EDIFICI RR-MODITAL



Regole del forum
Rivarossi-Memory.it
"E' il link del bellissimo sito dedicato alla storia della vecchia Rivarossi.
Già da tempo in contatto con loro, abbiamo insieme deciso di creare una sezione del forum dedicata al loro sito.
Naturalmente per prima cosa, per chi non l'avesse ancora fatto, vi consiglio di andare a visitare il sito http://www.rivarossi-memory.it e di studiarlo per bene visto che contiene buona parte della storia del fermodellismo Italiano per poi venire qui e parlarne con noi e con loro!
Vi aspettiamo numerosi!!!
Lo staff di ferramatori.it e di rivarossi-memory.it"

Re: EDIFICI RR-MODITAL

Messaggioda Dario 1957 » 9 dic 2011, 23:51

Quando ho visto il famoso cracker con lo stesso nome,ovviamente,pensai subito al modello RR!! -1-
Dippiù nin zo' laught16 !
Dario 1957

 

Re: EDIFICI RR-MODITAL

Messaggioda Giorgio » 12 dic 2011, 10:25

Ho pubblicato (lo schema) della sezione sugli Edicici Modital: http://www.rivarossi-memory.it/Edifici/ ... odital.htm
Nelle pagine principali ho messo tutto ciò che era a catalogo, escludendo le "stazioni" 1947 che mi paiono più un volo pindarico che modelli effettivamente realizzati e le autorimesse per le auto in bachelite di cui tratta l'articolo sulle Auto RR ... ma queste le inserirò anche qua per completezza.
Ho intenzione di realizzare delle sottocartelle con foto e dettagli dei vari edifci e accessori, per ora ho messo solo quelle già esisitenti su alcune stazioni.
Dove l'immagine è quella da catalogo significa che non ho trovato foto del modello reale, quindi se ne avete mandate pure.
Se avete appunti da fare, note, ecc. dite pure.
Nota mia: ho visto che per alcune stazioni esisitono versioni finite "con mattoni faccia-vista" (carta RR per modellisti presumo) o "intonacate" (cartoncino colorato e spesso con improbabili rampicanti). Ho presunto che quelle faccia-vista fossero più recenti perchè più belle, ma è solo un'ipotesi, avete dati in merito??
Giorgio

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 2350
Iscritto il: 16 mar 2009, 13:23

Re: EDIFICI RR-MODITAL

Messaggioda Giorgio » 20 dic 2011, 13:48

Ho inserito alcuni altri edifici: http://www.rivarossi-memory.it/Edifici/ ... odital.htm
Notevoli e notevolmente brutti quelli più arcaici: Stazione di Campagna, Stazione Media-Piccola, ecc
Avete idea di quale materiale abbiano usato per le pareti? Io ho scritto trucciolare, ma non saprei esattamente.
Sicuramente io che ho la manualità di una foca le avrei fatte megio! Però sono oggetti estremamente interessanti.
Qualche altro edificio devo ancora metterlo: ho le foto, ma devo sistemarle e preparare la pagina, ma se voi ne avete fotografateli e mandatemi le foto.
Soprattutto di quelli più vecchi!!!!

Però non capisco come Alessandro Rossi potesse accettare edifici così brutti (1948-50)!!
La manodopera costava pochissimo, perchè non farli più "decorosi"???
Giorgio

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 2350
Iscritto il: 16 mar 2009, 13:23

Re: EDIFICI RR-MODITAL

Messaggioda Gabriele » 20 dic 2011, 15:56

Si tratta di "faesite" o "masonite", composta di segatura e piccoli trucioli impastati con collante e pressati a caldo.
Si usa ancora oggi per i pannelli posteriori dei mobili di poco pregio.
Gabriele

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 201
Iscritto il: 16 mar 2009, 19:01

Re: EDIFICI RR-MODITAL

Messaggioda Massimo » 20 dic 2011, 16:10

dice Giorgio:
"Però non capisco come Alessandro Rossi potesse accettare edifici così brutti (1948-50)!!"

secondo me:
1 - non c'era altro disponibile sul mercato, nè artigiani in grado di fare meglio con i materiali allora a disposizione
2 - la mentalità del tempo li considerava ancora "giocattoli" e dunque a "bassa risoluzione visiva"
3 - sono convinto che a lui non piacevano (x) tant'è vero che non ha mai smesso di abbellirli e aggiornarli!...
Massimo

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 1722
Iscritto il: 17 mar 2009, 9:39

Re: EDIFICI RR-MODITAL

Messaggioda Antonello Lato » 20 dic 2011, 16:47

A proposito della faesite ricordo perfettamente i mie giocattoli coevi ( una autorimessa e un fortino )

costruiti esattamente con la stessa tecnologia dei fabbricati Modital.

Gia' nel '61 pero' la mia Bellaria e il casello erano con struttura in legno.

Antonello
Antonello Lato

Avatar utente
 
Messaggi: 212
Iscritto il: 21 apr 2009, 11:45
Località: Pescara

Re: EDIFICI RR-MODITAL

Messaggioda Gabriele » 20 dic 2011, 17:59

A proposito della "faesite" mi sono incuriosito e ha guardato su Wikipedia.
Il nome viene da Faè, una frazione di Longarone, ove un fabbricante di mobili, tale Osvaldo Protti, aveva la produzione ferma per mancanza di legname a causa dell'embargo contro l'Italia alla fine degli anni '30 per la guerra di Etiopia e inventò questo materiale.
Lo so, sono fuori tema (i raffinati direbbero "off topic".... (x) (x) (x) ) ma persone come quella meritano di essere ricordate dovunque applause1
Gabriele

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 201
Iscritto il: 16 mar 2009, 19:01

Re: EDIFICI RR-MODITAL

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 20 dic 2011, 18:15

Giorgio ha scritto:Ho inserito alcuni altri edifici: http://www.rivarossi-memory.it/Edifici/ ... odital.htm
..... notevolmente brutti ..........
Avete idea di quale materiale abbiano usato per le pareti? Io ho scritto trucciolare,

Ciao Giorgio ......mi permetto di dire la mia (ma sono solo supposizioni!)
Masonite e truciolare sono simili, ambedue i materiali sono composti da residui di segheria (segatura e/o trucioli) pressati a caldo: la sostanziale differenza è che nell'impasto del truciolare c'è colla (vari tipi...) mentre nella masonite (di solito) no!
Il truciolare ha peso specifico maggiore, non è elastico e viene prodotto con spessori anche consistenti. Non si può tranciare ma solo segare.
Ambedue i materiali comunque presentano superfici abbastanza lisce mentre i tagli, di solito, sono porosi e sfibrati.
Osservando il particolare (preso da una foto del Sito) che ho ingrandito ed esaltato nel contrasto, si nota che il taglio della finestra è decisamente più lisco della parete. Inoltre, se osservi bene, è lamellare [lupe.gif] : cioè sembra composto da tanti fogli sovrapposti: forse è cartone pressato?
CatturaModital.JPG

Nota la parte nell'ovale: sembra che la superficie grezza sia solo un foglio sovrapposto al cartone.
Le basi degli edifici invece sono certamente fatte con listelli di legno (massello) e foglio di masonite (almeno in un caso: di compensato sottile)
I tetti li penso di cartone stuccato e dipinto.
La tecnica costruttiva degli edifici Modital suddetti era certamente ispirata alle casette del presepio (conservo quelle di mia nonna e di mio padre) cartone pressato, cartoncino, sughero e (poco) legno.
Nei primi anni Cinquanta comunque masonite e truciolare non erano molto diffusi: la monumentale radio di mio nonno ha il pannello posteriore in cartone pressato.
Non dimentichiamoci che ancora nel 1958/59 le pareti dei Modital erano in cartone (a volte) rinforzato da qualche listello di legno- solo i tetti erano in plastica e solo le stazioni avevano le finestre in plastica. Il posto di blocco piccolo e lo scalo merci piccolo (comprati nel 1958, avevano porte e finestre di cartone ritagliato.
PS: "truciolare" si usa scrivere con una sola c .
Spero di essere stato utile e di non aver confuso le idee di più -1-
Saluti
Oliviero
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3641
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: EDIFICI RR-MODITAL

Messaggioda Giorgio » 21 dic 2011, 10:12

Ier sera ho corretto con faesite.
E' meglio se metto cartone pressato??
Giorgio

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 2350
Iscritto il: 16 mar 2009, 13:23

Re: EDIFICI RR-MODITAL

Messaggioda Dario 1957 » 21 dic 2011, 10:23

Il tavolo del mio primo "plastico"-giugno 1964-aveva il piano in masonite,così come un controsoffitto fatto fare dai miei nello stesso periodo per una stanza che allora si usava chiamare "tinello"(camera da pranzo)...qualche anno dopo(1972) essendosi imbarcata la masonite,un altro falegname mi applicò un foglio leggermente più grande(il problema del raggio delle curve c'era anche allora....)che era di compensato sul quale per altri due o tre anni rifeci tutto da capo,fino all'abbandono(1975) e,ahimè,alla demolizione del solo tavolo, avvenuta nell'estate 2010... :-( :-(

Anche il tavolo di mio fratello Claudio,"nato"3-4 anni prima,era fatto allo stesso modo ed ancora sopravvive,mentre come si diceva più su,in epoca molto più recente ho avuto dei mobili da studio con il fondo in masonite,bianco nell'interno e naturale verso il muro....anche questa masonite si è regolarmente imbarcata,pur non "subendo" i trattamenti dei plastici(colle,acqua etc)....

saluti anni '60 style...
Dario 1957

 

PrecedenteProssimo

Torna a Rivarossi - Memory

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti