Parata Mezzi corazzati scala H0



Re: Parata Mezzi corazzati scala H0

Messaggioda Tricx » 5 giu 2016, 16:08

Chiarissimo e illuminante quello che hai detto sulle varie produzioni e sui rapporti costi - benefici.

Quanto al Tigre, giustissimo quello che hai detto e che anch'io sapevo e che forse è l'unica ragione per cui sinora il mezzo in questione si era evitato lo "sciacquone";
infatti mi consolavo almeno col fatto di poterlo quantomeno impiegare in maniera dignitosa, in ipotesi di caricamento su mezzo ferroviario, prevedente cingoli stretti ed eventuali "coperture e mascheramenti" più o meno estese.

A proposito di caricamento su mezzi ferroviari.
In precedenza facevo riferimento solo alle produzioni in plastica; adesso che ho fatto caso anche a tutte queste produzioni in metallo molto belle, sulle quali Tu mi hai edotto, mi si è posto un dubbio e un problema.
Cioè questo: ma quelli in metallo non sono mezzi un pò "pesantini" per il fermodellismo, a parte la situazione dei diorami, più o meno funzionanti ?
E queste masse di peso concentrato, che vanno ad alzare sensibilmente il baricentro complessivo dell'insieme carro/mezzo caricato, non possono influire anche sulla stabilità dello stesso ?

In caso di aggancio di un certo numero di carri così caricati, insomma una "tradotta", non è che la loco fatica un poco e alla prima minima salitella rischia di slittare o di fermarsi ?

Sperando che Tu o altri abbiano già affrontato e possibilmente risolto tali problemi, ove esistenti effettivamente, porgo i miei saluti a tutti.
Riccardo.
Tricx

Avatar utente
 
Messaggi: 1847
Iscritto il: 22 set 2011, 20:08
Località: L'epicentro del trifase

Re: Parata Mezzi corazzati scala H0

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 6 giu 2016, 0:45

Tricx ha scritto:A proposito di caricamento su mezzi ferroviari. ..... quelli in metallo non sono mezzi un pò "pesantini" per il fermodellismo ?
In caso di aggancio di un certo numero di carri così caricati, insomma una "tradotta", non è che la loco fatica un poco e alla prima minima salitella rischia di slittare o di fermarsi ?
Riccardo.

Il problema dei carri troppo pesanti e con baricentro altro è legato a diversi fattori:
A-Peso della locomotiva: se la loco è troppo leggera slitta e fatica a trainare un treno pesante. Risoluzione ovvia: ci vuole una loco pesante e potente.
B-I carri a carrelli, se appesantiti, possono ondeggiare troppo (a seconda del tipo di carrello e del sistema di montaggio potrebbero anche inclinarsi da un lato). I carri a due soli assi ovviamente non hanno questo problema ma non sarebbero realistici.
C-La lunghezza del treno può creare problemi sulle curve strette, soprattutto se si mescolano carri pesanti con carri leggeri: i carri centrali tendono a sollevare le ruote esterne e al limite deragliano all'interno della curva. In ogni caso occorre evitare di mettere i carri pesanti in coda al treno.
Un carico eccessivo inoltre tenderà ad usurare più rapidamente le parti in movimento (ovalizzazione dell'attacco dei mozzi).
Comunque tutto dipende dal materiale rotabile che vuoi impiegare e dal tipo di tracciato del plastico. Non ti resta che provare. -1-
Saluti da Oliviero
PS:
Allegati
Panther Roco (H0).jpg
Panther della Roco (H0)
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3600
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: Parata Mezzi corazzati scala H0

Messaggioda Tartaruga87+ST » 6 giu 2016, 12:21

Ciao Oliviero

Concordo pienamente con quanto dici tu. Infatti specialmente quelli di grandi dimensioni sono piuttosto pesanti e consiglio di non metterne più di 2 o 3 per convoglio...

Stefano
Tartaruga87+ST

Avatar utente
 
Messaggi: 554
Iscritto il: 10 dic 2012, 9:03

Re: Parata Mezzi corazzati scala H0

Messaggioda Tartaruga87+ST » 6 giu 2016, 12:23

Bello il Panther Roco! Vedo anche delle jeep sullo sfondo. Una mi sembra una Land Rover. Di che marca sono?

Stefano
Tartaruga87+ST

Avatar utente
 
Messaggi: 554
Iscritto il: 10 dic 2012, 9:03

Re: Parata Mezzi corazzati scala H0

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 6 giu 2016, 14:39

Tartaruga87+ST ha scritto: Vedo anche delle jeep sullo sfondo. Una mi sembra una Land Rover. Di che marca sono?
Stefano

La Land Rover è Airfix 1:72 (modificata!) e deriva da una scatola (busta) di montaggio, come accessorio del missile antiaereo "Bloodhound": è caricata con soldatini e armi (alpini) Atlantic. La jeep a destra è Roco Minitanks
Saluti da Oliviero
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3600
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: Parata Mezzi corazzati scala H0

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 7 giu 2016, 21:09

Tra i modellini/giocattolo ho ritrovato questo "scout car" della italiana Mini Toys

Tank10.jpg
Autoblindo inglese "scout car" della Mini Toys (suppongo sia una copia in plastica di un modellino Dinky Toys)

Vediamo ora qualche altro modello Roco Minitanks:

Tank11.jpg
In primo piano un MBT "Centurion" inglese, sul fondo un semovente d'artiglieria con il lungo cannone da 175mm (M 107) e a destra il semovente da 155mm M 109

i soldatini in torretta sono dell'Atlantic.

Saluti da Oliviero
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3600
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: Parata Mezzi corazzati scala H0

Messaggioda hiawatha » 8 giu 2016, 10:50

La Daimler Dingo Scout Car della Mini Toys è effettivamente una copia del precedente modello Dinky Toys. Gli stampi Mini Toys (Canè) erano originariamente della Sam Toys di Milano che produsse una discreta serie di modelli militari quasi tutti copie dei Dinky Toys. Evidentemente nei primi anni 60 non esistevano problemi di copyright tanto è vero che le scatoline e i cataloghi Sam Toys utilizzavano pari pari le illustrazioni tratte dai cataloghi Dinky Toys.
hiawatha

 
Messaggi: 488
Iscritto il: 30 apr 2009, 10:23
Località: Ovada

Re: Parata Mezzi corazzati scala H0

Messaggioda Tartaruga87+ST » 8 giu 2016, 12:17

Ciao Oliviero

Belli i mezzi che hai postato! Devo dire che i soldatini Atlantic fanno la loro figura sui mezzi Roco ;-) .
Grazie Hiawatha per le precise informazioni sul modello dell Dingo Mini Toys. Essendo una copia di modelli inglesi immagino sia in scala 1:76. Peccato sarebbe molto bella su un vagone in livrea italiana o magari come base per ottenere la Lince (copia italiana pure dell'autoblindo vera!).
Adesso che mi avete scatenato libero i miei panzer senza pietà -1-
Ecco foto di altri mezzi su cui ho lavorato:

DSC02175.jpg


T28 russo preda bellica tedesca. Modello Arseal M/Premo con una pesante elaborazione per convertirlo nella variante del 1939 che vedete....

DSC03752.jpg


Somua S 35 sempre di preda bellica. Modello già montato e verniciato della Artitec.

IMG_1927.jpg


M11/39 italiano. Modello Heiser.

IMG_2152.jpg


M15/42 italiano con torretta del PzKpfw 38 (t). Elaborazione da campo fatta dai tedeschi e realmente esistente. Modello interamente autocostruito con repliche in resina della torretta SDV, scavo WTD ampiamente elaborato e treno di rotolamento Heiser.

IMG_2908.JPG


Fiat OCI 708. Modello autocostruito. Una delle mie prime autocostruzioni. Non sarà perfetta ma ci sono affezzionato.

IMG_5876.JPG


Autoblindo Ba 20 russa (preda bellica). Modello autocostruito.

IMG_9853.jpg


Autoblindo M8 Greyhound (preda di guerra). Modello Roco Minitanks ampiamente elaborato.

Stefano
Tartaruga87+ST

Avatar utente
 
Messaggi: 554
Iscritto il: 10 dic 2012, 9:03

Re: Parata Mezzi corazzati scala H0

Messaggioda hiawatha » 8 giu 2016, 13:04

Vedo che tutti abbiamo molteplici e vari interessi..la dingo mini toys è in scala 1/45, una lince verrebbe fuori benissimo.
hiawatha

 
Messaggi: 488
Iscritto il: 30 apr 2009, 10:23
Località: Ovada

Re: Parata Mezzi corazzati scala H0

Messaggioda Tricx » 8 giu 2016, 16:38

Scusate, ma volevo fare un passo indietro e ritornare a rispondere ai precedenti interventi di Stefano/Tartaruga e Oliviero, antecedenti agli ultimi quattro messaggi succedutisi a tamburo battente, che qui precedono.

A Stefano e Oliviero : dalla sintesi delle vostre risposte, direi che il problema del peso dei carri armati (in metallo) sui mezzi ferroviari modello sussiste eccome ed è affrontabile solo con un numero modestissimo di carri con simile carico....
Del resto problematiche simili emergono in tutti i casi di carri ferroviari pesanti ( per i più vari disparati motivi ), man mano che aumenta la lunghezza del treno ed il numero dei carri trainati.

Quindi, in caso di "tradotta" lunga è indispensabile usare veicoli e corazzati, in particolare, di plastica.

Un commento poi sugli ultimi mezzi mostrati da Oliviero (prima degli ultimi 4 messaggi - n.d.r.): molto bello, ovviamente, il Panther Roco, che provvederò a confrontare (in effigie) con i miei due "omologhi"..... perchè purtroppo, di tale marca non l'ho avuto.
Mi pare che non sia pitturato, ma nel colore base della plastica, o sbaglio, e mi domando anche: ma non fornivano minimamente delle "decals" per la rifinitura del carro ?

Quanto alla Land Rover, avevo già subodorato che fosse quella dell'Airfix.... e la modifica sta non solo nell'averla caricata con armi e truppe non "previste" nel kit, quanto nell'aver tegliato la sovrastruttura ed averla resa "aperta", al fine appunto di poterla caricare.
In effetti era il veicolo (con carrozzeria chiusa) adibito al traino del rimorchio sul quale era caricato il missile "Bloodhound"; il kit era altresì completato con la rampa di lancio vera e propria per il missile, che mi sembra però non potesse essere caricata sul rimorchio destinato solo al missile, costituendo quindi entrambe "posizioni alternative" per il missile.
Il tutto (Land Rover, rimorchio, rampa, missile) era commercializzato sia in kit singolo , sia come accessorio di carico complessivo per il Lochkeed "Hercules" C 130 da trasporto, nei colori della R.A.F. e in scala 1/72, che è quello che avevo anch'io.
A tal proposito constato che Oliviero, a proposito di questi mezzi militari dell'Airfix, continua a scrivere che essi erano in scala 1/72.
In realtà sui cataloghi e sulle confezioni era scritto scala "00 - H0", che mi risulta approssimativamente una scala 1/76 (fino a 1/80 massimo), tant'è che anche a me parevano proporzionatamente più piccoli, seppur solo leggermente, rispetto agli aerei, su cui dichiaratamente campeggiava la scritta 1/72.

Orbene, quella strana scala "inglese" 00 - H0 era la stessa che era riportata sulle confezioni dei mezzi ferroviari della stessa Casa, ai quali si è più volte fatto cenno nelle discussioni del nostro Forum.

Concordi, Oliviero con quanto ho detto, oppure ritieni che la scala fosse proprio 1/72 ?

Saluti. Riccardo.
Tricx

Avatar utente
 
Messaggi: 1847
Iscritto il: 22 set 2011, 20:08
Località: L'epicentro del trifase

PrecedenteProssimo

Torna a Mezzi Militari

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite