Principiante HO Lima



Re: Principiante HO Lima

Messaggioda Marco Fornaciari » 4 mar 2020, 0:51

Dipende cosa intendi con "vecchissima"?
I binari Lime della fine del secolo scorso si adattano perfettamente agli Hornby attuali (e a tanti altri), le dimensioni della rotaia sono di fatto uguali: codice 100 cioè alte 2,5 mm. (Vedi norme NEM.)
Le uniche differenze palesi sono i raggi di curvatura e gli angoli di deviata degli scambi.
In ogni caso i binari Lima antecedenti +/- alla seconda metà degli anni '70 e meglio non usarli: sono in lega di ferro e si ossidano rapidamente sul fungo, quindi la presa di corrente è pessima.
In ogni caso per un uso intenso, anche quelli in nikel-silver, cioè quelli grigi, non è che poi fossero il massimo: hanno la superfice ruvida, quindi lo sporco si attacca facilmente.
Ovviamente quelli in lamiera piegata sono da scartare a prescindere.

Giusto per partire subito bene, se intendi far circolare modelli con controllo digitale, usa subito binari di ultima generazione.
Saluti
Marco Fornaciari
____________________________________________________________
Meglio essere folli per proprio conto, che saggio con le idee degli altri.
F.W. Nietzshe
Marco Fornaciari

Avatar utente
 
Messaggi: 364
Iscritto il: 9 feb 2009, 21:06
Località: Sorbolo (PR)

Re: Principiante HO Lima

Messaggioda fabrizio » 4 mar 2020, 15:59

Posso anche far di meglio ...

Ci conosciamo da poco tempo, prendi quello che ti scrivo nel migliore dei modi. Non intendo fare il maestrino.

Limitati alle cose certe, alla mezza soffitta "quasi" abitabile. Quasi è una parole molto elastica. "Sono quasi arrivato dice il corridore quando ormai gli manca un Km a chiudere il giro dell'equatore". Ma è sempre un km.
Limitati a scegliere le pareti di appoggio del futuro plastico oppure decidi se non è il caso di realizzarlo in mezzo alla stanza sì da poterci lavorare intorno.
Scegli, decidi le dimensioni. Dopo, con uno qualunque dei programmi di progettazione in commercio, prepari il tuo tracciato (magari con un collegamento alle altre aree buie e misteriose.
Con il progetto in mano conosci anche il costo. Almeno quello iniziale.
Puoi dirci da quale area geografica ci contatti?
grazie
fabrizio romoli detto "faber"
senior citizen who plays with the true model train, constantly looking for new horizons
fabrizio

Avatar utente
 
Messaggi: 159
Iscritto il: 8 giu 2009, 17:09
Località: pisa città

Re: Principiante HO Lima

Messaggioda NinoAL » 4 mar 2020, 17:49

Barcellona PG (Messina)
NinoAL

 
Messaggi: 31
Iscritto il: 13 feb 2020, 18:03

Re: Principiante HO Lima

Messaggioda Tricx » 6 mar 2020, 22:21

Come già ti è stato detto, in generale quasi tutta la produzione attuale ( di cosiddetto "codice 100".... mentre codici minori implicano minore altezza del fungo della rotaia ), si può "agganciare" anche a binari prodotti in passato. Bisogna però tenere presente che ci possono essere piccolissime differnze in spessore o altezza delle diverse rotaie e/o sezioni di binario, ( anche solo di poche frazioni di millimetro )che possono comportare non solo qualche difficoltà di "attacco" tramite le "scarpette" ( o al contrario il fatto che queste siano un pò "larghe" e non tengano bene collegate le diverse sezioni di binario ), ma anche al limite la necessità di "adattare" o smussare queste differenze con qualche colpo di limetta.

Comunque al giorno d'oggi, anche se sono purtroppo venuti meno i negozi del settore, sono fioriti però un pò dappertutto i mercatini - borse scambio, dove è possibile trovare parecchio materiale di modellismo ferroviario di tutti i tipi, compreso il materiale di armamento ed anche a prezzi abbastanza "umani". Quindi tali articoli puoi vederli e toccarli materialmente ed all'occorrenza se hai qualche dubbio, ti potresti portare al seguito qualcuno dei tuoi pezzi per confrontarli direttamente, per maggiore sicurezza. E poi avresti comunque anche la possibilità di chiedere consiglio in quella stessa sede.

Spero di esserti stato d'aiuto.
Saluti. Riccardo.
Tricx

Avatar utente
 
Messaggi: 1847
Iscritto il: 22 set 2011, 20:08
Località: L'epicentro del trifase

Re: Principiante HO Lima

Messaggioda NinoAL » 7 mar 2020, 17:13

piccolissime differnze in spessore o altezza delle diverse rotaie

Nei differenti rotabili credo che la difficoltà maggiore sia nelle scarpette metalliche o isolanti. Non tanto per l'aspetto elettrico, mi sono accorto che a stagno si salda benissimo (sotto la traversina) ma per la robustezza meccanica fra un tratto e l'altro.
Ho anche idea di come fare, nei punti nascosti, l'antideragliamento nei punti di accomodamento fra due binari diversi...
Ciao Grazie.
P.S. Che manuale mi consigliate?
NinoAL

 
Messaggi: 31
Iscritto il: 13 feb 2020, 18:03

Re: Principiante HO Lima

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 8 mar 2020, 16:00

NinoAL ha scritto: Nei differenti rotabili credo che la difficoltà maggiore sia nelle scarpette metalliche o isolanti. Non tanto per l'aspetto elettrico, mi sono accorto che a stagno si salda benissimo (sotto la traversina) ma per la robustezza meccanica fra un tratto e l'altro.
Ho anche idea di come fare, nei punti nascosti, l'antideragliamento .....

La robustezza meccanica della scarpetta che serra le teste delle rotaie non ha alcuna importanza visto che i binari devono essere inchiodati/avvitati o incollati alla massicciata ed al piano del plastico quindi in caso di incompatibilità (per larghezza della base del fungo!) si potrebbe anche non mettere nessuna scarpetta e saldare direttamente le rotaie o meglio con uno spezzone di filo di rame saldato ad esse e nel caso la saldatura fosse in evidenza, mascherarla con un po' di finto terriccio o erbetta statica o altro. Essendo tu un esperto di saldature a stagno non deve certo crearti problemi. Un suggerimento (probabilmente per te scontato): Visto che i binari (recenti) hanno tutti le traversine in plastica, che potrebbero fondere o deformarsi col calore della saldatura, sfrutta semre il trucco di poggiare sulle rotaie da saldare (2-3 cm a monte e a valle del punto da saldare) due batuffoli di ovatta intrisi di acqua fresca: in questo modo il calore non si diffonderà nel metallo della rotaia olte il punto da saldare evitando che si scaldino tutte le traversine vicine.
Riguardo al deragliamento nei punti lontani (e soprattutto in galleria) Rivarossi aveva inventato questo particolare binario che si può riprodurre artigianalmente:
00-antideragliamento RR.jpg
Binario Rivarossi: facilita la messa sul binario di carri con carrelli e locomotive e rimette sul binario, in corsa, i carri deragliati

i quattro cordoli agli angolo, disposti a croce di Sant'Andrea, invitano le ruote fuoruscite, a scavallare la rotaia e a rimettersi in riga e la losanga centrale si occupa delle ruote deragliate all'interno.
Facile da realizzare con ritagli di plasticard ma anche con un po' di compensato di legno.
Saluti e buon lavoro da Oliviero
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3600
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: Principiante HO Lima

Messaggioda Tricx » 9 mar 2020, 4:19

NinoAL ha scritto:Nei differenti rotabili ....... nelle scarpette metalliche o isolanti. Non tanto ..... ma per la robustezza meccanica fra un tratto e l'altro...

Anzitutto hai parlato di "rotabili", che peraltro sarebbero i veicoli ferroviari, ma evidentemente intendevi riferirti alle rotaie e ai binari... [fischse7.gif]
Circa le scarpette, almeno quelle metalliche, oltre quanto ti è gia stato detto da chi mi ha preceduto, circa il fissaggio dei binari sul plastico, che comunque elimina ogni problema, vorrei aggiungere che, ove non si montino i binari su un plastico, ma si abbia necessità di montare e smontare, anche in presenza di piccole differenze tra rotaie, è possibile adattare un pò le scarpette stesse con delle pinzette, allargandole un pò o restringendole a seconda dei casi e delle esigenze.

Quanto ai punti nascosti, bisogna tenere presente che qualche punto di accessibilità deve essere predisposto, perchè non sempre i binari "antideragliamento" riescono a rimediare in tutti i casi...

Saluti. Riccardo.
Tricx

Avatar utente
 
Messaggi: 1847
Iscritto il: 22 set 2011, 20:08
Località: L'epicentro del trifase

Re: Principiante HO Lima

Messaggioda NinoAL » 9 mar 2020, 15:44

si,ovvio. Grazie
NinoAL

 
Messaggi: 31
Iscritto il: 13 feb 2020, 18:03

Re: Principiante HO Lima

Messaggioda NinoAL » 11 mar 2020, 20:13

Vi chiedo altre informazioni: (Lima circuito analogico)
1)Come si può rimediare alle scarpette elettriche LIMA? Non tanto per il contatto elettrico quanto ,avendole, montare e smontare con facilità, su un lavoro definitivo si può ben optare per la saldatura...qualche vaga idea c'è l'ho..

2) Su un ipotetico semicerchio con raggio da 36 cm come viaggia un Pendolino con tre (o quattro elementi?).

3) Bastano 9 cm di luce per un ponte?

4) Per raggiungere i 9 cm di altezza suppongo occorrano 3 metri di binari (3%)

5) ...i marciapiedi...in commercio ne esistono di diverse larghezze... per i prodotti Lima che tratto dritto usare dopo la curva di compensazione? 11.1 cm?

Ciao grazie
Nino.
NinoAL

 
Messaggi: 31
Iscritto il: 13 feb 2020, 18:03

Re: Principiante HO Lima

Messaggioda Tricx » 11 mar 2020, 20:49

Tornando al disegnino iniziale di schema di stazione, ed alle prime tre domande del primo messaggio, direi anzitutto che quei binari di stazione mi sembrano tutti un pò troppo corti.
Poi non è stato specificato da quale parte si troverebbe il "lato binari" della stazione stessa : nella parte alta o in quella in basso del disegnino ?
Uno di tali binari ( e sotto c'è scritto "marciapiede".... si vuole inserire una "banchina" tra i due binari del fascio superiore ?) è addirittura costituito da un solo elemento rettilineo...
E' questo il binario più vicino al fabbricato di stazione ?
E poi si conoscono le dimensioni di ingombro della banchina?

In ogni caso, ripeto, binari tutti un pò troppo corti....e qualcuno inevitabilmente risulta ridotto ai minimi termini. La cosa non mi sembra giustificata oltrettutto perchè, se non ho letto male, le dimensioni del plastico che si vorrebbe costruire sembrerebbero abbastanza abbondanti.

Detto questo e tornando alle prime tre domande così come poste, premesso che non so affatto indicare gli ipotetici articoli con cui erano contraddistinti commercialmente tali binari Lima, mi permetto solo di dire che se si hanno a disposizione vecchi binari di tale marca e non si trova l'elemento curvo apposito della lunghezza giusta per creare il parallelismo tra le due linee, basta segare un qualsiasi elemento curvo ( che non sia di raggio troppo stretto ) nella misura della giusta lunghezza, per creare la controcurva rispetto alla deviata dello scambio.

Alla stessa maniera si può operare a maggior ragione su elementi di binario rettilineo, per realizzare la giusta misura che serve a "chiudere il tracciato", allungando o accorciando, secondo le esigenze i tratti rettilinei con l'inserimento di elementi "interi" ed altri segati ed accorciati opportunamente.

Spero di essermi spiegato.... anche se forse, magari avevi già pensato la stessa cosa.

Saluti. Ruiccardo.
Tricx

Avatar utente
 
Messaggi: 1847
Iscritto il: 22 set 2011, 20:08
Località: L'epicentro del trifase

PrecedenteProssimo

Torna a Modellismo praticato

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite