Una strana confezione



Regole del forum
Rivarossi-Memory.it
"E' il link del bellissimo sito dedicato alla storia della vecchia Rivarossi.
Già da tempo in contatto con loro, abbiamo insieme deciso di creare una sezione del forum dedicata al loro sito.
Naturalmente per prima cosa, per chi non l'avesse ancora fatto, vi consiglio di andare a visitare il sito http://www.rivarossi-memory.it e di studiarlo per bene visto che contiene buona parte della storia del fermodellismo Italiano per poi venire qui e parlarne con noi e con loro!
Vi aspettiamo numerosi!!!
Lo staff di ferramatori.it e di rivarossi-memory.it"

Una strana confezione

Messaggioda Talgo49 » 4 feb 2010, 10:46

Rovistando sul web ho trovato questo modello che mi pare presenti alcune particolarità.
Foto1.jpg

Anzitutto la confezione che non ho mai visto e non trovo nemmeno su RM, sembra una di quelle elencate ma in realtà è diversa.
Foto2.jpg

Anche il numero dell'articolo è inusuale: solo due cifre?
Foto3.jpg

E il carro è marcato Pocher.
Si attendono spiegazioni

Gianni
Through the Rockies, not around them
Talgo49

Moderatore Globale
 
Messaggi: 1807
Iscritto il: 11 apr 2009, 10:22
Località: Orobia

Re: Una strana confezione

Messaggioda Massimo » 4 feb 2010, 14:33

sono le confezioni della serie "Junior". La serie era evidenziata, con molta discrezione (anche troppa!) da una "J" apposta all'interno del timbro, sul lato sx della confezione.
E' comunque decisamente anomalo il codice a solo due cifre (nella nomenclatura Pocher i codici sono sempre stati a tre cifre).
Massimo

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 1730
Iscritto il: 17 mar 2009, 9:39

Re: Una strana confezione

Messaggioda Talgo49 » 4 feb 2010, 22:20

Bene, forse abbiamo scoperto una nuova variante nelle confezioni Rivarossi (4) . In effetti la confezione già inserita nel sito è uguale a quella delle foto che ho trovato, tranne che per la scritta Rivarossi, decisamente diversa. Anche se nelle foto non si vede il marchio distintivo della serie Junior, il codice a due sole cifre conferma la tua affermazione. Avevo trascurato il fatto che la numerazione a due cifre identificava proprio la serie Junior, guardando a pagina 38 del catalogo 1970/71 si vede proprio questo carro con il codice 62.
Tutto ciò, se da un lato spiega alcune cose, dall'altro stimola alcune nuove osservazioni. Anzitutto nella pagina che ho citato tutti i carri hanno un codice a due cifre e sono pertanto della serie Junior ma Rivarossi non spende una parola per spiegare che questi carri sono "diversi", forse si vergognava? Non mi sembra un modo di procedere molto corretto (21) .
Un'altra cosa strana è il carro stesso delle foto che ho inserito: mi sembra troppo bello, pensavo che la serie Junior fosse una versione più economica del modello base; questo carro (e gli altri della stessa pagina) è stato inserito con la normale codifica in altri cataloghi ed io non riesco a scorgere le differenze.
Un'altra curiosità: nel catalogo della serie Junior su RM nelle pagine dedicate ai carri si dice che questi hanno i ganci molto realistici (perchè ?) mentre nelle immagini i carri merce appaiono privi di ganci! (1) . Se si aggiunge che, sempre il carro delle mie foto, pare avere dei ganci normalissimi, allora mi chiedo quale fosse la differenza tra i modelli "normali" e quelli della serie Junior.
Da ultimo: non ho mai posseduto modelli Rivarossi di origine Pocher ma, pensavo che questi derivassero da stampi Pocher ma fossero marcati Rivarossi. Sempre da una delle mie foto il carro è invece chiaramente marcato Pocher - Torino e allora, considerando anche che il carro è della serie economica Junior, quale è la differenza, a parte ovviamente la colorazione, tra un carro originale Pocher e la sua versione Rivarossi? (19)

Sono riuscito a fare abbastanza confusione?
Gianni
Through the Rockies, not around them
Talgo49

Moderatore Globale
 
Messaggi: 1807
Iscritto il: 11 apr 2009, 10:22
Località: Orobia

Re: Una strana confezione

Messaggioda Giorgio » 4 feb 2010, 22:45

Per la Serie Junior è vero, pare che RR si "vergognasse" di dichiarare di fare serie economiche:
http://www.rivarossi-memory.it/Le_Serie ... rie_Junior
Per altro anche i carri Serie Junior che ho io sono rifiniti piuttosto bene.
E le scatole Blu erano in quel periodo utilizzate anche per la serie normale, come si vede dal codice del carro boom qua sopra.
I carri di derivazione Pocher erano sempre marcati Pocher ma messi in scatole Rivarossi (e sul catalogo RR), pernso che le scatole Pocher le abbiano smesse nella seconda metà degli anni '60 quamdo hanno cessato anche di pubblicare i cataloghi Pocher.
Anche lo spazzaneve rotante RR Rio Grande è marcato Pocher nel sottocassa, e così tutti i carri frigo presi dalla Pocher.
Giorgio

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 2376
Iscritto il: 16 mar 2009, 13:23

Re: Una strana confezione

Messaggioda Talgo49 » 4 feb 2010, 23:29

Allora il Boom di cui sopra è un'anomalia in quanto si tratta di un carro Modello in una scatola dichiaratamente Junior. Sul fianco della scatola si vede chiaramente, anche in francese, la scritta "La qualità Rivarossi alla portata....", questo confermerebbe che la serie Junior era, per qualche motivo, più economica. Allora mi chiedo, per fare un esempio pratico, quale era la differenza tra il carro frigo articolo 62 e quello articolo 2078? E la storia dei ganci come la mettiamo? (7)

Gianni
Through the Rockies, not around them
Talgo49

Moderatore Globale
 
Messaggi: 1807
Iscritto il: 11 apr 2009, 10:22
Località: Orobia

Re: Una strana confezione

Messaggioda Giorgio » 5 feb 2010, 11:06

Di differenze tra il carro 62 e il 2078 (Frigo Hgm SpatenBrau di origine Pocher) penso non ce ne fossero proprio, con la fine della serie Junior il carro è stato ricodificato secondo i canoni RR a quattro cifre, come tutta l’altra produzione “Junior”.
La serie Junior mi pare sia stata fatta senza crederci veramente e probabilmente in RR si erano resi conto che a non mettere due tampografie non si risparmiava poi molto. Fra l'altro in questa serie compaiono molte nuove locomotive, come Bourbonnais, BB-8100, D341, D234, EMD E-8, V160 e con le finiture che poi si troveranno sui modelli usciti successivamente come serie Modello.
Anche i carri, da catalogo, paiono finiti normalmente.
Per le scatole mi pare che RR inscatolasse con quello che chi forniva le scatole (Testoni/Como) aveva in casa in quel momento e non è escluso che anche la “J” nel timbro (J che su queste scatole a volte c’era a volte no) fosse chiaro a tutti cosa significasse.
Giorgio

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 2376
Iscritto il: 16 mar 2009, 13:23

Re: Una strana confezione

Messaggioda Giorgio » 5 feb 2010, 12:34

Pubblicato il catalogo "Serie Junior" 1969
http://www.rivarossi-memory.it/Catalogh ... J_1969.htm
il 1967 era già pubblicato ma mancava un link e ora l'ho messo.
Ciao
Giorgio

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 2376
Iscritto il: 16 mar 2009, 13:23


Torna a Rivarossi - Memory

Chi c’è in linea

Visitano il forum: berto75 e 4 ospiti