Camion italiani classiche



Re: Camion italiani classiche

Messaggioda martin67 » 30 mar 2020, 16:33

Another truck, just to return to topic. Here's a Fiat 690T with rib-side box trailer. I roughly (not exactly) copied the truck on the following link.

http://auto-zer.com/photo/fiat-690-t/02/default.html

My rib-side trailer is made from a container and some Herpa parts (roof, frame, rear doors). The tractor is from G&G.

Before painting it looked like this:

Immagine

And here is the finished model:

Immagine

Immagine

Immagine

Cherio,

Martin
martin67

 
Messaggi: 146
Iscritto il: 26 apr 2011, 20:40

Re: Camion italiani classiche

Messaggioda Tricx » 1 apr 2020, 0:02

Riporto la traduzione del penultimo messaggio di Martin.
martin67 ha scritto:Ciao Riccardo,

sono felice che ti piaccia il mio plastico! E questa è la storia.

Nel 1979, quando avevo 12 anni, i miei genitori portarono me e i miei fratelli in Italia per la prima volta. Sono cresciuto nella Baviera sud-orientale e il viaggio ci ha portato via Tavisio nella zona di Cavallino (VE). All'epoca non esisteva l'autostrada da Villach a Udine, dovevamo percorrere la SS13 fino alla fine. Ho amato i piccoli villaggi/paesi con i loro colori terracotta e continuavo a guardare i nostri (...vostri... n.d.r.) treni e mi sono subito innamorato di quei locomotori elettrici marroni (E.636 e E.626) e delle carrozze grigie/ardesia, così diversi da quelli che avevamo in Germania. Mi è piaciuto il diverso stile della catenaria e (ai miei occhi) gli strani camion sulla strada. Da allora in poi, abbiamo fatto questo viaggio almeno una volta all'anno. Certo che volevo avere tali treni sul mio tracciato ferroviario e ho iniziato a sognare un plastico in un ambiente/stile italiano, con quelle simpatiche case un po' malandate. Da ragazzo non avevo soldi, quindi è rimasto un sogno e per anni ho dovuto andare avanti con i miei pochi modelli tedeschi e austriaci. Così come per tanti ragazzi, l'interesse nelle ferrovie modello/in miniatura è diminuito,e le ragazze, poi le ragazze e le macchine, hanno attirato molto più l'interesse. Ma, anche se diminuito, l'interesse per le ferrovie non è mai svanito del tutto, e ho continuato a raccogliere camion Herpa e a ricostruirli.

Più tardi, con più soldi in tasca, ho iniziato a collezionare treni di ogni tipo. Intorno al 2002, ho riscoperto il mio amore per Lima e ho iniziato a collezionare questo marchio e a vendere lentamente la maggior parte delle mie altre cose. Tuttavia, amavo molto i treni esotici. Nel 2009, un amico mi ha chiesto se fossi stato interessato in un suo plastico e lo avessi aiutato per esibirlo in una mostra regionale di treni. È quello che ho fatto, ho preso un vecchio plastico Noch che ho trasformato in una scena del deserto con sabbia e palme. Dopo cinque anni, mentre nel frattempo ho realizzato il mio secondo plastico (giapponese,scala N ), l'organizzatore/espositore mi ha chiesto se potevo portare qualcosa di nuovo per il 2014.

Attraverso le mie ricerche su Lima, ho iniziato a visitare il Verona Model Expo dal 2013 in poi. Lì ho trovato molte cose dei miei sogni d'infanzia. Soprattutto le case nei colori terracotta. Ho visto come i miei colleghi modellisti italiani creano le loro scene, ho ammirato i plastici dei club. Alla fine ho deciso di andare "italiano", che è piuttosto esotico qui in Germania. Nel 2014 ho esposto il mio plastico per la prima volta ed esso ha attirato molta attenzione da parte dei visitatori. Le case provenivano da produttori italiani come Struttura Ferroviaria, Ma.Co.Mo e CR Ninive. HEKI aveva appena introdotto una linea di alberi mediterranei, che erano giunti al momento giusto. E ho ricominciato a costruire camion italiani ...

Questa è in breve la mia storia.

Martin


Che dire... grazie di averci confidato e reso partecipi della tua storia e delle tue brillanti capacità modellistiche e grazie anche per l'attrazione che senti per il nostro Paese ! [09.gif] -2- [09.gif]
What can I say ... thank you for trusting us and sharing your story and your brilliant modeling skills and thanks also for the attraction you feel for our country!

Cordialissimi saluti / Best regards.
Riccardo.
Tricx

Avatar utente
 
Messaggi: 1847
Iscritto il: 22 set 2011, 20:08
Località: L'epicentro del trifase

Re: Camion italiani classiche

Messaggioda Tricx » 1 apr 2020, 0:11

Riporto ora l'ultimo, in ordine di tempo, messaggio di Martin.
martin67 ha scritto:Un altro camion, giusto per tornare all'argomento. Ecco un Fiat 690T con semi-rimorchio con pareti a costoloni ondulati. Ho approssimativamente (non esattamente) copiato il camion sul seguente link.

http://auto-zer.com/photo/fiat-690-t/02/default.html

Il mio semi-rimorchio a coste ondulate è costituito da un container e da alcune parti Herpa (tetto, telaio, porte posteriori). Il trattore/motrice è di G&G

Prima di dipingerlo sembrava così:
Immagine

Ed ecco il modello finito:
Immagine

Immagine

Immagine

Ciao,

Martin


Non posso che farti ancora i miei più sinceri complimenti ! applause1 [nopity.gif] (13) [09.gif]
E' stupendo ! (3)

I can only give you my most sincere congratulations!
It's gorgeous !

Cordialissimi saluti. / Best regards,
Riccardo.
Tricx

Avatar utente
 
Messaggi: 1847
Iscritto il: 22 set 2011, 20:08
Località: L'epicentro del trifase

Precedente

Torna a Camion

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron