Treni ed auto giocattolo in latta di INGAP e altri 1930-1960



Re: Treni ed auto giocattolo in latta di INGAP e altri 1930-

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 15 ott 2021, 18:59

Congratulazioni per il treno militare, un pezzo davvero splendido, raro e perfettamente conservato!
Saluti da Oliviero
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 4063
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: Treni ed auto giocattolo in latta di INGAP e altri 1930-

Messaggioda Coccobill 62 » 16 ott 2021, 10:31

Grazie Oliviero, Sono convinto anche io che il ritrovamento di questo pezzo nella valigia di cartone assieme ad altri tre o quattro pregevoli giocattoli di quegli anni sia stato un colpo di fortuna che capita raramente… Forse una volta sola nella vita ! Almeno per me fino ad oggi è stato così. L’unico problema adesso sarà allungare il treno visto che i vagoni degli altri produttori non si combinano per ganci e dimensioni con i pianali di questo treno…
Buona giornata e saluti a tutti, Paolo
Coccobill 62

 
Messaggi: 194
Iscritto il: 18 apr 2020, 12:18
Località: Bolzano

Re: Treni ed auto giocattolo in latta di INGAP e altri 1930-

Messaggioda berto75 » 16 ott 2021, 15:43

Fantastico :shock: il tuo treno militare ingap sembra come nuovo :-o applause1 applause1 applause1 !! Personalmente ,come avevo già detto in più di un occasione ,ho sempre avuto un debole [wub.gif] per i treni militari di qualsivoglia marchio fossero!
E tanto di cappello Paolo per le tue pazientissime e dettagliatissime descrizioni dei vari articoli della tua splendida collezione !!
Poi la panoramica del convoglio militare affiancato da un carro armato seguito da una parata di soldatini è una scena da sogno [lupe.gif] , mi ricorda la parata horse horse dei soldatini di un cortometraggio di NATALE di Walt Disney dove tutti i giocattoli animati fabbricati dagli elfetti :lol: di babbo natale (soldatini ,carri armati ,automobili,carretti e animali vari di latta ) entravano nel suo sacco...
una curiosità ma di che marca sono quei soldatini che sembrano fatti apposta per il tuo treno ? sono di piombo o plastica?
Poi osservando bene [lupe.gif] le forcelle differenziate che assicurano il fissaggio dei tuoi mezzi sui rispettivi pianali (auto militare, aereo e carro armato)
WhatsApp Image 2021-10-15 at 14.59.22 (4).jpeg
mi sono convinto ancora di più della mia ipotesi che ingap , ben più tardi negli anni 60 ,forse inizialmente prevedeva di usare forcelle similari di questo tipo per fissare le sue automobiline di plastica della serie 20 sui pianali in plastica dei trenini giocattolo delle ultime generazioni oggi così poco considerati (eppure per una confezione ingap con trenino in plastica COMPLETA in buone condizioni su e bay non meno di 100/150 euro ti richiedono (x) !)
Infatti una semplice forcella in lamierino piegato a U di questo tipo presente sul tuo pianale militare se posta su un pianale in plastica si adatterebbe (almeno concettualmente )magnificamente al fissaggio anche dei veicoli in plastica ingap SERIE 20 che presentavano infatti sul fondino 2 fenditure la cui presenza apparirebbe altrimenti del tutto incomprensibile .
fondini fiat 1100.jpg
il fondino della fiat 1100 ingap a destra presenta 2 fenditure compatibili per l'innesto di una ipotetica forcella a U

poi per qualche ragione ignota (forse per risparmiare? :evil: ) ingap decise di non realizzare tali forcelle ritenendo che non ne valesse la pena?
Tieni presente che le auto della serie 20 esistono sia con i fondini lisci sia con la doppia fenditura non sono tutte uguali; se non teniamo conto di questa ipotesi (cioè che quelle con le 2 fenditure sul telaio erano concepite per un eventuale fissaggio sui carri )la loro differenziazione riguardo i due diversi tipi di telai appare incomprensibile vedi :
viewtopic.php?f=85&t=1085&start=70#p40051
Coccobill 62 ha scritto:Chiedeva Berto 75 nell'intervento precedente: "... su quel libro ci sono anche i trenini in plastica dell'ultima produzione...". Ciao Berto! Nei 3 libri che ho e che trattano diffusamente della produzione INGAP i trenini simil-modello in scala approssimativa H0 fabbricati in plastica da INGAP degli ultimi anni non vengono mai citati né nei testi né tantomeno nelle illustrazioni: devi considerare che la casa padovana è famosa per i giocattoli in latta litografata, di cui ha prodotto migliaia di articoli. Il settore che ti interessa in particolare, ahimè, è considerato totalmente trascurabile e quindi non viene trattato dai testi.
Quello che hai documentato tu nel forum è molto di più di quanto sia mai stato pubblicato, quindi coraggio! e buon lavoro!
.

grazie Paolo per l'incoraggiamento -2- e le tue conferme dunque a quanto pare , (a parte RRM e il bellissimo studio e articolo scritto dall'amico Talgo 49 e l'interessamento di erregiesse !) ,NON ESISTE nessun altro sito o appassionato (almeno che io sappia)che abbia tentato uno studio organico su queste ultimissime produzioni dei trenini ingap in plastica e il che testimonia la grande importanza e l'altissimo livello documentario raggiunto da questo forum riguardo molte produzioni storiche .
APPASSIONATI MAGICI E INGAPPISTICI SALUTI BERTO 75
berto75

 
Messaggi: 2926
Iscritto il: 18 mar 2014, 20:37

Re: Treni ed auto giocattolo in latta di INGAP e altri 1930-

Messaggioda Coccobill 62 » 17 ott 2021, 10:42

Ciao Berto, I soldatini sono in piombo, fabbricante sconosciuto ma probabilmente tedesco.sotto le basette non ci sono marcature né simboli di alcun genere, la forma della basetta è un esagono non regolare con due lati lunghi e quattro lati corti forma uguale per tutte le pose, L’altezza dei figurini è di 36 ho 38 mm da cui deduco una scala intorno al 1/50 ca.
A riguardo dei modellini di auto della serie 20, che ho anch’io in collezione, il discorso delle fenditure l’ho letto sul tuo intervento e l’ho verificato anche sui miei modelli: la mia serie, tutta con carrozzerie verniciate e senza vetro presenta una situazione mista, alcuni modelli hanno le fenditure ed altri no. Credo che per confermare l’ipotesi delle fascette che bloccano le auto sui carri bisognerebbe trovare almeno qualche pianale dotato di questi fermi. Ti propongo una altra interpretazione del senso delle fenditure: Potrebbe essere che queste fenditure abbiano una origine nel processo di fabbricazione ed assemblaggio dei modellini, ad esempio una automazione delle fasi di montaggio tra fondino e carrozzeria, oppure della fase di verniciatura delle carrozzerie… Sicuramente la modifica quando è stata realizzata aveva un suo significato ben preciso, anche la stessa modifica comportava dei costi…! Buona giornata Paolo
Coccobill 62

 
Messaggi: 194
Iscritto il: 18 apr 2020, 12:18
Località: Bolzano

Re: Treni ed auto giocattolo in latta di INGAP e altri 1930-

Messaggioda Max 851 » 18 ott 2021, 8:31

Berto75 ha scritto:
mi sono convinto ancora di più della mia ipotesi che ingap , ben più tardi negli anni 60 ,forse inizialmente prevedeva di usare forcelle similari di questo tipo per fissare le sue automobiline di plastica della serie 20 sui pianali in plastica dei trenini giocattolo delle ultime generazioni oggi così poco considerati

Ciao a tutti. Non posso fornire delucidazioni su questo argomento in quanto non avevo mai visto automobiline Ingap con le fessure sul fondino, volevo solo aggiungere qualche ricordo personale. Di quelle automobiline ne ho avute parecchie a suo tempo (anni 60); ricordo che venivano vendute in scatoline di cartone che ne contenevano una decina, ma anche sciolte a un prezzo che oggi sembra irrisorio, mi sembra di ricordare 10 lire l'una, ma allora evidentemente era comunque remunerativo. Purtroppo erano abbastanza fragili, almeno nelle mani di un bambino, e così di quelle non ne sono sopravvissute; l'unica che possiedo oggi è una Citroen acquistata in anni recenti in uno dei soliti mercatini.
Ho avuto anche un treno Ingap (con disappunto di mio padre visto che avevo già il Maerklin!): aveva la locomotiva elettrica con la batteria nella caldaia e quattro carri merci a due assi, chiuso, cisterna, alte e basse sponde.
Ricordo anche che prima ancora, verso i 4-5 anni, avevo avuto un altro treno di latta con locomotiva a molla e tre carrozze viaggiatori a due assi, in una scala che era certamente più grande dell'H0, però non ricordo la marca, probabilmente era Ingap anche quello.
Massimiliano
Max 851

 
Messaggi: 1035
Iscritto il: 6 gen 2013, 18:12

Re: Treni ed auto giocattolo in latta di INGAP e altri 1930-

Messaggioda berto75 » 20 ott 2021, 19:05

Coccobill 62 ha scritto:C. Ti propongo una altra interpretazione del senso delle fenditure: Potrebbe essere che queste fenditure abbiano una origine nel processo di fabbricazione ed assemblaggio dei modellini, ad esempio una automazione delle fasi di montaggio tra fondino e carrozzeria, oppure della fase di verniciatura delle carrozzerie…

è vero, non ci avevo pensato ,trovo altrettanto plausibile anche la tua ipotesi Paolo ! ma per mia morbosa :lol: :lol: curiosità la forcella metallica (quella che ho evidenziato sul tuo pianale militare) coincide con la larghezza delle fenditure presenti sul fondino delle automobiline ingap o no ? scusami se rompo ,la verifica falla solo se ti è possibile per carità, come sapete sono sempre stato un curiosone -1-
comunque quello della differenziazione dei fondini (con fenditure e lisci ) e dell'interno delle carrozzerie delle automobiline ingap (alcune presentano un gradino interno per facilitare l'appoggio del fondino altre invece sono piene ) sono piccoli misteri che è difficile capire.
Coccobill 62 ha scritto:la mia serie, tutta con carrozzerie verniciate e senza vetro presenta una situazione mista, alcuni modelli hanno le fenditure ed altri no. Sicuramente la modifica quando è stata realizzata aveva un suo significato ben preciso, anche la stessa modifica comportava dei costi…! Buona giornata Paolo
[/quote][/quote]

Infatti hai ragione Paolo ,è proprio questo il punto , le modifiche (o rifacimenti ) degli stampi comportavano dei costi per questo mi chiedo che convenienza o ragione ci fosse in ingap per richiedere un cambio o modifica di stampo per dei modellini così economici .
Resta da capire se i due diversi tipi di fondini E carrozzerie coesistevano insieme oppure se uno dei due è subentrato all'altro in un secondo tempo (deterioramento stampi '?).
ad ogni modo è bello ascoltare le testimonianze di coloro che ,come l'amico MAX, hanno avuto la fortuna di vivere quei bei tempi!!
buona serata a tutti berto75
berto75

 
Messaggi: 2926
Iscritto il: 18 mar 2014, 20:37

Re: Treni ed auto giocattolo in latta di INGAP e altri 1930-

Messaggioda Coccobill 62 » 21 ott 2021, 11:07

Ciao Berto , Se mi permetti trovo che tu sia un po’ troppo convinto delle tue ipotesi e faccio un po’ fatica a rimanere sulla osservazione oggettiva della realtà e degli indizi!
Mi permetto di osservare che la produzione delle macchinine in plastica serie 20 della Ingap iniziata nella seconda metà degli anni 50 come abbiamo visto da ricerche precedenti raggiunse un volume di produzione molto notevole per i tempi e sicuramente la gran parte del prodotto era destinata alla vendita come auto giocattolo mentre una sparuta mi minoranza della produzione, probabilmente in epoca più tarda, venne destinata anche a costituire il carico dei carri pianale dei trenini.
Io rimango persuaso che le modifiche agli stampi di queste auto giocattolo siano strettamente inerenti alla loro fabbricazione e il discorso dei carri merci sia in questo senso del tutto trascurabile. Ho esaminato con attenzione i miei 12 modelli della serie 20,7 pezzi senza fenditure e cinque pezzi con fenditure: ho notato un’altra differenza strettamente legata alla presenza della fenditura: i modelli che presentano la fenditura Presentano tutti i pioli di giunzione tra carrozzeria e fondino con saldature piuttosto approssimate e sporgono dai fondini di almeno uno o 2 mm contrariamente a tutti i modellini senza fenditure dove la saldatura è realizzata A filo del fondino e quasi non si distingue il piolo.questo fatto a mio avviso rafforza la mia ipotesi che tutto ciò testimonia una prima automazione della fase di saldatura sulla spinta della grande richiesta del mercato si voleva velocizzare ed economizzare ogni fase della produzione, in particolare quelle fatte manualmente.
Mi chiedevi di verificare le misure della fascetta metallica presente sul pianale del carroarmato: la fascetta con profilo triangolare dedicata al bloccaggio del carro armato entra perfettamente nelle fenditure delle auto giocattolo serie 20 e le blocca con precisione in senso longitudinale, mentre nella direzione trasversale vi è un gioco che consente uno spostamento di tre o 4 mm in quanto la fenditura è molto più larga della fascetta. Da quanto detto sopra avrai capito che io sono sempre più convinto della mia ipotesi, almeno fino al prossimo indizio che ci possa chiarire una spiegazione certa. Saluti Paolo
Coccobill 62

 
Messaggi: 194
Iscritto il: 18 apr 2020, 12:18
Località: Bolzano

Re: Treni ed auto giocattolo in latta di INGAP e altri 1930-

Messaggioda berto75 » 21 ott 2021, 16:48

Ti ringrazio Paolo per la tua paziente conferma e per le tue precise [lupe.gif] osservazioni su questi modelli!
La tua ipotesi deduttiva basata sulla constatazione delle caratteristiche costruttive di questi modelli appare ora anche ai miei occhi ben più plausibile della mia , a conferma ricordo che l'amico Ferruccio nella sezione automobiline ci aveva mostrato la foto di questo opuscolo del 1959 (di cui mi permetto di ripostare la foto)
37274844ky.jpg

dove si dichiarava che INGAP produceva settimanalmente addirittura mezzo milione :shock: di queste automobiline una cifra impressionante!
è indubbio quindi che per raggiungere un tale impressionante volume produttivo la realizzazione di tali modellini doveva avvenire attraverso un processo di completa automazione o quasi è infatti impensabile che con un montaggio manuale (verniciatura ,fissaggio del fondino e ruotine) gli operai reggessero o raggiungessero un simile massacrante ritmo !
QUINDI che la presenza delle fenditure sul fondino possa essere legata a una fase di automazione del loro montaggio come dici tu Paolo (esempio una macchina che si serviva di un supporto metallico a forcella per prelevarli dalla loro linea di produzione ) a questo punto appare credibilissimo.
Se così FOSSE peccato che INGAP non abbia poi sfruttato la presenza naturale di tali fenditure per realizzare un ipotetico supporto a forcella per fissare i mezzi ( che certamente costituivano una piccolissima minoranza) destinati come carico sui pianaletti a sponde basse o senza sponde che si trovavano inseriti in alcuni set di trenini della sua linea in plastica.
Comunque il tuo stesso splendido treno di latta dimostra che ingap ci era arrivata a realizzare le forcelle metalliche per fissare i suoi mezzi militari sui pianali di latta compresa anche una bellissima auto .
Pertanto secondo me ingap non poteva non averci pensato( l'aveva già fatto! ) a realizzare le forcelle per i mezzi della serie 20 , ma per qualche ragione ha rinunciato ,non ritenendolo probabilmente opportuno o conveniente economicamente per semplici ragioni di risparmio :-x .
Poi chissà se in futuro possa saltar fuori un pianaletto in plastica ingap con una forcella originale (anche se ormai lo ritengo altamente improbabile) ma non si può mai dire con queste antiche produzioni.. -1-
Grazie ancora per la tua costruttiva riflessione e avanti tutta applause1 applause1 con la tua magnifica e documentatissima esposizione di pezzi d'epoca!
riflessivi -4- berto75
berto75

 
Messaggi: 2926
Iscritto il: 18 mar 2014, 20:37

Re: Treni ed auto giocattolo in latta di INGAP e altri 1930-

Messaggioda erregiesse 55 » 24 ott 2021, 16:11

Paolo complimenti per il treno militare della INGAP.
Il mio convoglio, purtroppo, è ancora mancante dell'auto e immagino che sarà sempre piu' difficile trovarla (senza dover spendere un patrimonio per averla).
Per quanto riguarda l'astronave con marziano, che chiedevi in un'altra discussione, non sono proprio in grado di aiutarti su chi possa essere il produttore di un oggetto così..........spartano :lol: .
Comunque se durante le ricerche su internet o nelle visite ai mercatini dovessi notare qualche particolare che può richiamare quel giocattolo ( il tipo di ruota, l'occhiello che fissa la ruota o la lavorazione per la testa del marziano o il lavoro martellato del colletto [o quel che rappresenta] del marziano) non mancherò di informarti.
Ora lasciami fare un commento sull'aspetto del giocattolo che non deve offendere nessuno.
Beh.....uhm............mah...........................secondo me il bambino che l'ha ricevuto si è messo a piangere da tanto spartano (brutto) è. laught16
Il colore uniforme è quello che disturba di piu', addirittura una parte di colore è andata a finire sugli ingranaggi della frizione. Nessuna traccia di colore neppure per definire gli occhi del marziano. Sembra fatto in casa. Se è un prodotto industriale, il fabbricante è fallito subito dopo averlo messo in vendita.
Ecco ho detto il mio parere, basato solo sull'aspetto dell'oggetto (I)
Auguro buona domenica.


Gianni
erregiesse 55

Avatar utente
 
Messaggi: 222
Iscritto il: 29 mag 2018, 22:36
Località: Portogruaro (VE)

Re: Treni ed auto giocattolo in latta di INGAP e altri 1930-

Messaggioda Coccobill 62 » 25 ott 2021, 17:17

Ciao Gianni, a riguardo della automobile militare numero 950 che ti manca per completare il tuo treno militare io non sarei così pessimista. Ti ricordo che lo stesso modello è stato prodotto a partire dal 1938 o 1939 in versione civile, quindi se trovassi questa versione si tratterebbe di ridipingerla nei colori mimetici. Non dovrebbe essere impossibile ritrovarla. Per quanto riguarda l’astronave con marziano tu dici giustamente il tuo parere sull’aspetto estetico del marziano: è così brutto che spaventa i bambini!
Figurati che invece a me ispira simpatia…. Mi fai tornare in mente il film di Spielberg E.T. E l’aspetto del protagonista del film… Non si poteva certo dire che fosse bello… Eppure gli spirava simpatia credo a tutto il pubblico e divenne un successo mondiale! Come vedi per avere successo non per forza bisogna essere belli… E comunque il proprietario di quel giocattolo credo non ne fu molto spaventato, tanto è vero che la messo nella valigia di cartone assieme ai suoi giocattoli più cari e la valigia è finita dal rigattiere dove io l’ho scoperta e comprata con tutto il suo contenuto. Cordiali saluti extraterrestri Paolo
Coccobill 62

 
Messaggi: 194
Iscritto il: 18 apr 2020, 12:18
Località: Bolzano

PrecedenteProssimo

Torna a La scala 0 - 1:43,5

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite