Locomotive a vapore vivo di Ernest Planck, Norimberga 1890



Locomotive a vapore vivo di Ernest Planck, Norimberga 1890

Messaggioda Coccobill 62 » 15 set 2021, 18:07

La locomotiva a vapore vivo denominata “ VULKAN “ È stata prodotta a Norimberga dalla famosa ditta Ernst Planck a partire dal 1890.

e480bb68-4de1-4d68-8ba7-4f7937548afe.jpg
locomotiva Vulkan, Ernest Planck 1890.


702449fc-c076-4e3a-903d-7c1e836a875f.jpg
vista tre quarti anteriore


e5c072b6-36e1-4171-b920-e3d4545c94ec.jpg
vista posteriore con marchio di fabbrica


La locomotiva è fabbricata utilizzando quattro diversi tipi di materiale: lamiera di ottone per la caldaia, il telaio portante, la cabina del macchinista nella parte superiore ed infine il calice della ciminiera, i cilindri, i blocchi valvola, i tubi, i pistoni, le bielle di spinta ed i respingenti.
La lamiera di acciaio stagnata è utilizzata per fabbricare la parte cilindrica del fumaiolo, il bruciatore e serbatoio dell’alcol, la cassetta che contiene il bruciatore stesso con i ganci di ritegno ed il gancio di traino della locomotiva.
Le ruote sono fuse in ghisa, i cerchioni delle ruote invece sono in lamiera di ottone riportata, immagino per esigenze estetiche…

Per finire abbiamo due parti in legno duro, ovvero la maniglietta della valvola del fischio del vapore e la traversa anteriore alla quale sono avvitati i respingenti. Queste parti sono in legno probabilmente per avere dei punti freddi che, assieme alla cabina del macchinista ed al fumaiolo consentissero di manipolare il giocattolo senza scottarsi durante il funzionamento.

0e3e6e63-8fc9-47ed-9ee6-602ea1b333f9.jpg
dettaglio cilindri del motore


0a282a13-8e9d-4985-8cc3-aabfe291204f.jpg
bruciatore smontato


Le dimensioni del Giocattolo sono le seguenti: lunghezza massima 210 mm, larghezza massima in corrispondenza dei cilindri 100 mm, larghezza alla traversa dei respingenti 60 mm. Altezza massima al fumaiolo 145 mm. Scartamento 62,5 mm, diametro ruote 36 mm.
Dimensioni caldaia, lunghezza 125 mm e diametro 45 mm.
Peso a vuoto 510 g peso a pieno carico circa 760 g.
La dimensione di scartamento non unificata mi fa pensare che questa locomotiva fosse costruita per funzionare liberamente sul pavimento senza un circuito di binari dedicati. Le ruote di peso notevole e scartamento ampio danno una notevole stabilità alla macchina, L’aspetto è molto antico, probabilmente ispirato a locomotive di metà dell’ottocento in particolare il fumaiolo ha un aspetto molto barocco.
Il motore è molto semplice, costituito da due cilindri oscillanti a semplice effetto con bielle di spinta molto corte che determinano una rotazione molto ampia dei cilindri stessi. I pistoni sono torniti in ottone e rettificati con ottima precisione rispetto al diametro dei cilindri, non ci sono fasce elastiche o elementi di tenuta. Il vapore viene scaricato davanti ai blocchi valvola attraverso due corti tubicini rivolti verso la parte anteriore.
Il fumaiolo ha funzioni esclusivamente estetiche ed è innestato ad incastro su un anello saldato alla caldaia. Sopra il duomo del vapore c’è il tappo di riempimento caldaia, tra il duomo ed il fumaiolo è presente la valvola di sicurezza per massima pressione mentre al lato opposto, verso la cabina del macchinista c’è il fischio del vapore con il rubinetto di azionamento. Sulla porta anteriore della camera a fumo, in alto c’è una vitina che viene smontata durante il riempimento dell’acqua in caldaia e ha la funzione di livello del “Troppo pieno“.
Il serbatoio dell’alcol con il relativo bruciatore si incastra preciso nell’apposito alloggiamento sotto la cabina del macchinista e è trattenuto in posizione da due piccoli gancetti che lo bloccano ruotati di 90°.

Questo è il pezzo più antico della mia collezione, mi sembra che rappresenti bene l’amore con cui queste ditte costruivano giocattoli tecnici ormai 130 anni fa. Credo che per un ragazzo di quell’epoca ricevere un oggetto di questo tipo fosse un sogno. Forse proprio per questo alcuni di questi oggetti sono sopravvissuti tanto a lungo conservati con cura oserei dire “religiosa“!
Io in oggetti come questo apprezzo in particolare l’aspetto tecnico, le soluzioni costruttive, l’artigianato artistico e solo in ultima battuta il valore di oggetto d’antiquariato.

d1c14c62-23ca-4426-8529-53befae4361d.jpg
breve storia della ditta Ernest Planck


La ditta Ernest Planck viene fondata a Norimberga nel 1866 e si dedica sin da subito alla fabbricazione di giocattoli ottici come le lanterne magiche, treni a vapore vivo, macchine a vapore statiche, navi in latta con motori a vapore vivo e solo in un secondo periodo a treni elettrici. Assieme alle altre ditte più famose come Bing, Carette, Märklin e Schoenner rappresenta il massimo livello di qualità raggiunto nella fabbricazione dei giocattoli tecnici tra gli ultimi anni dell’ottocento e i primi 15 anni del '900.
Nel 1932 l’azienda viene venduta alla ditta dei fratelli Schaller / Noris GmbH.
Da notare nel logo del marchio di fabbrica la ruota alata, simbolo delle ferrovie alla fine dell’ottocento, il fondatore dava evidentemente un ruolo di primo piano ai trenini rispetto a tutta la sua produzione di giocattoli.

Saluti a tutti Paolo…… Continua.
Coccobill 62

 
Messaggi: 157
Iscritto il: 18 apr 2020, 12:18
Località: Bolzano

Re: Locomotive a vapore vivo di Ernest Planck, Norimberga 18

Messaggioda Coccobill 62 » 23 set 2021, 17:13

Locomotiva a vapore vivo in scartamento O produzione tedesca 1910

La seconda locomotiva a vapore vivo che vi presento qui di seguito è di probabile produzione della stessa ditta Ernest Planck, ma non essendoci sulla macchina alcun tipo di marchiatura e non avendola ritrovata con certezza sul catalogo Schiffmann non posso esserne certo! D’altra parte sullo stesso catalogo viene scritto che la ditta non marchiava tutti i suoi prodotti… Quello che mi sembra oggettivo è che la modalità costruttiva e in particolare la forma del bruciatore dell’alcol ed il sistema di alloggiamento e ritegno sono praticamente identici a quelli della locomotiva vista sopra.

plank piccola.jpg
locomotiva tedesca del 1910, vapore vivo


davanti.jpg
vista anteriore


posteriore.jpg
vista posteriore


Le dimensioni della locomotiva sono le seguenti: lunghezza massima, compreso il gancio, 170 millimetri. Larghezza massima in corrispondenza dei cilindri 70 millimetri larghezza massima alla cabina del macchinista 50 millimetri . Altezza massima al fumaiolo 115 millimetri. Il peso è di 491 grammi.
La caldaia ha le misure seguenti: lunghezza 105 millimetri, diametro 35 millimetri. Lo scartamento effettivo misurato alla radice del bordino è pari a 29 mm che posto su binari di scartamento 32 mm garantisce il moto senza interferenze; considerata anche la marcata conicità delle piste di rotolamento che garantiscono alla macchina una capacità di auto-centrarsi sui binari. Il diametro delle ruote motrici posteriori è di 45 mm mentre il diametro delle ruote anteriori folli è di 25 mm. Le bielle di spinta come appare evidente dalle foto sono molto lunghe e quindi i due cilindri a semplice effetto oscillano con un modesto angolo di rotazione. I pistoni dei cilindri sono costruiti in ottone, lisci e senza segmenti o elementi di tenuta.
I materiali con cui è costruita la macchina sono tre: fusione in ghisa per le ruote, lamiera di acciaio stagnata per il bruciatore e serbatoio dell’alcol, la cabina del macchinista e l’alloggiamento del serbatoio, il gancio di traino, il telaio portante gli assi ruote e i due baffi scaccia sassi anteriori.
La lamiera e il tubo di ottone sono utilizzati per costruire la caldaia, il Duomo del vapore, il rubinetto del fischio (mancante) il fumaiolo, i cilindri, i pistoni e le bielle di spinta. Infine ovviamente anche i tubi di mandata del vapore che partono dal Duomo vapore ed arrivano al blocco valvola dei cilindri sono in ottone.

sotto 1.jpg
vista da sotto


sotto 2.jpg
bruciatore smontato


su binario.jpg
la locomotiva sul binario in lamiera


Nelle foto qui sopra particolare della parte inferiore della macchina e del bruciatore in lamierino di latta stagnata. Sistema, architettura e bloccaggi del bruciatore sono praticamente identici alla locomotiva vista nel primo intervento di questo contributo. Nell’ultima foto si vede la locomotiva posta sul binario in lamiera, da notare in questa fotografia lo spazio molto limitato che rimane tra i baffi scaccia sassi anteriori ed il binario così come anche nella parte posteriore tra il fondo del serbatoio del bruciatore ed il binario stesso. Era molto importante che la macchina fosse molto stabile sui binari ad evitare un deragliamento che con il bruciatore ad alcol e la fiamma accesa poteva ed ancora oggi può essere estremamente pericoloso per il rischio di incendiare casa… Meglio giocarci sul pavimento del cortile… Dalla architettura della locomotiva e dallo studio di vecchi cataloghi di questa ed altre ditte tedesche di Norimberga mi sono convinto che la data di fabbricazione di questo giocattolo possa essere collocata tra il 1910 ed il 1915.

Continua…… A presto Paolo.
Coccobill 62

 
Messaggi: 157
Iscritto il: 18 apr 2020, 12:18
Località: Bolzano

Re: Locomotive a vapore vivo di Ernest Planck, Norimberga 18

Messaggioda Michelemassa » 25 set 2021, 13:47

Caro Paolo
Che dire :sono oggetti incredibili e affascinanti, addirittura centenari! Ovviamente come avrai capito io non sono un esperto di questo materiale, ma invidio la tua collezione e il tuo sapere e soprattutto che tali modelli siano in buone mani
Per quanto mi riguarda non so se l'ho già scritto, ma in un futuro vorrei avere un treno della mammod, anche qui vedremo... Ho un sacco di fronti aperti tra Lima , RR e Wilesco
e le finanze vanno pianificate bene!
Saluti
Michele
Michelemassa

 
Messaggi: 448
Iscritto il: 3 dic 2019, 18:34


Torna a Vapore Vivo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite