Tram di latta



Tram di latta

Messaggioda Tram Verde » 20 mag 2022, 22:27

Non so se posso inserirmi in questa sezione, dato che, a parte un paio di trenini in scala 0, gran parte della mia collezione riguarda un genere poco considerato: il Tram.
Questo, ad esempio, è un tram Carette (produttore di origine francese, ma trasferitosi a Norimberga dove ha aperto l'omonima fabbrica nel 1886).
La data di produzione si aggira attorno al 1905 ed è in scala 0, anche se sono stati prodotti altri modelli in scala 1.
Una delle particolarità di questo tram è che, nonostante l'epoca di produzione, funzionava ad elettricità; infatti nella confezione veniva inserito un kit, con tanto di elettrodi, vaschetta ed una boccettina con gli acidi, per la costruzione di una rudimentale pila che trasmetteva la corrente tramite binari e linea aerea, venendo captata dal trolley.

Immagine
Tram Verde

 
Messaggi: 20
Iscritto il: 23 mag 2021, 17:27

Re: Tram di latta

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 21 mag 2022, 17:55

Davvero molto interessante...e rara(!) questa tua collezione, mostraci altre foto di particolari dei tram e (ove fosse possibile) della meccanica interna (anche della "pila").
Congratulazioni e saluti da Oliviero
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 4142
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: Tram di latta

Messaggioda Max 851 » 22 mag 2022, 7:54

Molto interessante! Condivido le richieste di Oliviero. Anch'io sono sempre stato appassionato di tram, oltre che di treni, solo che in campo modellistico non mi pare che ci sia mai stata un'offerta minimamente paragonabile a quella dei treni, così mi sono orientato negli anni più sulla raccolta di autentici cimeli tranviari che sulla collezione di modelli. Però qualcosa ho anch'io. A parte i classici Rivarossi, che ne dici di questo?
DSCN2389.JPG

E' una vettura ATAC "8 finestrini" prodotta tanti anni fa dalla Elfer, quando stava per concludere la sua attività, tanto che il marchio Elfer non compare nemmeno più sulla scatola. Peccato che non abbiano fatto in tempo a produrre anche una rimorchiata!
Massimiliano
Max 851

 
Messaggi: 1175
Iscritto il: 6 gen 2013, 18:12

Re: Tram di latta

Messaggioda Coccobill 62 » 22 mag 2022, 18:17

Complimenti a “tram verde“ Per il modello antico di estremo interesse! Siamo curiosi di vedere altri pezzi della tua collezione che promette di essere assai interessante ed originale. Se interessa posso arricchire il contributo con alcune fotografie tratte da un libro che riporta alcuni modelli d’epoca degli anni 20:30… Ma prima di tutto spazio alla collezione. Cordiali saluti Paolo
Coccobill 62

 
Messaggi: 319
Iscritto il: 18 apr 2020, 12:18
Località: Bolzano

Re: Tram di latta

Messaggioda Tram Verde » 22 mag 2022, 23:18

Come richiesto da Oliviero, inserisco qualche dettaglio del tram Carette:

Immagine

Immagine

Immagine

Purtroppo non sono in possesso della scatola originale e tanto meno delle "pile".
Per rendere l'idea posso però pubblicare quest'immagine di una confezione originale di un tram Bing, purtroppo non appartenente alla mia collezione, in cui sono ancora presenti alcuni elementi per la creazione delle batterie.
Immagine

Sono invece riuscito a procurarmi un certo numero di pali per la linea aerea, ma molti avrebbero bisogno di essere restaurati, saldando le canaline per i fili elettrici.
Mi sono anche chiesto, ma purtroppo non ho competenza in merito. se potesse essere possibile restaurare il motore dei tram, per renderli in condizione di viaggiare.

Questo, invece, è il mio tram Bing.
Immagine

Bello il tram di Massimiliano. Io ne ho uno simile, ma non sapevo che potesse avere origine Elfer.

Se qualcuno volesse maggiori dettagli dei miei tram basta chiedere
Tram Verde

 
Messaggi: 20
Iscritto il: 23 mag 2021, 17:27

Re: Tram di latta

Messaggioda Max 851 » 23 mag 2022, 8:07

Mi sono anche chiesto, ma purtroppo non ho competenza in merito. se potesse essere possibile restaurare il motore dei tram, per renderli in condizione di viaggiare.

E' difficile fare una diagnosi basandosi solo su una foto, ma sembra di vedere qualche filo staccato. Se fosse così basterebbe qualche saldatura per rendere di nuovo il tram funzionante.
Se invece gli avvolgimenti del motore fossero bruciati, la cosa sarebbe ben più complicata.
Massimiliano
Max 851

 
Messaggi: 1175
Iscritto il: 6 gen 2013, 18:12

Re: Tram di latta

Messaggioda Tram Verde » 23 mag 2022, 14:42

Grazie Max!
Magari, se riesco, proverò a fotografare più nel dettaglio l'interno, per capire se manca solo qualche saldatura dei fili staccati o se le mancanze sono più consistenti
Tram Verde

 
Messaggi: 20
Iscritto il: 23 mag 2021, 17:27

Re: Tram di latta

Messaggioda Tram Verde » 23 mag 2022, 18:46

Massimiliano,

ho fotografato le mie "Romane".

Immagine

In effetti una sembra molto simile alla tua, anche se nella mia sembra assente la veletta laterale con l'itinerario.
L'altra, più antica, se non ricordo male era della Betti Art.
Tram Verde

 
Messaggi: 20
Iscritto il: 23 mag 2021, 17:27

Re: Tram di latta

Messaggioda Tram Verde » 23 mag 2022, 19:14

Ho cercato di fare qualche foto più chiara dell'interno, anche dell'altra vettura, che sembra in condizioni similari.
I fili superstiti sono decisamente "cotti".

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Ho un po' paura a fare qualsiasi intervento perché, non essendo esperto, temo di fare più danni che altro.
Tram Verde

 
Messaggi: 20
Iscritto il: 23 mag 2021, 17:27

Re: Tram di latta

Messaggioda io_gioco_ancora » 23 mag 2022, 19:46

Salve,

Tram Verde ha scritto:... scala 0, gran parte della mia collezione riguarda un genere poco considerato: il Tram.
Questo, ad esempio, è un tram Carette (produttore di origine francese, ma trasferitosi a Norimberga dove ha aperto l'omonima fabbrica nel 1886).
La data di produzione si aggira attorno al 1905 ed è in scala 0, anche se sono stati prodotti altri modelli in scala 1.
Immagine


nelle foto frontali vedo il n° 48 che à distintivo della produzione in scartamento 1 mentre per lo 0 dovrebbe essere 35.

Inoltre trattandosi di unità motrici i loro imperiali dovrebbero avere le lunghe tabelle di percorrenza e se ne potrebbe dedurre che i tetti provengono da altro materiale rotabile Carette al quale è stata aggiunta l'asta del trolley il cui sistema di fissaggio e cablaggio è assolutamente pastrocchiato con cavi d'epoca.

in ogni caso le versioni nei 2 scartamenti sono state molte e non so dire se il sistema di inversione (ove presente era realizzato tramite giratura del pantografo) nonché l'illuminazione interna facessero originariamente parte dei suoi due esemplari.

Potrà trovare altre e più significative immagini in rete e particolarmente nel forum tedesco Forum Alte Modellbahnen utilizzando un traduttore se necessario.

Importantissimo per una corretta identificazione potrebbe essere conoscere l'origine degli oggetti.

Saluti
io_gioco_ancora

 
Messaggi: 155
Iscritto il: 3 apr 2010, 17:23

Prossimo

Torna a La scala 0 - 1:43,5

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron