REVELL MINISHIPS / ESCI WATERLINE / CASADIO- 1:1200



REVELL MINISHIPS / ESCI WATERLINE / CASADIO- 1:1200

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 19 apr 2011, 20:37

REVELL prima ... ESCI dopo ... poi di nuovo REVELL ...(ma erano sempre.... le navi di Casadio). -1-

Nei primi anni Settanta la Revell tedesca mise in commercio una serie di 21 navi da battaglia (corazzate e portaerei): in polistirolo, in scala 1:1200 e confezionate in scatola di montaggio . Gli stampi però erano italiani, realizzati dalla Casadio, una ditta che, oltre alle navi (che vendeva già montate) produceva materiale rotabile in scala H0 (scambi e binari).
-La serie navale era definita" Mini-Ships" e i modelli erano privi della parte immersa dello scafo; modellini tagliati a linea d'acqua (in tedesco: "wasserlinien modell") in modo da poter essere utilizzati in war-game o inseriti in diorami. Inoltre (pregio e difetto della serie) erano strutturati per il montaggio ad incastro, senza la necessità di incollare i pezzi: pregio per i ragazzi che volevano montare rapidamente il modellino per poi giocarci subito, difetto per il fatto che il sistema ad incastro obbligava a sovradimensionare alcune parti con perdita di proporzioni e particolari.
-Le istruzioni erano ridotte al minimo e stampate direttamente sul fondo esterno della scatola, accompagnate da un trafiletto di sete-otto righe con la storia della nave, tradotto in quattro lingue(italiano escluso :? )
Le navi della serie (tutte della Seconda Guerra Mondiale) erano di cinque nazionalità, così ripartite: 7 USA. 4 italiane, 4 germaniche, 3 giapponesi, 3 inglesi (totale: 21). Come tipologia, 17 erano corazzate e solo 4, portaerei
-Appassionato di navi e di storia della II G.M. (già avevo l'intera collezione delle navi della Eagle inglese e della Sanwa giapponese) e iniziai ad acquistare subito i modellini che cominciavano a comparire nelle vetrine dei negozi di modellismo (ma anche negli scaffali dei grandi magazzini). Mi sono sempre stupito della disuniformità di qualità dei modelli: alcuni sono ben dettagliati, proporzionati, e fedeli agli originali che riproducono; altri invece sono sproporzionati ed approssimativi. In seguito cercherò di dimostrare questa mia teoria.

Collage Revell.jpg
Alcune scatole della serie Revell Mini-Ship M1:1200 (Germania anni Settanta)

scatole CORAZZATE ITALIANE.jpg
Le scatole Revell delle quattro corazzate italiane

-Negli anni Ottanta ritroviamo l'identica serie, proposta dall'italiana ESCI con confezioni diverse ma stessi stampi della Revell. Differiva solo la qualità ed il colore del polistirolo: grigio-ferro-scuro per le Revell e grigio-chiaro-opaco per le ESCI. La serie della ESCI era definita: "ESCI WATERLINE SNAP-TOGETHER" e le dettagliate istruzioni erano tradotte in sette lingue (finalmente anche in italiano :lol: ) e allegate su foglio inserito nella scatola.
ESCI NUOVO COLLAGE 9navi.jpg
Alcune confezioni della serie ESCI WATERLINE SNAP-TOGETHER (Italia anni Ottanta)

La ESCI esce di scena /scusate il bisticcio Yellow_Flash_Colorz_PDT_02 , ma la storia non finisce qui! Nel decennio successivo la serie torna alla Revell con confezioni rinnovate, denominata: "MINISHIP"
-Alle navi militari si aggiungono alcune passeggeri famose, come ad es. il Titanic. Poi la serie esce di produzione e scompare per alcuni anni.
-Recentemente la Revell tedesca (ancora con diverse confezioni) ha ricominciato a commercializzare alcuni dei modelli della serie originale delle navi militarie con il solito Titanic e con l'aggiunta di tre-quattro nuovi modelli di navi da crociera
ELENCO 02.jpg
Tabella comparativa elenchi, produzione Revell-Esci, dagli anni Settanta ad oggi
(1) notate le corrispondenze di alcuni codici: xx01 è sempre la USS Enterprise.

-----------------------------------------------------------------------------------------
Vediamo alcuni di questi modelli montati e dipinti: iniziamo con le portaerei.

Portaerei USA.JPG
Dall'alto al basso: USS Hornet (mimetizzata)- USS Enterprise - USS Yorktown.
(nota: gli aerei della Hornet non erano mimetizzati ma negli anni Settanta non lo sapevo)

Hornet.JPG
Un altro modellino della USS Hornet (in questo caso non mimetizzata)

Shinano.JPG
L'enorme ed inutile portaerei nipponica Shinano (Revell H-2410 /ESCI 410/ Revell MINISHIP 06815)

-Occorre notare come i modelli, che rappresentano navi della stessa classe, siano stati differenziati cambiando alcuni elementi caratteristici.
Questa, per l'epoca fu una bella novità, infatti venivano venduti modelli di navi diverse che, di diverso, avevano solo la scatola (x) .
In particolare ricordo la delusione che provai acquistando la confezione della corazzata Pennsylvania (Revell 1:429): aperta la scatola trovai gli stessi pezzi della corazzata Arizona che già possedevo. :?

New Jersey.JPG
La corazzata USS New Jersey BB62 (classe Iowa BB61)

Missouri.JPG
La corazzata USS Missouri BB63 (classe Iowa) presenta a poppa le catapulte con idrovolanti (e canotti) al posto degli elicotteri


...................................continua


Oliviero Lidonnici
Allegati
REVELL 1200.jpg
Due epoche di Revell a confronto. Tra le due serie si inserisce la produzione ESCI degli anni Ottanta.
Ultima modifica di Oliviero Lidonnici il 6 apr 2012, 23:25, modificato 13 volte in totale.
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3701
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: REVELL MINISHIPS / ESCI WATERLINE- 1:1200

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 21 mag 2011, 0:45

-Ritengo che i modelli migliori della serie siano le supercorazzate nipponiche Yamato e Musashi, perfette nelle proporzioni, ben dettagliate e precise nei particolari (peccato che non sia stato riprodotto il caratteristico albero dietro al fumaiolo)

Yamato e Musashi.JPG
La Yamato e la Musashi

CONFRONTO scatole Revell-Esci.jpg
A confronto le scatole Revell ed Esci, della corazzata nipponica Yamato

E finalmente (devo dire) troviamo le quattro corazzate italiane: Vittorio Veneto, Littorio, Roma ed Impero (anche se nella realtà l'ultima non venne mai completata)
Littorio e Vittorio Veneto.JPG
In primo piano la RN Littorio che ho dipinto con lo schema mimetico a chiazze del 1942. Sul fondo la RN Vittorio Veneto con la colorazione grigio-chiaro del 1941

-Questi modelli sono realizzati abbastanza bene: lo scafo e le torri da 381mm, sono ben proporzionati, invece fumaioli e le torri da 152 mm sono troppo sottili ed i cannoni da 90mm sono ancor meno fedeli alla realtà. Devo dire che nel complesso il modellino è comunque riconoscibile e non sempre succede!
Revell Montaggio della Roma.jpg
Il contenuto della scatola della corazzata Roma (Revell H-2412)
(nota il codice H-2417 sulla foto è errato)

Bollo Mini-Ships.jpg
Sul fondo dello scafo è stampato il marchio Mini-Ships e la scritta:"MADE in ITALY"
Il marchio è della ditta italiana Casadio che vendeva questi modellini già montati e fornì gli stampi alla Revell che in seguito li cedette alla Esci (una lunga storia!)

Vediamo di seguito i modelli che mi sembrano meno riusciti

Bismarck.JPG
La KM Bismarck con la scatola originale Revell anni Settanta

Bismarck 02.JPG
Altra foto del modellino della Bismarck Revell

Gneisenau.JPG
Modello dell' incrociatore da battaglia germanico Gneisenau

Una curiosità: come suddetto, sulla parte inferiore dei modelli Revell (prima serie)made in Germany, era stampato in rilievo il marchio della ditta Casadio (creatrice degli stampi originali) con sotto la scritta: MADE in ITALY (vedi foto in basso). Invece sui modelli ESCI (ditta italiana) scritta e marchio sono scomparsi. :lol:
Anche nelle due serie Revell successive non ci saranno marchi.
SOTTOPOPPA.jpg
Sottopoppa di due modelli di portaerei classe Yorktown

Oliviero
.........................................CONTINUA........
Ultima modifica di Oliviero Lidonnici il 12 ago 2012, 22:42, modificato 6 volte in totale.
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3701
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: REVELL MINISHIPS / ESCI WATERLINE- 1:1200

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 22 mag 2011, 23:29

Continua modelli Revell-ESCI 1:1200
King George V.JPG
Modellino dell'HMS King George V ottenuto dalla scatola di montaggio ESCI n.421

La Duke of York (codice Revell 05811)
DUKE OF YORK pezzi.jpg
Contenuto della scatola di montaggio della HMS Duke of York

Sul fondo dello scafo sono incisi i codici 419, 420, 421, che dimostrano, al di la di qualsiasi dubbio, la derivazione del modello, dalla produzione ESCI di circa trenta anni prima. I tre codici corrispondono alle corazzate inglesi classe King George V, che ovviamente hanno lo stesso scafo.
NUMERI.jpg
Codici sul fondo dello scafo della Duke of York affiancati dal foglietto inserito nella scatola Revell (terza serie)

ESCI 417 SCHARNHORST con scatola1.jpg
L'incrociatore da battaglia Scharnhorst (Esci n.417)
ESCI SCHARNHORST 417-02.jpg
ancora una foto del modellino 1:1200 della Scharnhorst

Scharnorst pezzi.JPG
La Scharnhorst con la gemella Gneisenau sono i modelli più complessi della serie con 48 parti da montare. Per esempio, la grande Yamato è composta solo da 35 pezzi.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
gruppo Revell azzurre BIS.jpg
Alcune scatole della seconda serie Revell (fine anni Novanta). Per evitare equivoci si precisa che questa serie presenta numeri di codice diversi dall'esempio della HMS Duke of York, che si riferisce invece alla terza serie (vedi tabella ELENCO COMPARATIVO...)

Su questa seconda serie Revell (ed anche sulla terza) non si parla più di "wasserlinien modell" o di "waterline", probabilmente a causa dell'inserimento di navi (come il Titanic) riprodotte con lo scafo completo.
Per la prima volta nella serie, viene inserita una nave civile. Scafo completo con basetta da esposizione, plastica bicolore e pezzi suddivisi su quattro sprue numerati (+ lo scafo), sono tutte caratteristiche che differenziano questo modello, dai superstiti della primissima serie, creata circa quaranta anni prima da Casadio e ceduta prima a Revell, poi ad Esci e quindi riproposta da Revell AG (nuova denominazione della Revell tedesca a partire dal 1995)
Titanic (pezzi).jpg
La scatola del Titanic con il suo contenuto: nel riquadro in alto a destra si evidenzia, ingrandito, il marchio Revell AG con la data dello stampo:1999.
Questa è il primo modello della serie non derivato dagli stampi della ditta italiana Casadio.

..............................continua
Ultima modifica di Oliviero Lidonnici il 7 apr 2012, 22:21, modificato 9 volte in totale.
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3701
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: REVELL MINISHIPS / ESCI WATERLINE- 1:1200

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 5 giu 2011, 22:21

Attualmente, la Revell ha riproposto una parte della vecchia serie di navi da guerra, integrata con nuovi modelli e con confezioni rinnovate.
La serie non ha più un nome ma è distinta solo dalla indicazione della scala: 1:1200

GRUPPO NUOVISSIME.jpg
La terza serie Revell 1:1200 (attualmente in produzione): integra i vecchi modelli di navi da guerra, con moderne navi da crociera e vecchi transatlantici
(aggiornato marzo 2012 con l'aggiunta della Yamato)

Tra il 2010 e 2011 la Revell ripropone almeno setto/otto modelli della "antica" serie anni settanta. E' probabile che nel prossimo futuro ne faccia (ri-)uscire anche altri
Sul sito ufficiale
http://www.revell.com/
viene presentata, come novità 2011, il modello della portaerei Yorktown (che io avevo già montato circa trenta o quaranta anni fa(!)

Confronyo Yorktown.jpg

Questl modelli, anche se datati, sono ancora validi anche come fonte di parti di ricambio, per realizzare modelli diversi ( ad esempio accorciando e modificando opportunamente una USS Iowa (BB 61) si potrebbe realizzare una corazzata classe Washington (BB 56)...Le artiglierie delle Scharnhorst sono perfette per le "Tascabili" germaniche e gli aerei delle Yorktown possono popolare i ponti di volo di altre portaerei....ecc.

AGGIORNAMENTO 2012: riproposta la Yamato (codice 90-5813)
Oliviero Lidonnici
..............................continua ;-)
Ultima modifica di Oliviero Lidonnici il 11 apr 2012, 22:22, modificato 4 volte in totale.
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3701
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: REVELL MINISHIPS / ESCI WATERLINE- 1:1200

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 6 apr 2012, 16:44

DOCUMENTAZIONE: PRODUZIONE NAVI CASADIO

Bollo.jpg
Il marchio di fabbrica di Casadio

Come si è detto, la maggior parte dei modelli Revell /Esci sono stati prodotti utilizzando gli stampi originali della ditta italiana Casadio.

Come documentazione vediamo alcuni esempi trovati sul Web

01 Casadio catalogue 1971-1972.JPG
Un catalogo Casadio:
nota: questa ditta produceva anche materiale ferroviario in scala H0

02 Elenco navi CASADIO2.jpg
L'elenco delle navi: notate che molti dei codici vennero utilizzati da Revell e da Esci

03 CASADIO NAVI'.jpg

04 USS Navy CASADIO.jpg

05 USS Navy CASADIO2.jpg

USS Navy CASADIO3.jpg


.....continua
Ultima modifica di Oliviero Lidonnici il 11 apr 2012, 23:00, modificato 1 volta in totale.
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3701
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: REVELL MINISHIPS / ESCI WATERLINE / CASADIO- 1:1200

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 12 ago 2012, 21:35

Personalmente ho un debole per le corazzate...........
CASADIO N°408 YAMATO

Yamato.JPG
La nave da battaglia giapponese Yamato di Casadio
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3701
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: REVELL MINISHIPS / ESCI WATERLINE / CASADIO- 1:1200

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 12 ago 2012, 22:31

RN ROMA (Revell H-2412)

RN Roma (1).JPG
La corazzata Roma (Revell 1:1200)

RN Roma (2).JPG

RN Roma (3).JPG

Oliviero Lidonnici
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3701
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Re: REVELL MINISHIPS / ESCI WATERLINE / CASADIO- 1:1200

Messaggioda membrelli » 8 ago 2016, 14:58

Solo ora scopro il tuo post, davvero molto esustivo.In Italia non pare ci sia molto interesse per l' 1:1200 - 1:1250. Peccato. Per chi volesse avvicinarsi a q1uesto mondo molto particolare linko un sito che tu conoscerai di sicuro tutto dedicato alle miniships, speriamo di contagiare qualcuno....


http://steelnavy.com/1250home.htm
membrelli

 
Messaggi: 2
Iscritto il: 4 lug 2016, 16:44

Re: REVELL MINISHIPS / ESCI WATERLINE / CASADIO- 1:1200

Messaggioda Rocket68 » 10 lug 2017, 17:42

Esplorando il Forum, quasi per caso ho scoperto questi modelli navali a cui anche io, tempo fa, mi ero interessato.
Le tue realizzazioni sono molto ben realizzate applause1 . I modelli Revell in piccola scala comunque sono ancora in commercio e tra l'altro dovrei avere conservato alcuni modelli montati e alcune scatole ancora intatte.
Tanti saluti da Rocket68
Rocket68

Avatar utente
 
Messaggi: 143
Iscritto il: 3 lug 2017, 16:19

Re: REVELL MINISHIPS / ESCI WATERLINE / CASADIO- 1:1200

Messaggioda Oliviero Lidonnici » 10 lug 2017, 22:54

Rocket68 ha scritto:Esplorando il Forum, quasi per caso ho scoperto questi modelli navali .......

Son passati ben sei anni da quando impostai questo argomento e come si era previsto, la Revell ha riproposto la maggior parte dei vecchi stampi Casadio, integrandoli con nuovi modelli in cui però ha purtroppo abbandonato il concetto di Waterline che permetteva di impiegare i modellini in war game.
Grazie per aver risuscitato questo argomento. Mostraci i tuoi modelli
Saluti da Oliviero
Oliviero Lidonnici

Avatar utente
Moderatore Globale
 
Messaggi: 3701
Iscritto il: 3 dic 2010, 20:24
Località: Roma

Prossimo

Torna a Navi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron