaggi in plastica o pantografi da oreficeria, affontando curve e salite improbabili, con una marea di vagoni eterogenei al seguito. Lo so che è una visione meno modellistica e più ludica, ma d'altronde ci sono nato e cresciuto, ammiro i modelli attuali (peraltro mi sembra, dopo un'abbuffata iniziale, che abbiano capito che la maggior parte degli aggiuntivi debbano essere montati in fabbrica e soprattutto metallici), ho anche qualcosa di più recente, 464 Vitrains, E626 Roco, E444R, E424 XMPR, E402A/B, tutti Rivarossi, ma se prendo in mano l'E424 001, il 636, la 691, la disarmante semplicità del 626 serie verde, con i pantografi fissi e la cassa in bachelite rossastra non verniciata oppure il bombolone, il 428 e la 685 Fleischmann, l'AE 6/6 e il Re 4/4 Marklin HAMO, l'Ae 4/4 Trix Rivarossi, tanto per citarne alcuni, beh, per me non c'è storia. Buona serata a tutti e scusate la divagazione. :)
andrea_fs

 
Messaggi: 48
Iscritto il: 16 ott 2019, 13:19

Re: Motore Big Boy 4013 del 1979

Messaggioda simone67 » 12 nov 2019, 20:10

Se non ricordo male (anzi la foto mi conforta) ci sono state due serie di Challenger: le CSA-1/CSA-2 (comunemente note come "light" perché più leggere) e le "4-6-6-4", che tutti conosciamo meglio, in (mi sembra) 3 lotti diversi e più note come "heavy"; le prime prodotte fino al '42 e le successive, dal '43, più pesanti e dalle quali furono derivate (progettualmente) le Big Boy. Le prime avevano tender a carrelli e le seconde Centipede (non so se alcune delle prime già il Centipede e se alcune delle seconde col tender a carrelli). Io non so se Bowser producesse le prime o le seconde col tender a carrelli però a guardarle mi sembrano le seconde in quanto "fotocopia" delle Big Boy.
Allegati
Screen Shot 2019-11-12 alle 19.03.56.jpg
<3 2-8-8-4 Yellowstone - H8 Allegheny - UP Big Boy - N&W Class A - N&W Y6B - UP Challenger
simone67

Avatar utente
 
Messaggi: 26
Iscritto il: 7 nov 2019, 18:55

Re: Motore Big Boy 4013 del 1979

Messaggioda JURGHENS II » 12 nov 2019, 23:22

salve a tutti ,come promesso, ecco qualche notizia sulle Big Boy.ci sono foto della BB nera, e grigia, la grigia, e' del 1996,col motore cilindrico entro la caldaia, quindi ,come ce' questa grigia, ce ne saranno anche nere, e a sto punto,perche' andare a fare un lavoraccio, quando la nostra RR ,l'aveva già' fatto?stiamo parlando sempre della RR COMO.poi vedete voi.........altre foto dei 2 tender ambedue con NESSUN punto di presa corrente, anzi con le ruote "mezze" in plastica.
BB4.jpg
BB5.jpg
TENDER BB.jpg
BB6.jpg
BB3.jpg
BB 1.jpg
BB1.jpg
BB2.jpg
JURGHENS II

 
Messaggi: 15
Iscritto il: 23 apr 2019, 23:27

Re: Motore Big Boy 4013 del 1979

Messaggioda simone67 » 13 nov 2019, 0:03

JURGHENS II ha scritto:salve a tutti ,come promesso, ecco qualche notizia sulle Big Boy.ci sono foto della BB nera, e grigia, la grigia, e' del 1996,col motore cilindrico entro la caldaia, quindi ,come ce' questa grigia, ce ne saranno anche nere, e a sto punto,perche' andare a fare un lavoraccio, quando la nostra RR ,l'aveva già' fatto?stiamo parlando sempre della RR COMO.poi vedete voi.........altre foto dei 2 tender ambedue con NESSUN punto di presa corrente, anzi con le ruote "mezze" in plastica.
BB4.jpg
BB5.jpg
TENDER BB.jpg
BB6.jpg
BB3.jpg
BB 1.jpg
BB1.jpg
BB2.jpg


Ciao. Nessuno vuole fare un lavoraccio ma quantomeno eliminare lo sbordo del motore dalla cabina. Per il resto mi tengo la bb del ‘78 per questioni affettive (la mia prima fu la 4005 di quell’epoca).
Per il resto la questione “elettricità” è stata risolta (vedi altro post): ogni gruppo motore+ carrello è interamente elettrificato e questo si trasmette anche alla barra che va al tender.
E per concludere... complimenti per la bb in colorazione fotografica, un pezzo introvabile.
Simone
<3 2-8-8-4 Yellowstone - H8 Allegheny - UP Big Boy - N&W Class A - N&W Y6B - UP Challenger
simone67

Avatar utente
 
Messaggi: 26
Iscritto il: 7 nov 2019, 18:55

PrecedenteProssimo

Torna a Rivarossi - Memory

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti