Spy Stories - Rivarossi Vs Fleischmann



Regole del forum
Rivarossi-Memory.it
"E' il link del bellissimo sito dedicato alla storia della vecchia Rivarossi.
Già da tempo in contatto con loro, abbiamo insieme deciso di creare una sezione del forum dedicata al loro sito.
Naturalmente per prima cosa, per chi non l'avesse ancora fatto, vi consiglio di andare a visitare il sito http://www.rivarossi-memory.it e di studiarlo per bene visto che contiene buona parte della storia del fermodellismo Italiano per poi venire qui e parlarne con noi e con loro!
Vi aspettiamo numerosi!!!
Lo staff di ferramatori.it e di rivarossi-memory.it"

Re: Spy Stories - Rivarossi Vs Fleischmann

Messaggioda Massimo » 18 gen 2012, 16:12

...a proposito di concorrenza...
quando Roco produsse per la prima volta il suo e626, in perfetta scala HO, RR non reagì minimamente (anzi reagì con arroganza alle richieste della clientela e della stampa di settore) nel proporre un suo e626 (o qualsiasi altro rotabile in perfetta HO). Eppure Alessandro Rossi era ancora al comando della sua nave ma forse aveva perso lo smalto e l'entusiasmo degli anni '60 (o la situazione finanziaria del momento non lo permetteva...).
Nell'intervista a Molteni a TVS - Televalassina - 2009 (testimonianze), il nostro grande tecnico RR ribadisce chiaramente la cocciuta volontà di Rossi, di mantenere i suoi treni nella "sua scala".
Probabilmente quella decisione fu l'inizio dell'isolamento e della perdita di fidelizzazione della clientela rivarossiana e l'inizio della fine della nostra splendida azienda.
Flm aveva già dato una svolta alla sua produzione, iniziando un lento ma costante aggiornamento del suo parco modelli.
Massimo

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 1648
Iscritto il: 17 mar 2009, 9:39

Re: Spy Stories - Rivarossi Vs Fleischmann

Messaggioda Giorgio » 18 gen 2012, 17:07

Massimo ha scritto:quando Roco produsse per la prima volta il suo e626, in perfetta scala HO, RR non reagì minimamente (anzi reagì con arroganza alle richieste della clientela e della stampa di settore) nel proporre un suo e626 (o qualsiasi altro rotabile in perfetta HO). Eppure Alessandro Rossi era ancora al comando della sua nave ma forse aveva perso lo smalto e l'entusiasmo degli anni '60 (o la situazione finanziaria del momento non lo permetteva...).

L'E626 Roco usciva nel 1980 proprio quando RR stava entrando in amminisrtazione controllata: non erano in condizione di contrastare nessuno.
Negli anni '90, superate due crisi, cominciarono a proporre loco elttriche italiane in scala corretta proprio per contrastare Roco che dal 1980 era diventato il loro principale competitore.
Giorgio

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 2250
Iscritto il: 16 mar 2009, 13:23

Re: Spy Stories - Rivarossi Vs Fleischmann

Messaggioda Massimo » 19 gen 2012, 10:23

aggiungo ancora qualcosa, non molto inerente al trhead, e tratto da un servizio di "Quattrosoldi" (1961) su un test di treni elettrici di tre marche: RR, FLM e MKN:

"Avanti e indietro: abbiamo provato con grande cura tre tipi di treni sulle ottomila lire.
Si spiega benissimo la passione degli adulti per questi giocattoli che sono veramente miracoli di tecnica.

Per i ragazzi è un gioco istruttivo che può giovare anche nello studio.

Abbiamo dato delle pagelle (e tirando le somme dei voti registriamo per la Fleischmann 51 punti, per la Märklin 57 punti e per la Rivarossi 53 punti) ma per obbiettività dobbiamo aggiungere che si tratta di valutazioni soggettive. La scelta del neo-modellista potrà essere guidata da altri criteri. Del resto, pur essendo i più economici, i trenini esaminati testimoniano dell'ottimo standard industriale raggiunto. La solidità è lievemente maggiore nei due complessi tedeschi, ma la Rivarossi si avvantaggia sulle altre due Case per fedeltà di riproduzione; e la sua alimentazione a pile non espone i bambini al rischio di prendere scosse.
[...]
Vincenzo Zaccagnino
"QUATTROSOLDI", dicembre 1961
Allegati
trenini.jpg
Massimo

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 1648
Iscritto il: 17 mar 2009, 9:39

Re: Spy Stories - Rivarossi Vs Fleischmann

Messaggioda Dario 1957 » 19 gen 2012, 10:35

....e con lo SFONDO si potevano comprare tutt'e tre i set ed anche qualcos'altro.... Yellow_Flash_Colorz_PDT_02
saluti col vecchio(caro)conio....
Dario 1957

 

Re: Spy Stories - Rivarossi Vs Fleischmann

Messaggioda adria express » 21 gen 2012, 18:30

E del retro delle scatole vogliamo parlarne? Chi si sarà ispirato a chi? [lupe.gif]
Su quella del 428 Flm in mio possesso c'è scritto a matita £ 9.900...
Allegati
scatole confr.jpg
428confr.jpg
adria express

Avatar utente
 
Messaggi: 131
Iscritto il: 26 set 2010, 11:03
Località: Ravenna, Ravenna, stazione di Ravenna

Re: Spy Stories - Rivarossi Vs Fleischmann

Messaggioda roaringanna » 22 gen 2012, 3:42

Be', questa e' tutt' altra storia (e, per quanto riguarda RR, gia' abbondantemente trattata sul Sito).
Comunque, quanto a Flm, la scatola con finestra trasparente e flap amovibile, dopo qualche rara e saltuaria apparizione nel 1955/56, fu generalizzata a tutti i rotabili nel 1957.
Rivarossi inizio' ad introdurre gradualmente le sue scatole rosse con finestra nel 1958 (ancora con il vecchio Logo), man mano che si esaurivano le precedenti scatole a righe del 1957 (belle ma da suicidio economico perche' nascevano irrimediabilmente dedicate ad uno specifico modello).
Per quanto palesemente influenzate dalle Flm in alcuni particolari (disegno del binario sotto la finestra, immagini di altri modelli sul retro), ritengo pero' che fossero soprattutto ispirate dalle scatole prodotte per Lionel nel 1957, che erano sicuramente stampate a Como (magari su specifiche da Lionel).
Anche le dimensioni (un po' piu' grandi, soprattutto l' altezza del fianco) sono piu' simili a quelle di Lionel che di Flm. In seguito furono ridotte, ma non fu una buona idea.
PS - La tua scatola del 428 Flm non e' delle primissime, direi 1962-63 (il che quaglia anche col prezzo, che nel 1960 era 9750).
roaringanna

 
Messaggi: 206
Iscritto il: 23 feb 2010, 1:33

Re: Spy Stories - Rivarossi Vs Fleischmann

Messaggioda Giorgio » 23 gen 2012, 11:07

A me dissero che lo spunto per le scatole col trasparente lo avevo avuto dalle produzioni per gli americani.
In verità mi dissero AHM, ma effettivamente l'ispiratrice era Lionel, come è riscontrabile dalla tempistica e giustamente rilevato da Dodi.
Poi vedendo le scatole Flm sicuramente anche queste hanno influito alla stesura definitive della "scatola rossa RR".
Giorgio

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 2250
Iscritto il: 16 mar 2009, 13:23

Re: Spy Stories - Rivarossi Vs Fleischmann

Messaggioda Dario Romani » 23 gen 2012, 22:21

Ricordiamo che Rivarossi fece un gran colpo nel 1963-64 quando introdusse le scatole di plastica rossa con coperchio trasparente.
Oltretutto erano impilabili.
Per me sono rimaste il massimo, e poi purtroppo negli anni '70 arrivarono quelle del tipo illustrato sopra, assolutamente inadeguate.
Io ho comprato pure le scatole vuote per metterci i modelli privi di involucro!
Se ne trovo compro le altre e butto quelle originali!
Negli ultimi anni le scatole che mi piacevano di più erano le Liliput e le Fleischmann, totalmente trasparenti.
Tra l'altro la spiegazione per cui la Fleischmann ha prodotto vetture corte è dovuta alla convenienza di imballaggi non più grandi di 30 x 30 x 30 cm,
che potessero contenere tutti i prodotti.
Ciao da Dario Romani
+ Ciao da Dario Romani
Dario Romani

Avatar utente
 
Messaggi: 1775
Iscritto il: 25 feb 2011, 15:52
Località: Roma - Pigneto

Re: Spy Stories - Rivarossi Vs Fleischmann

Messaggioda Massimo » 24 gen 2012, 10:36

dice daromany:
"Tra l'altro la spiegazione per cui la Fleischmann ha prodotto vetture corte è dovuta alla convenienza di imballaggi non più grandi di 30 x 30 x 30 cm, che potessero contenere tutti i prodotti"
Non so se questa sia una spiegazione plausibile. Alessandro Rossi ci diceva che Lima produceva carrozze corte a causa dei limiti dimensionali delle presse ed inoltre la lunghezza delle carrozze era anche impostata sui raggi di curvatura dei vari produttori, che spesso erano particolarmente corti (pensate alla Maerklin...).
Le carrozze passeggeri Rivarossi V Az, V BZ, V DUZ e VLP erano ben più lunghe delle FLM e non avevavo certo problemi di scatole.
Massimo

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 1648
Iscritto il: 17 mar 2009, 9:39

Re: Spy Stories - Rivarossi Vs Fleischmann

Messaggioda Dario Romani » 24 gen 2012, 11:44

Oltre la dimensione di 30 cm o un piede scattavano tariffe più onerose sia con le poste sia con alcuni corrieri.
Oltretutto erano più maneggevoli. Però è una considerazione mia.
E la scatola Rivarossi in plastica era lunga 31 cm, se non vado errato.
Ma la differenza di costo quando ADE ha prodotto per primo le carrozze da 304 e 312 mm era anche dovuta al maggior costo di imballaggio
(alla fine ammetto che poteva pure essere trascurabile rispetto al target di marketing).
Ciao da Dario Romani
+ Ciao da Dario Romani
Dario Romani

Avatar utente
 
Messaggi: 1775
Iscritto il: 25 feb 2011, 15:52
Località: Roma - Pigneto

PrecedenteProssimo

Torna a Rivarossi - Memory

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti