una strana inconguenza



Regole del forum
Rivarossi-Memory.it
"E' il link del bellissimo sito dedicato alla storia della vecchia Rivarossi.
Già da tempo in contatto con loro, abbiamo insieme deciso di creare una sezione del forum dedicata al loro sito.
Naturalmente per prima cosa, per chi non l'avesse ancora fatto, vi consiglio di andare a visitare il sito http://www.rivarossi-memory.it e di studiarlo per bene visto che contiene buona parte della storia del fermodellismo Italiano per poi venire qui e parlarne con noi e con loro!
Vi aspettiamo numerosi!!!
Lo staff di ferramatori.it e di rivarossi-memory.it"

una strana inconguenza

Messaggioda Massimo » 19 ott 2021, 12:33

avete mai notato come gli stampi dei carrelli, specie nel materiale rotabile degli anni '60, siano particolarmente ben incisi, con un dettaglio superlativo mentre le relative casse abbiano stampi più grossolani e superficiali, con resa dei dettagli alquanto grossolana.
Vi mostro la foto della mia Aln 668 che mi ha fatto sorgere la costatazione. Forse le diverse materie plastiche?
Allegati
668test.jpg
Massimo

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 1786
Iscritto il: 17 mar 2009, 9:39

Re: una strana inconguenza

Messaggioda Marco Fornaciari » 19 ott 2021, 15:30

Non forse, è così.
Poi aggiungi la verniciatura ben più spessa.
I carrelli anche a quel tempo erano in naylon, mentre le casse o in ABS o in polistirene, quando non ancora in bachelite, ma non dimentichiamo anche gli stampi creati solo con frese manuali.
Altro aspetto era le gestione delle temperarure e delle pressioni di stampaggio, quello che si fa oggi con la gestione elettronica delle macchine era impensabile a quei tempi: oggi la differenza di 0,1 è il quotidiano, all'epoca già 5 era un lusso.
Anche le materie plastiche sono parecchio diverse da quelle di 60 anni fa, a parità di nome.

Nel mondo dei trenini, a fare stampi ben dettagliati una delle prime, se non la prima, fu Lima quando si mise in casa le macchine per l'elettroerosione.

Nella foto che hai postato, risulta ben evidente una verniciatura non proprio perfetta e impastata sui piccoli particolari.
Saluti
Marco Fornaciari
____________________________________________________________
Meglio essere folli per proprio conto, che saggio con le idee degli altri.
F.W. Nietzshe
Marco Fornaciari

Avatar utente
 
Messaggi: 410
Iscritto il: 9 feb 2009, 21:06
Località: Sorbolo (PR)

Re: una strana inconguenza

Messaggioda Massimo » 19 ott 2021, 18:52

grazie Marco ma non capisco ancora qualcosa. Tu dici: "ma non dimentichiamo anche gli stampi creati solo con frese manuali"
Ma allora perchè i carrelli erano migliori delle casse? anche per quelli si creavano stampi con frese manuali...
Massimo

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 1786
Iscritto il: 17 mar 2009, 9:39

Re: una strana inconguenza

Messaggioda Marco Fornaciari » 20 ott 2021, 21:48

Direi che la risposta vada ricercata prima di tutto nel tipo di materia prima utilizzata, il nylon e la bachelite erano utilizzati già da tempo, ABS e Polistirene erano ai primi impieghi.
Probabilmente le stampate in ABS e polistirene, prima della verniciatura avevano un aspetto diverso.
Saluti
Marco Fornaciari
____________________________________________________________
Meglio essere folli per proprio conto, che saggio con le idee degli altri.
F.W. Nietzshe
Marco Fornaciari

Avatar utente
 
Messaggi: 410
Iscritto il: 9 feb 2009, 21:06
Località: Sorbolo (PR)

Re: una strana inconguenza

Messaggioda andrea_fs » 22 ott 2021, 15:30

Ciao, la verniciatura gioca un ruolo fondamentale, oltre al fatto che carrelli e cassa possono essere di materiali diversi, pure se materie plastiche, ma probabilmente non sono gli stessi. Buona serata a tutti. Andrea
andrea_fs

Avatar utente
 
Messaggi: 650
Iscritto il: 16 ott 2019, 13:19


Torna a Rivarossi - Memory

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti