LOCO OLD WEST LIVREE PER MERCATO USA



Regole del forum
Rivarossi-Memory.it
"E' il link del bellissimo sito dedicato alla storia della vecchia Rivarossi.
Già da tempo in contatto con loro, abbiamo insieme deciso di creare una sezione del forum dedicata al loro sito.
Naturalmente per prima cosa, per chi non l'avesse ancora fatto, vi consiglio di andare a visitare il sito http://www.rivarossi-memory.it e di studiarlo per bene visto che contiene buona parte della storia del fermodellismo Italiano per poi venire qui e parlarne con noi e con loro!
Vi aspettiamo numerosi!!!
Lo staff di ferramatori.it e di rivarossi-memory.it"

Re: LOCO OLD WEST LIVREE PER MERCATO USA

Messaggioda Tricx » 16 gen 2020, 21:05

Ah, dimenticavo: sempre in base agli ultimi discorsi, si può dire che la "primogenitura" di quelle locomotive "vecchio west", sia assolutamente Rivarossi ?
Mi sembra di sì, poichè essa le "ereditò" da Pocher e questa - per quel che ne so - mi sembrava meno avvezza e propensa alle collaborazioni "esterne" ed in particolar modo "internazionali".... o sbaglio ?

Quindi non è che poi possa saltare fuori che Rivarossi utilizzò quegli stampi creati da altri ( al di fuori della sua supervisione e controllo ),...magari all'estero ?... :oops:

Scusate la domanda e i dubbi che mi sono venuti, ma con quello che si è sentito e rivelato negli ultimi tempi sulle "collaborazioni" varie di Rivarossi.... rischio di cominciare a "perdere la fede".... :lol: e a dubitare di cose che fino a qualche tempo fa mi sembravano "verità" incrollabili.... :? :-o :?

Saluti..."miscredenti"... (x) . Riccardo.
Tricx

Avatar utente
 
Messaggi: 1848
Iscritto il: 22 set 2011, 20:08
Località: L'epicentro del trifase

Re: LOCO OLD WEST LIVREE PER MERCATO USA

Messaggioda berto75 » 16 gen 2020, 23:02

Tricx ha scritto:Sintetizzando, in base ai discorsi fatti negli ultimi messaggi che precedono, mi state dicendo anche che tutte quattro i tipi delle locomotive "western" di Rivarossi avevano il tender il cui "deretano" ass1 presentava "quel cavo" con "quella stessa identica forma" ?

Sinceramente trovo quasi assurdo che di tanto in tanto modificassero gli stampi per particolari quasi irrilevanti e viceversa non avessero neppure diversificato i modelli di quattro locomotive diverse.... oltretutto su un "particolare" del tutto sui generis e assolutamente "opzionale"....
.....o forse ho capito male io ?

Grazie per l'eventuale chiarimento e saluti.
Riccardo.

Non hai capito male , effettivamente IL deretano ass1 di TUTTI I TENDER dei 5 modelli RR old west ( INYO , RENO , GENOA, AMERICAN e J.W.BOWKER indipendentemente dalle loro livree ) COMPRESO QUELLI DEI TENDER dei modelli pocher è identico cioè sul retro il tender presenta SEMPRE il cavo con il gancio nella stessa identica posizione!
Sembra strano ora che ci penso anch'io ma è proprio così in quanto americanista RR ne ho avuti parecchi sottomano di loco old west Rivarossi e non mi ricordo di aver mai notato un tender RR old west senza il cavo con il gancio O con il gancio posizionato in maniera differente .
ovviamente anche il deretano dei tender dei modelli IHC è identico ( come hai visto con la UNION PACIFIC) insomma il cavo con il gancio era una caratteristica invariabile tipicamente rivarossiana .
Solo nel deretano del tender della Genoa RR in scala 0 Rivarossi ha cambiato la posizione del cavo che comunque è sempre presente vedi . viewtopic.php?f=53&t=5921&start=20#p45026 .
A questo punto credo che Rivarossi abbia realizzato un solo stampo tender (con il cavo posteriore e gancio appunto ) che veniva utilizzato per tutti e 5 i modelli old west sopracitati , ovviamente cambiava la livrea con le iscrizioni a seconda dei modelli e naturalmente la soprastruttura del tender che era un pezzo riportato (coperchio chiuso, legna , carico legna con cancelletti nella bowker, carbone ecc.) ma il tender come stampo era sempre quello.
insomma lo stampo del tender credo fosse sempre lo stesso cambiava solo la soprastruttura da fissare sopra il medesimo! questo spiegherebbe perché tutti i vari modelli di loco old west Rivarossi erano sempre uguali di deretano.
Non so se ho detto una inesattezza ma sono quasi sicuro che sia così.
Qualcuno tra voi ha riscontrato qualche variante nella carrozzeria tender di loco OLD WEST Rivarossi relativamente al deretano laught16 ? che so cavo posizionato in modo diverso o assente?
cavolo tricx le tue domande e dubbi hanno il potere di mettere i in dubbio anche le mie certezze (x)
DUBBIOSI -4-
berto75

 
Messaggi: 2109
Iscritto il: 18 mar 2014, 20:37

Re: LOCO OLD WEST LIVREE PER MERCATO USA

Messaggioda Giorgio » 17 gen 2020, 13:47

Scusate, ma sono stato via alcuni giorni e non riesco a leggere tutto con cura.
Comunque negli anni '90 RR faceva fare molte cose a Mehano tra cui le E-8, fatte e finite in Slovenia ma con le scritte "Rivarossi" (non ricordo se made in Italy o meno ...)
Può darsi che in "pagamento" avessero prestato gli stampi delle American, per una produzione autonoma di Mehano.
Gli stampi erano comunque di "produzione e concezione" Rivarossi (nel senso che non li faceva internamente, ma la progettazione degli stessi a la loro validazione era RR, ed erano fatti in Italia), nonostatnte le problematiche relative alla proprietà (per alcuni e forrse anche quelli delle American) . Qua la sentenza del processo civile relativo: http://www.alanhcasperesq.com/forms/conway.pdf
Giorgio

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 2350
Iscritto il: 16 mar 2009, 13:23

Re: LOCO OLD WEST LIVREE PER MERCATO USA

Messaggioda Tricx » 19 gen 2020, 16:50

Grazie a tutti delle risposte e chiarimenti.... che comunque non fugano le perplessità relative alle vicende di quegli stampi vari e di tutti quegli avvicendamenti di "marchi", "abrasioni", ristampe e riedizioni connesse ai medesimi... (x) :?
Grazie a Giorgio in particolare per la conferma che gli stampi proprio delle loco "western" di cui qui si parla, erano di "ideazione" Rivarossi: del resto esse non erano direttamente "derivate" da quelle Pocher ? E addirittuta quegli stampi ( o almeno qualcuno di essi, di qualche "componente" dei modelli )potrebbero essere gli "stessi", solo con qualche "aggiornamento" ?

Se così era, per quale ragione avrebbero dovuto essere di proprietà U.S.A. ?

A proposito di quella "sentenza" estera, mi sembra che fosse già stata indicata in una discussione precedente, ma non riesco a ricordare dove.... oppure mi sbaglio ?

Saluti. Riccardo.
Tricx

Avatar utente
 
Messaggi: 1848
Iscritto il: 22 set 2011, 20:08
Località: L'epicentro del trifase

Re: LOCO OLD WEST LIVREE PER MERCATO USA

Messaggioda berto75 » 19 gen 2020, 23:14

Tricx ha scritto:A proposito di quella "sentenza" estera, mi sembra che fosse già stata indicata in una discussione precedente, ma non riesco a ricordare dove.... oppure mi sbaglio ?

Saluti. Riccardo.

Non ricordo se ne sia parlato qui sul forum ma Giorgio ne parlava nel suo libro sui treni Rivarossi .
è un documento storico molto importante purtroppo non conosco bene l'inglese :oops: :oops: avendo studiato il francese quindi non sono in grado di leggerla :-x .
Tricx ha scritto:Grazie a Giorgio in particolare per la conferma che gli stampi proprio delle loco "western" di cui qui si parla, erano di "ideazione" Rivarossi: del resto esse non erano direttamente "derivate" da quelle Pocher ? E addirittuta quegli stampi ( o almeno qualcuno di essi, di qualche "componente" dei modelli )potrebbero essere gli "stessi", solo con qualche "aggiornamento" ?...
Saluti. Riccardo.

qualche informazione la trovi qui:
viewtopic.php?f=53&t=4717&hilit=loco+old+west&start=10#p33729
le loco old west 4-4-0 di stampo Rivarossi vero e proprio (che sono diverse nella carrozzeria della loco dalle old west Pocher , eccetto la carrozzeria del tender che era sempre LA STESSA sia nei modelli Pocher che in quelli successivi RR ) sono uscite sul mercato COME Novità nel 1975 e sono subentrate a quelle vecchie di stampo Pocher .
Purtroppo i cataloghi RR non sono attendibili , perché anche molti anni dopo l'uscita delle old west Rivarossi (nel 1975) continuano a mostrare l'immagine delle vecchie loco old west Pocher generando confusione in chi non ha chiara la distinzione tra i modelli old west Pocher e quelli old west Rivarossi.
E ORA ultima novità ...relativamente al nuovo motore mehan..ehm volevo dire universale di cui sono dotate sia le loco old west IHC CHE le loco old west RR anni 90.
su ebay è in vendita uno di questi motori ( è venduto come articolo nuovo) universali per loco americane e ...è forse made in italy :-o ? Quindi altro che mehan... :lol: è di fabbricazione Rivarossi :? ? ALMENO A GIUDICARE dalla confezione sembrerebbe di sì …ma non sono in grado di dire se la confezione sia veramente la sua ORIGINALE o magari è di un altro articolo RR e il venditore l'ha usata per contenere il motore.
ci vorrebbe un catalogo ricambi del 1996 almeno per verificarlo forse Max nella sua scheda pezzi ricambio della sua [fischse7.gif] RENO RR del 1996 potrebbe verificarlo ?
Mah ? se la confezione del motore fosse veramente la sua originale allora le loco IHC montano un motore ITALIANO RR?
PERPLESSI (al solito) :roll: -4-
Allegati
motori%20confronto%20posteriore.jpg
MOT 4 RR.jpg
il motore è indubbiamente identico a quello della mia IHC Union Pacific
mot 1 RR.jpg
MOT 2 RR.jpg
MOT 3 RR.jpg
berto75

 
Messaggi: 2109
Iscritto il: 18 mar 2014, 20:37

Re: LOCO OLD WEST LIVREE PER MERCATO USA

Messaggioda berto75 » 20 gen 2020, 0:12

analogo motore in vendita su e bay di un altro venditore anche questo è made in italy quindi RR ?
Mi prenda un colpo :shock: se non è il motore per le EMD E 8 IHC vedi: viewtopic.php?f=53&t=6248#p48566
allora sono motori italiani !!??
Allegati
VIA%2520SPIEGAZIONE.jpg
il motore RR in vendita sopra sembra proprio quello delle EMD E 8 IHC DA POSIZIONARE IN VERTICALE
motore rivarossi.jpg
berto75

 
Messaggi: 2109
Iscritto il: 18 mar 2014, 20:37

Re: LOCO OLD WEST LIVREE PER MERCATO USA

Messaggioda Tricx » 20 gen 2020, 4:15

A proposito della sentenza estera riportata da Giorgio, prima pongo allo stesso una domanda:
quel James M. Conway di cui parla il suddetto documento, è da mettere in relazione a "Con Cor" ?

Sempre a proposito di tale sentenza, condivido anch'io, - ahimè - :oops: :oops: gli stessi problemi di Berto, ma la curiosità era tanta e così ho cercato di capirne il senso con l'aiuto di "google traduttore".... Spesso però questi sistemi traducono in modo pedestre e piuttosto insoddisfacente, per cui ho cercato di darne una "arrangiata"... (x)

Se non è di disturbo, metto qui di seguito quanto ne è venuto fuori e se qualcuno è in grado di fornire una migliore e più "tecnica" traduzione, è invitato a fare tutte le correzioni e sostituzioni del caso.

" INTERNATIONAL HOBBY CORP.
contro
RIVAROSSI S.p.A.e James M. Conway Corp.
No. CIV. A. 96-3082.
Tribunale distrettuale degli Stati Uniti, E.D. Pennsylvania.
29 giugno 1998.
MEMORANDUM
I. INTRODUZIONE
WALDMAN, J.
* 1 Le parti in questa causa sono società impegnate nella produzione, commercializzazione e distribuzione internazionale di treni e accessori per modellini ferroviari. La Società attrice sostiene che i convenuti hanno agito di concerto ai suoi danni per privarla dei diritti contrattuali che possedeva, la hanno diffamata nelle pubblicazioni commerciali, hanno rifiutato illegalmente di fare affari con essa e si sono impegnati in una concorrenza sleale.
La competenza in materia si basa sulla diversità della cittadinanza. Vedi 28 U.S.C. § 1332. Le parti convengono che la legge della Pennsylvania si applica alle questioni sostanziali nel caso. Attualmente dinanzi al tribunale sono proposte istanze per giudizio sommario dei convenuti.
II. NORMA LEGALE
Nel prendere in considerazione una istanza per un giudizio sommario, il tribunale deve determinare se "le memorie, le deposizioni, le risposte agli interrogatori e le ammissioni in atti, insieme alle dichiarazioni giurate, se presenti, dimostrano che non vi è alcun dubbio riguardo a qualsiasi fatto materiale e che la parte che agisce ha diritto a una sentenza che faccia la veci di una legge ". Fed.R.Civ.P. 56 (c); Anderson contro Liberty Lobby, Inc., 477 U.S. 242, 247, 106 S.Ct. 2505, 91 L.Ed.2d 202 (1986); Arnold Pontiac-GMC, Inc. contro General Motors Corp., 786 F.2d 564, 568 (3d Cir.1986).
Solo i fatti che possono influire sull'esito di una causa ai sensi della legge applicabile sono "rilevanti". Anderson, 477 U.S. a 248. Tutte le deduzioni logiche (desumibili) da atti (o documenti) devono essere tratte a favore del convenuto. Id. a 256. Sebbene chi agisce abbia l'onere iniziale di dimostrare l'assenza di autentici problemi di fatto materiale, il convenuto deve a sua volta dimostrare l'esistenza di ciascun elemento su cui gli grava l'onere della prova. J.F. Feeser, Inc. contro Serv-A-Portion, Inc., 909 F.2d 1524, 1531 (3d Cir.1990), cert. negato, 499 USA 921, 111 S.Ct. 1313, 113 L.Ed.2d 246 (1991) (citando Celotex Corp. contro Catrett, 477 U.S. 317, 323, 106 S.Ct. 2548, 91 L.Ed.2d 265 (1986)).
III. DATI DI FATTO ALLA BASE DELLA VICENDA.
Dal verbale non contestato o visto nel modo più favorevole all'attore, i fatti pertinenti sono i seguenti.
La attrice International Hobby Corporation ("IHC") è una società della Pennsylvania che progetta, importa, commercializza e distribuisce modelli di treni ferroviari e accessori. La convenuta Rivarossi S.p.A. ("Rivarossi") è una società italiana che produce treni modello e accessori. L'(altro) convenuto James M. Conway Corporation ("JMC") è una società dell'Illinois che importa e distribuisce treni modello e accessori.
Bernard Paul è il CEO di IHC. Il 2 dicembre 1982, il sig. Paul e Regal Way, Inc. ("Regal Way") avevano sottoscritto un contratto di leasing (il "Contratto di leasing") relativo a specifiche attrezzature per la produzione (degli articoli delle parti) che presto ssarebbero (divenuti) di proprietà di Regal Way e utilizzati per realizzare treni modello e componenti di treni modello. L'attrezzatura/utensili per la produzione era situata in Italia e gestita dalla convenuta Rivarossi. Nell'accordo di leasing, Regal Way aveva concesso a Paul il diritto esclusivo di distribuire negli Stati Uniti e in Canada i prodotti fabbricati utilizzando le attrezzature per la produzione. In cambio, il signor Paul aveva accettato di pagare a Regal Way una royalty pari al cinque percento del prezzo dei prodotti coperti dal Contratto di locazione e spediti da Rivarossi. In base ai termini del Contratto di locazione, Regal Way aveva mantenuto i diritti di noleggio delle attrezzature/utensili ad altre parti, a condizione che nessun altro contratto di locazione fosse in conflitto con i diritti del Sig. Paul. La attrice IHC ha successivamente acquisito la posizione del sig. Paul nel contratto di locazione.
* 2 Il Paragrafo 3 del Contratto di locazione prevedeva per la durata del contratto:
"La durata del contratto di locazione stabilita nel presente Accordo (il "Termine") decorre dalla data in cui il Locatore ottiene il titolo ( di proprietà) sulla attrezatura produttiva e continuerà per un periodo di un (1) anno successivo. Il termine e il presente accordo continueranno automaticamente per un periodo aggiuntivo di un (1) anno e successivamente di anno in anno, a meno che il locatore o il locatario non diano avviso all'altro non meno di sessanta (60) giorni prima della fine di tale periodo della propria scelta di recedere dal presente Accordo alla fine di detto periodo, a condizione tuttavia che il Licenziante accetti che potrà decidere di recedere solo con l'esercizio di un ragionevole giudizio ( valutazione) commerciale che il Licenziatario non sta facendo del suo meglio in modo valido ed economicamente conveniente per commercializzare, vendere, pubblicizzare e distribuire i prodotti o ha altrimenti violato le disposizioni dell'Accordo".
Regal Way aveva mantenuto la proprietà dell'attrezzatura per utensili in leasing da dicembre 1982 a giugno 1985. Durante quel periodo, IHC aveva effettuato ordini con Rivarossi per prodotti fabbricati utilizzando l'attrezzatura/utensili di produzione in locazione come previsto nell'accordo di leasing. Nei mesi in cui riceveva spedizioni da Rivarossi, IHC avrebbe inviato un pagamento di royalty a Regal Way. Nei mesi in cui IHC non riceveva merci prodotte utilizzando le attrezzature locate, avrebbe inviato a Regal Way una lettera in cui si informava che non erano dovuti diritti.
Intorno al 26 giugno 1985, Regal Way vendette la sua partecipazione in.....

Continua.... Saluti. Riccardo.
Tricx

Avatar utente
 
Messaggi: 1848
Iscritto il: 22 set 2011, 20:08
Località: L'epicentro del trifase

Re: LOCO OLD WEST LIVREE PER MERCATO USA

Messaggioda Max 851 » 20 gen 2020, 9:17

Berto 75 ha scritto:
ci vorrebbe un catalogo ricambi del 1996 almeno per verificarlo forse Max nella sua scheda pezzi ricambio della sua [fischse7.gif] RENO RR del 1996 potrebbe verificarlo ?

Il motore in vendita sembra proprio quello della mia Reno, ovviamente non sono in grado di dire se è "made in Italy" o no, non mi sembra nemmeno che ci siano scritte e ora che la loco è tornata a dormire nel soppalco non sono in grado di verificare, almeno in tempi brevi naturalmente. Per quanto riguarda la scheda ricambi, l'ho già (ri)trasmessa a Giorgio che spero trovi il tempo di pubblicarla, comunque il motore raffigurato sembrerebbe proprio quello lì, ma naturalmente non viene specificata la provenienza!
Il fatto poi che il ricambio venisse venduto in scatoline con il marchio Rivarossi non significa nulla. Butto lì un'ipotesi: in quegli anni mi pare che i motorini che andavano per la maggiore erano i Buehler, sicuramente almeno quello della famosa 835 in scala esatta 1:87 uscita verso il 1995 era quello, perché non potrebbe essere tale anche quello delle loco "western"?
Ricordo che anche gli ultimi trasformatori usciti come Rivarossi in realtà erano Buehler, come del resto era chiaramente scritto sull'involucro.
Massimiliano
Max 851

 
Messaggi: 844
Iscritto il: 6 gen 2013, 18:12

Re: LOCO OLD WEST LIVREE PER MERCATO USA

Messaggioda Tricx » 20 gen 2020, 11:55

Anch'io pensavo la stessa cosa, ed anche la Aln 556 aveva quel tipo di motorizzazione; da qualche parte, non so se sui cataloghi o altrove, avevo letto proprio che si trattava di motore Buehler. Questa marca era "made.... :lol: dove" ? Inoltre, se anche di tale marca. vi è la certezza che non fossero comunque costruiti / assemblati in Estremo Oriente ? :?
Un saluto a tutti. Riccardo.
Tricx

Avatar utente
 
Messaggi: 1848
Iscritto il: 22 set 2011, 20:08
Località: L'epicentro del trifase

Re: LOCO OLD WEST LIVREE PER MERCATO USA

Messaggioda Max 851 » 20 gen 2020, 13:35

La Buehler è stata fondata a Norimberga nel 1855, e produce motori elettrici ovviamente non solo per modelli ferroviari. Attualmente oltre che in Germania ha sedi anche nella Repubblica Ceca, USA, Messico e Cina. Il motore delle loco Rivarossi "western" quindi, ammesso che sia veramente un Buehler, potrebbe essere di provenienza tedesca, ma anche cinese.
Non appena avrò tempo (e voglia...) per una nuova spedizione nel soppalco cercherò di verificare se per caso l'involucro del motore presenta qualche scritta, cosa che però come ho già detto mi sentirei di escludere. Comunque nel caso fosse un Buehler dovrebbe riportare almeno il marchio che rappresenta una specie di abete stilizzato.
Massimiliano
Max 851

 
Messaggi: 844
Iscritto il: 6 gen 2013, 18:12

PrecedenteProssimo

Torna a Rivarossi - Memory

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti