Locomotiva E 636 FS



Locomotiva E 636 FS

Messaggioda luigi voltan » 19 dic 2011, 13:24

In queste brevi note vi illustro come ho realizzato la mia E 636 in scala N, locomotiva che al vero è stata realizzata in ben 469 esemplari nell’arco di un ventennio, e non può certo mancare in un parco trazione che si rispetti….

LA CASSA

Scontato che per brevità si ricorresse alla E 645 100 di CIL, cosa fatta da molti, ma che molte volte ho visto semplicemente riverniciata, senza provvedere a quelle modifiche minime che la rendano effettivamente una E 636 (anche se come tale è stata commercializzata).
Vi dico subito che non ho sostituito i musetti, anche se leggermente appiattiti (replica delle prime Roco in HO con lo stesso difetto), per non andare a complicarmi la vita e aggravare la spesa sacrificando una E 424 Del Prado (pure nel caso da correggere).

Come ulteriore forma di economia, ho lavorato su una copia in resina della 645 CIL, apportando le seguenti modifiche/migliorie:

1) eliminazione della serpentina dal ricasco dell'imperiale
2) eliminazione fori dei pantografi CIL e rifacimento dei fori per il fissaggio dei nuovi pantografi (assolutamente Sommerfeldt per robustezza e molleggio)
3) costruzione, con un filo di rame incollato con cianoacrilato, del fine gocciolatoio sopra ai finestrini frontali come da loco vera allo stato d'origine e sino a buona parte degli anni '80 (su talune unità non è nemmeno mai stato eliminato)
4) completamento dei panconi frontali con pezzetti di plasticard
5) applicazione sul tetto dei coprigiunti in corrispondenza del limite posteriore delle cabine di guida
6) eliminazione del fregio in rilievo e dei fanalini frontali e rifacimento di questi ultimi in tubicino di rame e loro collocazione in posizione più distanziata (la CIL sembra un po' troppo "strabica"...)
7) adeguamento delle finestrature e portelli della fiancata destra (lato cabina AT); questa è la parte più impegnativa e, nel dettaglio comporta:
7a) stuccatura del primo portello di sinistra guardando la loco di fianco
7b) stuccatura della griglietta bassa ubicata a destra dei portelli
7c) stuccatura della griglietta di destra delle due presenti all'altezza dei finestrini
7d) apertura della griglietta di sinistra delle due presenti all'altezza dei finestrini
7e) eliminazione dei due portelli di destra (alti e maggiorati) ed applicazione di un inserto in resina che riproduce due portelli bassi di dimensioni analoghe ai due portelli residui di sinistra, in modo da ottenere 2 + 2 portelli uguali sulla fiancata.

P1030409a.JPG
La cassa in fase di elaborazione, con i portelli bassi inseriti nella semicassa "A"


Così terminata, la cassa ha ricevuto la solita mano di fondo spray Talken, quale evidenziatore di eventuali errori da correggere e quale ancorante per la coloritura successiva.

P1030416a.JPG
La cassa elaborata a confronto con la cassa originale, dopo la passata di fondo


La cassa così elaborata permette di realizzare una E 636 della sottoserie post-bellica 113 - 276 con coprigiunto a gradino, allo stato dagli anni '70 in poi.

LA MECCANICA

La meccanica è stata ricavata da una BR E141 DB Arnold, con carrelli da 20mm di passo (3200mm al vero contro i 3150mm necessari; 3 decimi di eccedenza che si possono trascurare) reperita su Ebay per una sessantina di euro, che fornisce, oltre a telaio e carrelli motori, anche i pantografi.
I 2 assi del carrello centrale da aggiungere provengono dall'avanzo della motorizzazione della E 402 B, la cui meccanica Kato aveva 3 carrelli con gli assi di diametro giusto (mai buttare nulla....).
Le fiancate dei carrelli sono repliche del carrello della E 424 Mehano/Tibidabo; in alternativa si può usare la fiancata dell'E 424 Del Prado.

La locomotiva donatrice è stata completamente smontata, ed il telaio metallico è stato fresato ai frontali e tagliato esattamente a metà, privato di tutte le piastrine ramate, luci ed altro.
I due semitelai sono stati poi fresati per ospitare i due nuovi micromotori (Mabuchi) dotati di un alberino in tubetto di rame e relativa vite senza fine in nylon. La fresatura è stata eseguita presso il laboratorio Assoenne, grazie alla disponibilità e cortesia dell'amico Marco Gallo.

P1030620a.JPG
La componentistica della meccanica, con i semitelai fresati per l'alloggiamento dei motori


P1030644a.JPG
Impostazione della meccanica e carrello centrale finito


Ai due semitelai è stata incollata con colla bicomponente la relativa "prolunga" in vetronite (basetta ramata da 1mm per circuiti stampati) e sono state realizzate le asole forate che costituiscono lo snodo centrale.

Il carrello centrale è completamente autocostruito con listelli in plasticard da 1,5 e 1 mm, la cui vite di chiusura impegna le asole dei semitelai ed è chiusa da un dado e rondella (un goccio di cianoacrilato fa da frenafiletto).

P1030648a.JPG
I semitelai allungati con due porzioni di vetronite e fissati al carrello centrale


I carrelli sono stati privati delle porzioni di lamelle prendicorrente trasversali che all'origine portano contatto alla basetta ramata sotto al telaio d'origine ed eliminata. Rimangono in opera le porzioni di lamelle dietro alle ruote, alle quali sono stati saldati gli opportuni spezzoni di cavetto flessibile che, attraverso due fori ovali per semitelaio portano la corrente ai motori (i fori sono stati ovalizzati per consentire ai cavetti stessi l'opportuno agio in fase di rotazione del carrello).

P1030649a.JPG
L'uscita dei cavi di alimentazione al di sopra del telaio


I 2 motori sono stati incollati ai semitelai con una goccia di cianoacrilato e collegati elettricamente in parallelo. Meccanicamente sono stati collegati con un pezzo di tubicino in silicone inserito sugli alberini.

P1030652a.JPG
La meccanica completa, con i motori fissati e tra loro collegati meccanicamente tramite il tubicino in silicone


Le fiancate dei carrelli sono state fissate con pezzetti di plasticard ai carrelli stessi con colla epossidica bicomponente e cianoacrilato.

VERNICIATURA E FINITURA

Come sempre, la verniciatura è stata effettuata con colori Puravest a spruzzo, nei colori castano-Isabella e rosso segnali, con carrelli in nero.

P1030659a.JPG
Vista laterale del modello finito lato cabina AT, il lato che ha subito le modifiche più importanti


P1030661a.JPG
Vista del lato corridoio


Le decals sono Danifer-MDF, dopo aver applicato le quali è stata data una mano a spruzzo di trasparente opaco Talken.
I trasparenti sono in acetato, fissati internamente (quelli laterali) e a filo (quelli frontali).
Per consentire una discreta rotazione dei carrelli estremi, prima della finitura sono state assottigliate le scalette di accesso e appiattite le 2 sabbiere sottostanti.

P1030662a.JPG
Il frontale del modello terminato; il solo riposizionamento dei fanali rende già più fedele il modello rispetto al reale


Prima della lavorazione, le casse sono state conferite presso l'associazione Assoenne, e messe a disposizione per la clonazione, per essere messe a disposizione dei soci desiderosi di realizzare una E 636 a basso costo.
Così terminata, la mia E 636 è costata circa 90 euro, praticamente meno di una equivalente loco industriale......
...nel vano tentativo di imitare Dio, l'uomo costruì la E.444....
luigi voltan

Avatar utente
 
Messaggi: 206
Iscritto il: 23 set 2011, 13:46

Re: Locomotiva E 636 FS

Messaggioda igor furnari » 21 gen 2012, 9:48

Beh Luigi il mio pensiero già lo conosci ! il lavoro è degno di nota principalmente per due motivi : il primo riguarda l'ingegno e ce ne sta a fiumi e poi il secondo che per certi aspetto ha un significato particolare ed è l'aspetto economico !
modellismo economico fatto con la testa ! ci piace questa cosa!!!
igor furnari

 
Messaggi: 2
Iscritto il: 21 gen 2012, 9:38

Re: Locomotiva E 636 FS

Messaggioda Casanova D » 24 gen 2012, 21:13

Ciao Gigi, che piacere leggerti. ottimo avoro come sempre, è proprio bella questa e636 Yellow_Flash_Colorz_PDT_02
Casanova D

 
Messaggi: 1
Iscritto il: 24 dic 2011, 13:36

Re: Locomotiva E 636 FS

Messaggioda luigi voltan » 25 gen 2012, 16:05

...la buona base di partenza facilita di molto il lavoro....... Yellow_Flash_Colorz_PDT_02 Yellow_Flash_Colorz_PDT_02
...nel vano tentativo di imitare Dio, l'uomo costruì la E.444....
luigi voltan

Avatar utente
 
Messaggi: 206
Iscritto il: 23 set 2011, 13:46

Re: Locomotiva E 636 FS

Messaggioda carlo.mercuri » 15 apr 2012, 16:30

Un filmatino per vedere come si muove?
We will rock you!
carlo.mercuri

Avatar utente
 
Messaggi: 192
Iscritto il: 10 dic 2008, 19:44

Re: Locomotiva E 636 FS

Messaggioda MauroT » 16 apr 2012, 10:29

prechè no? ;-)
-4-
La vera misura di un uomo si vede da come tratta qualcuno da cui non può ricevere niente in cambio (Samuel Johnson)
MauroT

Avatar utente
Amministratore
 
Messaggi: 1269
Iscritto il: 3 nov 2008, 20:01
Località: steso su un binario

Re: Locomotiva E 636 FS

Messaggioda luigi voltan » 27 apr 2012, 18:40

...certo, è cosa da nulla....ma....come si fa???? laught16
...nel vano tentativo di imitare Dio, l'uomo costruì la E.444....
luigi voltan

Avatar utente
 
Messaggi: 206
Iscritto il: 23 set 2011, 13:46

Re: Locomotiva E 636 FS

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 27 apr 2012, 19:31

Splendido lavoro Luigi!!
Permetti una domanda: perchè hai collegato meccanicamente i due motori? non bastava il collegamento elettrico?
Saluti da Oliviero
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3212
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: Locomotiva E 636 FS

Messaggioda carlo.mercuri » 27 apr 2012, 19:42

Oliviero Lidonnici ha scritto:Permetti una domanda: perchè hai collegato meccanicamente i due motori? non bastava il collegamento elettrico?

Risponderà sicuramente anche Luigi, ma visto che sto approntando anch'io una meccanica con due motori, posso dirti che è sempre preferibile collegare i due motori, per vari motivi: innanzitutto ci sono sempre piccole differenze di rotazione. Secondariamente, non sempre il momento d'avvio è simultaneo; i motori sono in posizione diverse e si sforzano in modo diverso, l'uno rispetto all'altro. Quello posteriore, se traina, molto spesso ha il disturbo di avere agganciato direttamente tutto il peso del treno; quello anteriore, in quel momento è più libero e tende a girare più velocemente.
Non solo, ma potete fare una prova: se collegate in serie due motori identici e frenate leggermente l'alberino di uno, l'altro tenderà ad accelerare; più lo frenerete e più l'altro accelererà.
Insomma, è bene vincolarli quando possibile.
We will rock you!
carlo.mercuri

Avatar utente
 
Messaggi: 192
Iscritto il: 10 dic 2008, 19:44

Re: Locomotiva E 636 FS

Messaggioda carlo.mercuri » 29 apr 2012, 20:25

luigi voltan ha scritto:...certo, è cosa da nulla....ma....come si fa???? laught16

Dai Luigi, se vieni alle Giornate col modello te lo giro io un filmatino...
We will rock you!
carlo.mercuri

Avatar utente
 
Messaggi: 192
Iscritto il: 10 dic 2008, 19:44

Prossimo

Torna a La scala N - 1:160

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite