trasformatori-raddrizzatori-alimentatori-portapila



Regole del forum
Rivarossi-Memory.it
"E' il link del bellissimo sito dedicato alla storia della vecchia Rivarossi.
Già da tempo in contatto con loro, abbiamo insieme deciso di creare una sezione del forum dedicata al loro sito.
Naturalmente per prima cosa, per chi non l'avesse ancora fatto, vi consiglio di andare a visitare il sito http://www.rivarossi-memory.it e di studiarlo per bene visto che contiene buona parte della storia del fermodellismo Italiano per poi venire qui e parlarne con noi e con loro!
Vi aspettiamo numerosi!!!
Lo staff di ferramatori.it e di rivarossi-memory.it"

Re: trasformatori-raddrizzatori-alimentatori-portapila

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 5 mag 2015, 10:59

FNM600 ha scritto:...................
Non mi pare di avere visto queste foto, tra l'altro sei la 1a volta che intervieni su questo argomento anche se il tuo nome mi è famigliare in altri argomenti! Magari hai postato su altro argomento ossia titolo? Controlla p.f.
.......................
-4-

Clicca qui e vedrai

viewtopic.php?f=53&t=4365

poi ci siamo messi a parlare di binari e............ (x)
Saluti da Oliviero
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3693
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: trasformatori-raddrizzatori-alimentatori-portapila

Messaggioda FNM600 » 6 mag 2015, 16:45

FNM600 ha scritto:
Non mi pare di avere visto queste foto, tra l'altro sei la 1a volta che intervieni su questo argomento anche se il tuo nome mi è famigliare in altri argomenti! Magari hai postato su altro argomento ossia titolo? Controlla p.f.


Oliviero Lidonnici ha scritto:Clicca qui e vedrai
viewtopic.php?f=53&t=4365
....poi ci siamo messi a parlare di binari e............ (x)
Saluti da Oliviero


Hai ragione Oliviero! ...solo che non ero sulla scena del forum all'epoca,
ecco i dati:
ACCESSORI RIVAROSSI Messaggioda Oliviero Lidonnici » 23 giu 2014, 20:32
dove si comincia con la tua foto del sotto del tuo RT8 / 4008
RT8BuehlerSotto.jpg
Mi sono preso la libertà di scaricare questa foto fatta e postata da Oliviero il 23 giugno 2014 scorso.

seguito da vari interventi sulla Bu"hler che è nota ditta Tedesca specialista in motorini elettrici oltre a trasmissioni e alimentatori.
Ecco qui il loro sito attuale: http://www.buehlermotor.com/DE/Produkte .
Purtroppo ACCESSORI era troppo vasto e così andò via da solo Alimentatori , ma continuamo qui!
Ultima modifica di FNM600 il 6 mag 2015, 18:55, modificato 1 volta in totale.
FNM600

Avatar utente
 
Messaggi: 664
Iscritto il: 17 set 2014, 2:19
Località: Como Nord Camerlata

Re: trasformatori-raddrizzatori-alimentatori-portapila

Messaggioda FNM600 » 6 mag 2015, 16:56

Max 851 ha scritto:Il mio interesse c'è sempre, almeno per quanto riguarda il modo di aprire il trasformatore 4011, solo che finora non ho avuto la possibilità di scattare qualche foto dei famigerati "tappi".
Massimiliano

Max 851 ha scritto:OK, grazie dei consigli che proverò a seguire appena avrò tempo. ---OMISSIS---
Massimiliano


Anzi sarei tentato di scrivere un e-mail direttamente alla Bu"hler [lupe.gif] riguardo come aprire i RT8 e RT11 ! :smile: ;-) .

Dal loro sito sono orgogliosi del fatto che producono sia prodotti standard, prodotti modificati che prodotti su richiesta e disegno dei clienti... come potrebbero essere stati i nostri RT8 e RT11!
-4-
FNM600

Avatar utente
 
Messaggi: 664
Iscritto il: 17 set 2014, 2:19
Località: Como Nord Camerlata

Re: trasformatori-raddrizzatori-alimentatori-portapila

Messaggioda Dario Romani » 7 mag 2015, 11:00

La discussione non attinente a Rivarossi ma generica è stata spostata in Scala HO: Discussioni varie.
viewtopic.php?f=85&p=34453#p34453
+ Ciao da Dario Romani
Dario Romani

Avatar utente
 
Messaggi: 1775
Iscritto il: 25 feb 2011, 15:52
Località: Roma - Pigneto

Re: trasformatori-raddrizzatori-alimentatori-portapila

Messaggioda FNM600 » 7 mag 2015, 19:50

Infatti ho notato che hai giustamente spostasto gli ultimi messaggi visto che tè Dario ha cominciato a divagare sulla Bu"hler e questioni di non aprire alimentatori moderni che ho continuato.

Comunque ritornando al RT8 e RT11 ritorniamo qui.
Chissa se il RT11 sarà riparabile, ma strettamente per uso personale come detto!

-4-
FNM600

Avatar utente
 
Messaggi: 664
Iscritto il: 17 set 2014, 2:19
Località: Como Nord Camerlata

Re: trasformatori-raddrizzatori-alimentatori-portapila Lista

Messaggioda FNM600 » 20 ott 2015, 1:37

Approfitto con l'argomento attuale viewtopic.php?f=53&t=5051 di ravvivare l'argomento alimentatori RR.
Argomento un po' noioso e tecnico ma essenziale per far funzionare i nostri treni modello! ;-)

Accludo una lista già in bozza primavera scorsa ma non postata durante l'estate calda.
Lista ricavata da memoria e RR Memory su tutti gli alimentatori prodotti e venduti da RR !

Sono curioso di sapere se completa e precisa. Un po' difficile soprattutto per i primissimi, ma forse anche quelli verso la fine della produzione Comasca con l'avvento del DDC! Qui mi limito ai sistemi tradizionali!

Notare che le date sono desunte dai cataloghi e le date effettive di vendita potevano differire:

Correzioni ed aggiunte benvenute !

Primissimi tempi:
1946 vari tipi (magari solo progetti)

Con incorporato commutatore nel retro per le varie tensioni di rete tipiche dell'epoca!
-RT100 ca 1947 regolazione continua
-RT100ec ca 1947 4 velocità (scatti)
Questi per treni a ca

Questi forniti in varie versioni per diverse tensione di rete ossia 125V 160V 220V.
RT100 ca 1948 per treni a ca con inversione a pulsante (sovratensione)
-RT/St48 cc / ca 1948 per treni a cc con inversione di polarità più ca per accessori
-RT/St cc 1948 4 velocità per treni a cc
-R/48St Pila 1948 Portapile (tipo piatto 4.5V)

Era Bakelite nera:
Involucro in bakelite nera con coperchio fissato con bulloni in aluminio
In pratica un'alimentatore per ogni serie colorata dell'epoca!
disponibili in 4 versioni per reti a 110V, 125V, 155V, 220/240V tra 1950 e 1952
in seguito 3 tensioni ossia 125V, 155V e 220V

-RT100 ca /ca 1948/55 come nel 1948 con uscite in ca per il treno con pulsante d'inversione e ca fissa per accessori
-RT/R cc /ca 1950/56 con uscite in cc per il treno (inversione con scambio di polarità) e ca per accessori
-RT/V cc 1950/57 con solo uscita per il treno (inversione con scambio di polarità)
-RT/G ca 1950/1951 Minobus ca, involucro grosso come RT/R,
1952/56 involucro piccolo come RT/V sempre con solo uscita in ca per il tram o filobus senza possibilita d'inversione. Veramente un RT/V senza raddrizzatore !
R/V pila 1950 come R/48St fino al 1955 Portapila per una pila piatta 4.5V

Era RT2/3
Stile con scatole di lamiera, pannelli frontali gialli, leva di regolazione lunga con inversore INV / 4204.
I tipi più economici stesso stile ma con scatole in plastica.
Originariamente forniti con cordone di rete separato inseribile a spinetta. Dal catalogo 1962 tutti forniti con cordone fisso.
Venduti in 3 versioni per reti a 110/125V 160V 220/240V

- 4014/70 Portapila 1965/72 da collegare a RT1/34001/71 (piccolo dispositivo quadrato con manopola rossa per solo Avanti-Fermo-Indietro
- RT1 34001/71 fisso cc 1956/71 Involucro rettangolare con angoli smussati grigio, notare 2 versioni con diversa posizione dell'uscita per uso con portapila 4014/70, cambio avvenuto 1965/66
- RT2 4002 cc/ca 1957/78
- RT3 4003 cc/ca/cc 1957/78 L'ammiraglio degli alimentatori RR !

- PR1 4004 Porta pila 1958/64 Scatola stile RT2/3 ma in plastica? con reostato? per serie rr diciamo RT4 !

- 44000 rr cc 1961/64 Involucro di plastica e fornito solo con cordone fisso incluso per serie rr diciamo RT0 !

- 4005 cc/ca 1965/72 Involucro di plastica, solo cordone fisso? diciamo RT5 !

- TFA1 4101 fisso ca 1957/70 involucro rettangolare angoli smussati tipo RT1 ma Rosso

Accessori:
- DRT 4205 Disgiuntore 1958/64 Disgiuntore termico per proteggere RT2
- VAmetro 4904 1957/69 Scatola stile RT2/3 con coppia di voltmetro ed amperometro.
- INV 4204 1956/64 inversore simile a quello montato in tutti gli alimentatori coevi
- FP2/A 4500 prolunga 1956/62


Era Junior
Involucro in colori vivaci. Leva unica per regolazione ed inversione
Disponibile solo per 220V
(segno dei tempi ed unificazione tensione di rete)

- 72/4006 diciamo RT6 giallo cc 1971/78 (mostrato come quadrato grigio chiaro nel catalogo 1970)
- 73/4007 diciamo RT7 verde cc/ca 1971/85? anche accessori
- 4102 diciamo TF A2 rosso ca 1971/89?
- 74/4210 Portapila 1972/79? pannello segnato per 200km/h !

Era elettronica di produzione Bu"hler ?
Involucro di plastica con angoli vivi, ma colori come serie RT2/3
Solamente 220V disponibile.

- 4008 diciamo RT8! 1978/85? (non elettronico?)
- 4009 diciamo RT9 piccolo 1980/97?
- 4011 diciamo RT11 grande 1980/97?

Non pare che sia mai esistito un art.4010 diciamo RT10 !

Sistema di suono loco a vapore

4909 Suono EUR 1975/80?
4910 Suono USA 1975/80?
E' mai stato prodotto e venduto?

Digitale
Di ispirazione ed origine Arnold che appare nel catalogo 1998
Sistema complesso per altro argomento.

Pare che nei cataloghi successivi non c'è più menzione di alimentatori analogici ma solo per DCC! E' cosi?
FNM600

Avatar utente
 
Messaggi: 664
Iscritto il: 17 set 2014, 2:19
Località: Como Nord Camerlata

Re: trasformatori-raddrizzatori-alimentatori-portapila

Messaggioda FNM600 » 10 dic 2015, 0:20

Vedo che l'ultimo mio messaggio non ha suscitato risposte.

Approfitto visto che si stà discutendo del VAmetro viewtopic.php?f=53&t=5051 accessorio complementare ad alimentatori.

O è così esauriente, :smile:
o è assolutamente noiso ed astruso! :-x

NON mi offendo se disastro noiosiss..ssimo!!!
FNM600

Avatar utente
 
Messaggi: 664
Iscritto il: 17 set 2014, 2:19
Località: Como Nord Camerlata

Re: trasformatori-raddrizzatori-alimentatori-portapila

Messaggioda thedoctor » 28 giu 2016, 17:16

Riporto su questo filetto poichè mesi fa ho provato ad usare il 44000 scampato alle perdite e proveniente dal mio start set avuto in dono a Natale 1963(a giugno 1964 ebbi il mio...tavolo con due ovali e poco altro);funziona e come descritto su H0 RR da' una tensione di 9 Vcc, tanto che mi piacerebbe usarlo sul plastico a s.r. dato che Emmine e vaporiere non devono andar veloci!Appena posso metto una foto e segnalo che, a fianco alle due boccole per il binario, ce ne sono due "cieche"in quanto esisteva la versione con uscita a 15 Vac per scambi etc.Questo trafo però,nonostante c'era la rete 160 V in casa,era a 220:probabilmente a Cosenza,dove da quel periodo per dieci anni comprammo "i Rivarossi", la tensione era quella poi divenuta standard, come ricordato più su da me e da altri(...quindi dai col sottotrasf.,in verità piuttosto piccino e coi "pericolosi" ponticelli di scelta tensione!).

Saluti in AC!
thedoctor

 
Messaggi: 490
Iscritto il: 12 lug 2014, 12:35
Località: Castelcrati terme (Calabria settentrionale)

Precedente

Torna a Rivarossi - Memory

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti