http://www.ferramatori.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Preparare le Gallerie (2a Parte)



Nella Puntata precedente, abbiamo parlato della galleria e del rischio di loco "spettinate".
L'immagine fà venire i "brividi" al solo pensiero, per evitare questi "sudori freddi", andiamo avanti con l'imboccatura del vostro micromondo.

- Passiamo alla prova "dinamica".
Alla base dell'imboccatura, la sagoma, si "restringe", e noi, dobbiamo vedere se; c'è spazio per passarci e con quali "rotabili", specialmente nelle curve strette; quindi, prendiamo dei vagoni "lunghi", li mettiamo sul binario, li mandiamo in sù ed in giù, a mano, e ... len-ta-men-te.
Controlliamo, che passino con la "base" e col "tetto", questo controllo sull'imbocco, và fatto sul lato esterno della curva, ( quando il vagone "spigola" in fuori ).
Controlliamo anche sul lato interno della curva, ( dove i vagoni "spanciano" in dentro ), proprio laddove, potrebbero toccare col "centro-cassa". ( ... le batterie sotto-cassa, sono famose, per "inciampare" proprio lì )
I più esperti, sanno già che, il vagone, a volte "dondola" nella parte "alta", quindi, anche noi, li proviano "esagerando" apposta anche "questo" dondolamento.
Una nota: fate pure la prova di "entrata", ma fatela anche di "uscita", perchè a volte, il binario "dentro", può essere di curvatura differente, e questo, vi può cambiare l'ingombro di "sagoma".

- Regolazione in Altezza per la Catenaria.
L'imboccatura, possiamo alzarla o abbassarla di poco, e solo se questo, "favorisce" il passaggio, una volta che, abbiamo trovato il punto di "sicurezza" alla base ed ai lati; controlliamo anche l'altezza del "soffitto", per la questione "catenaria".
Con una loco elettrica, a pantografo "alzato", ( non tutto, ma solo alzato come se, ci fosse già la catenaria ), proviamo se ci passa agevolmente. ( provate tutti e DUE, i pantografi )
Nota : per tenere il pantografo "fermo" all'altezza di "catenaria", lo si può tener "legato" con un filo da cucire, oppure "aprite" una "Maglietta Fermacarte" e piegatela come una "C", in modo che agganci il pantografo. ( operazione delicata .... occhio a trombe e fischi ... )
Trovato il punto in cui, anche il pantografo, ci passa bene, allora abbiamo la posizione "esatta"; la fissiamo, ci mettiamo un paio di rinforzi di sicurezza, sul "dietro", e .... tiriamo un sospirone di sollievo. ( Ohhh ... siiiii .... ci siamo ... cribbio ... sono due ore, che stò col pennello della vinavil in mano ...)

Ultima raccomandazione, ( .. ancoraaaa ? ... ) se qualcuna, anche soltanto UNA, di queste "verifiche-condizioni" non è giusta, non è sicura o non và bene .... FERMATEVI !! ... BLOCCATE TUTTO !!
In questi casi, dobbiamo cambiare l'imboccatura della galleria o, ridisegnarne e modificarne, il profilo di ingresso, ... non ci sono "forse" o "ma però" ... và CAM-BIA-TA !!. ( niente compromessi da ... brivido )

Adesso, andiamo con la catenaria; non vi parlerò di TUTTA la catenaria, perchè dopo la galleria può essere: o, messa dappertutto ( tipo funzionante ), oppure solo uno "scivolo" dopo l'imbocco ( non funzionante ); quindi, vi parlerò solo della parte che riguarda l'imbocco.

- La Catenaria sull'Imbocco Singolo.
In generale, per la catenaria, il pensiero, và trattato come il ghiaino; dobbiamo prepararne un pezzo "fuori" con almeno UN palo fissato, poi "entrare" nell'imbocco e fissarla fino a dove abbiamo deciso noi.
Nella realtà, quando l'imbocco è "singolo" o il "soffitto" è basso, tipo "gallerie dell'epoca del Vapore", la catenaria si divide in "altezza"; un capo-corda, il "filo superiore", viena ancorato e fissato ad una mensola, murata sul frontale dell'imbocco.
L'altro capo-corda o "filo inferiore", entra in galleria, che poi viene sostenuto da altri tipi di "mensole" o "bracci". ( .. sono gli imbocchi più caratteristici delle vecchie Ferrovie .. o dei diorami )
In questo caso, per noi modellisti, la parte interna è "libera" dai vincoli estetici, e la possiamo gestire con materiale differente, più robusto, a seconda delle nostre capacità costruttive.

- La Catenaria sull'Imbocco Doppio.
Quando invece, l'imbocco, è "doppio", oppure il "soffitto" lo consente, nella realtà, la catenaria entra "intera" nella galleria, e quì il discorso modellistico cambia, anche in base ad altre considerazioni.
Negli ingressi "doppi", dobbiamo controllare se da "fuori", ( anche accucciandosi ), si riesce a "vederne" il soffitto, in genere, nella maggioranza dei casi, NON lo si vede, e quindi, siamo "liberi" di fissarla nella maniera che ci pare e piace.
Nel caso però, che si "vedesse" anche il "soffitto"; dobbiamo realizzare, catenaria, mensole, bracci "assieme" alle "pareti interne", per tutto quel pezzo in cui, lo si può vedere dall'esterno. ( ... questa operazione ... affrontatela "dopo" che avrete letto, anche la parte "Muri Interni" delle gallerie ).

Adesso facciamo un riposino, ma ... non finisce mica quì, pensavate davvero che, mettere una galleria quà, ed una là, fosse una cosa da fare a tavolino col catalogo in mano ???
Il bello .... deve ancora venire ... perchè vi parlerò anche di altre gallerie da mettere nel vostro micromondo ... quelle tipo "Liguria", sisssì, proprio quelle .... ( .. e mettete via quel pennello, che tanto la vinavil, vi si è seccata in mano ...)

Saluti dalla Toscana ... Armando FK
 

Statistiche


©2008/2009 Ferramatori.it è solo un punto d'incontro, tutti i diritti riservati sono di ogni singolo autore.
Se c'è sfuggito qualcosa segnalatelo che provvederemo immediatamente a risolvere l'eventuale equivoco.
1.42